Home Forum General La nemesi del Librogame Un altro mito se ne va
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

LGL Login



Segui LGL su Twitter

LGL su Facebook



Utenti online

  • Shaman

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Con che frequenza leggete librogame o letteratura interattiva in generale, indipendentemente dalla forma in cui essa è presentata (cartacea, digitale, app)?

JoomlaStats Visitor Details

Unknown Unknown
Unknown Unknown

Your IP: 54.224.214.93

Un altro mito se ne va

Re: Un altro mito se ne va

Posto fisso a tempo indeterminato nella propria città, ferie pagate, macchina e casa di proprietà, famiglia stabile... fa pensare che oggi Fantozzi non sarebbe più il simbolo dello sfigato ma del privilegiato. Fa pensare TROPPO.

"Un velo nero ti impedisce di vedere altro. La tua vita termina qui: nel campo di battaglia, con la mitica Blood Sword tra le mani, felice per la sconfitta dei Veri Maghi." Adriano, Blood Sword PBM
http://www.caponatameccanica.com

Mornon
Saccente Supremo
Amministratore
useravatar
Offline
4819 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Un altro mito se ne va

Mornon ha scritto:

Fantozzi non sarebbe più il simbolo dello sfigato ma del privilegiato. Fa pensare TROPPO.

In effetti ci sono due possibilità: o ci sbagliavamo prima o ci sbagliamo adesso. bigsmile

monpracem
Scienziato Pazzo
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1486 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Un altro mito se ne va

Mornon ha scritto:

fa pensare che oggi Fantozzi non sarebbe più il simbolo dello sfigato ma del privilegiato. Fa pensare TROPPO.

E' una considerazione che ho fatto spesso anche io. Un tempo entrare come impiegato amministrativo al Comune o al Ministero era il sogno proibito di chi riusciva a prendere un diploma, mentre le persone con la laurea avevano ben altri obiettivi e ben altre remunerazioni. Oggi invece riuscire a entrae in un'amministrazione con qualsiasi ruolo, anche il più basso, è considerata una fortuna incredibile anche per chiunque.
Detto questo le abberrazioni della routine impiegatizia e la piattezza di vita dell'Italiano "medio" di cui ci ha parlato Villaggio, fatti i dovuti paragoni, restano attuali anche ai giorni nostri.

Prodo
Direttore
Amministratore
useravatar
Offline
8651 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Un altro mito se ne va

Prodo ha scritto:

Detto questo le abberrazioni della routine impiegatizia e la piattezza di vita dell'Italiano "medio" di cui ci ha parlato Villaggio, fatti i dovuti paragoni, restano attuali anche ai giorni nostri.

Sì Prodo, ma niente a che vedere con la vita fatta di salti carpati tripli quotidiani che deve fare un qualsiasi freelancer, libero professionista, malimpiegato, contrattualizzato, cococo, piripirigne italiano dei nostri giorni... sad

"Un velo nero ti impedisce di vedere altro. La tua vita termina qui: nel campo di battaglia, con la mitica Blood Sword tra le mani, felice per la sconfitta dei Veri Maghi." Adriano, Blood Sword PBM
http://www.caponatameccanica.com

Mornon
Saccente Supremo
Amministratore
useravatar
Offline
4819 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Un altro mito se ne va

Mornon ha scritto:


Prodo ha scritto:
Detto questo le abberrazioni della routine impiegatizia e la piattezza di vita dell'Italiano "medio" di cui ci ha parlato Villaggio, fatti i dovuti paragoni, restano attuali anche ai giorni nostri.
Sì Prodo, ma niente a che vedere con la vita fatta di salti carpati tripli quotidiani che deve fare un qualsiasi freelancer, libero professionista, malimpiegato, contrattualizzato, cococo, piripirigne italiano dei nostri giorni

Sono passato direttamente dai lavori in nero da ragazzino (per fortuna almeno non c'erano i voucher) alla partita IVA. Ferie pagate, malattia, permessi, tredicesima, quattordicesima, di cui sento discutere sono per me alla stregua di racconti mitologici di qualche "golden age" di tempi arcaici, stento perfino a pensare che siano veri.
Tuttavia l'anno scorso entrando a lavorare (sempre come partita iva) nell'attuale azienda ho contrattato una retribuzione fissa per il mese di agosto anche se siamo chiusi. Di fatto per la prima volta in vita mia farò delle ferie pagate. Commozione...  sad2
Si, il ragioniere non se la passava poi tanto male dopo tutto.

ilsaggio79
Principe del Sole
ranks
useravatar
Offline
5738 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Un altro mito se ne va

I due discorsi non si autoescludono ma si completano.
l'attualità di oggi vede sia le abberrazioni della routine impiegatizia e la piattezza di vita dell'Italiano "medio" di cui ci ha parlato Villaggio (e aggiungo io anche le vigliacche furberie dei furbetti del cartellino odierni) sia la piaga del lavoro iper precarizzato e delle regole del lavoro autonomo, che mettono sul tapis roulant a velocitòà massima il lavoratore, che metà del suo guadagno lo perde in tasse e assicurazioni e deve dividere l'atomo nel calendario per ritagliarsi, se può permetterselo, qualche giorno di ferie.
Nella mia esperienza le ferie hanno spesso coinciso (e potrebbero riverificarsi) con la scadenza di un contratto e l'inizio di un altro, anche da diverso datore di lavoro.

In questo libro il protagonista sei TU!

LordAxim
Direttor. Lup. Mann.
Grande Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
991 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Un altro mito se ne va

Prodo ha scritto:

Detto questo le abberrazioni della [b]routine impiegatizia[b] e la piattezza di vita dell'Italiano "medio" di cui ci ha parlato Villaggio, fatti i dovuti paragoni, restano attuali anche ai giorni nostri.

Di cui tu sei un esimio esponente...

Il mondo si divide in 2 categorie: chi ha la pistola carica e chi scava. Tu scavi.

Ald
Responsabile Community
Amministratore
useravatar
Offline
2274 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Un altro mito se ne va

Mornon ha scritto:

Posto fisso a tempo indeterminato nella propria città, ferie pagate, macchina e casa di proprietà, famiglia stabile...

Per non parlare della pensione verso i sessant'anni.
Davvero, c'è qualcosa che non quadra...

"Se non volete sentir ragioni, sentirete il filo delle nostre spade!"

Rygar
Tetro Lettore / Grim Reader
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1897 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Info Forum

Statistiche Forum:
 
Totale Discussioni:
3984
Totale Sondaggi:
87
Totale Messaggi:
125876
Media messaggi per ora:
1.7
Info Utenti:
 
Totale Utenti:
3708
Ultimo Utente Registrato:
zsikjsdh