Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

LGL Login



Segui LGL su Twitter

LGL su Facebook



Utenti online

  • mark phoenix 79

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Grandi fiere ludiche e interattive nell'era covid: Modena a settembre, Lucca a novembre. Se si dovessero realmente tenere ci andrai?

JoomlaStats Visitor Details

Unknown Unknown
Unknown Unknown

Your IP: 3.235.45.196

Recensione

Falcon 1: Il Lord Traditore
Edizione Mondadori 1988
autore/i Mark Smith,Jamie Thomson
Recensore Yaztromo

Mark Smith e Jamie Thomson, assieme anche a Dave Morris e Oliver Johnson, hanno spesso scritto in collaborazione tra di loro (un po' come il gruppo di autori francesi ingaggiati dalla Hachette) e, pur non essendo "titolari" delle saghe super storiche della letteratura a bivi degli anno Ottanta e Novanta (tipo Scegli la Tua Avventura, Fighting Fantasy oppure Lone Wolf) alle quali, tra l'altro, hanno occasionalmente contribuito, hanno scritto e pubblicato alcuni dei librigame piu' iconici dal punto di vista della ambientazione o della meccanica di gioco (si va da Realta' Virtuale a Ninja, fino a Fatemaster/Fantastica Games e Fabled Lands...).
Una serie che e' considerata ai massimi livelli da parte di tutti gli esperti, ma che non ha avuto la fortuna commerciale di altre serie, e' Falcon, saga fantascientifica basata sui viaggi nel tempo.

Io ho cercato di spiegarmi con molta fatica perche' per esempio Golden Dragon, serie fantasy stra-classica senza grandi guizzi dei loro amici e colleghi Dave Morris e Oliver Johnson, abbia avuto piu' seguito di Falcon, saga fantascientifica con molte piu' invenzioni interessanti e l'unica spiegazione che ho saputo darmi e' stata che al tempo la fantascienza agli occhi dei giovani lettori era qualcosa di "vecchio e stantio", che interessava piu' che altro i loro genitori. Infatti, subito prima dello sviluppo enorme e dell'invasione del fantasy sia nella letteratura che nel cinema, che nel gioco di ruolo (fantasy che ha preceduto e in parte accompagnato la nascita dei librogame), le ambientazioni fantastiche piu' in voga erano quelle fantascientifiche, con qualche deviazione sul tema peplum.

Oggi come oggi, col senno del poi, sono sicuro che pochissimi metterebbero da parte la serie Falcon per Golden Dragon, eppure all'epoca la moda ha portato a questo!
Insomma, forse Falcon e' stata la collana giusta al momento sbagliato!
Grazie sempre e comunque a Mondadori, che all'epoca ha tradotto questa saga e l'ha portata in Italia.

Tanto per cominciare dalla copertina, proseguendo con le immagini interne, bisogna dire che questa serie fa molto colpo sui ragazzini con illustrazioni accattivanti, specialmente per quanto concerne i mezzi di trasporto (anche nel tempo!) e l'equipaggiamento fantascientifico (armi incluse) dell'Agente Falcon, fatti stile "Scheda Tecnica".

L'ambientazione, pur non dilungandosi, fornisce anche dei dettagli che poi saranno critici per la soluzione del librogame: sei un cittadino della Terra del 3033 e hai appena completato il tuo addestramento da Agente Speciale dell'agenzia nota come TEMPO, la quale, dopo la scoperta dei viaggi nel passato attraverso certe rare singolarita' nell tessuto spazio-temporale, che possono essere piu' o meno stabili, e' incaricata di vigilare che nessuno faccia dei disastri con le linee temporali. Si tratta di una vera elite, come scopriremo presto, visto che le macchine del tempo "ufficiali" sono solo undici, inclusa la nostra! Tra queste, ben cinque sono dei Lord che comandano la nostra agenzia e che provengono da cinque pianeti abitati da specie intelligenti, e che si sono federati.

Il regolamento, basato sulla meccanica superclassica 2d6 con modificatori vari, e' semplice ed efficace: la tua piu' grande prerogativa sono i poteri psichici che ti permetteranno di stordire o controllare altre persone o alieni, ma potrai anche dover ricorrere a degli attacchi fisici (con moltissima parsimonia, perche' uccidere qualcuno nel passato potrebbe avere gravi conseguenze nel tuo presente) e, non di rado, dovrai invece concentratri nello schivare i colpi nemici, mentre te la squagli per evitare di combinare disastri. Ovviamente poi c'e' un punteggio per assicurarsi che tu sia ancora vivo nonostanze ferite o stanchezza e questo si compone di venti punti fissi per tutti all'inizio dell'avventura.

Oltre a questo, a seconda dei paragrafi che incontrerai, potrai accumulare un certo numero di lettere che a fine avventura ti permetteranno di realizzare un punteggio per valutare quanto bravo sei stato tu come giocatore, anziche' quanto bravo e' stato il tuo personaggio.

Detto questo, il primo volume della serie e' Il Lord Traditore e vede l'Agente Speciale Falcon, freschissimo di accademia, in azione ancora prima della cerimonia di nomina! Il suo capo, e il capo del suo capo, gli affidano infatti una missione "informale" con lo scopo di scoprire quale dei cinque Lord a capo dell'organizzazione TEMPO sia il colpevole della morte di uno dei pochissimi altri Agenti Speciali.

Le informazioni che potremo raccogliere dai database sulla storia e la personalita' dei vari individui che fronteggeremo (di varie razze aliene, ognuna con la sua cultura e le sue peculiarita') sono molte e andranno analizzate con la debita attenzione, ma comunque da sole non saranno mai definitive, per cui dovremo acquisire altre prove di colpevolezza interrogando con molta diplomazia, seguendo tracce e, ovviamente, viaggiando nel tempo attraverso le relativamente poche singolarita' disponibili.

Insomma, se vorremo fare strada dovremo fare nostro il motto mazziniano "Pensiero e Azione", stando sempre attenti a mantenere un basso profilo e a non combinare guai nel passato, ma non potremo nemmeno starcene sempre con le mani in mano e certi rischi calcolati dovremo saperceli prendere con una certa celerita'. Il fattore tempo, non credo sia una sorpresa, per noi sara' critico e dovremo stare attentissimi a non perderlo, perche' i nostri aversari potranno cambiare il corso della storia anche avendo a disposizione pochi minuti! In effetti i nostri margini di errore saranno piuttosto limitati.

In una girandola di azione ad alto ritmo, voltafaccia e attacchi dove meno ce li saremmo aspettati, dopo aver viaggiato per almeno due pianeti e tre ere diverse (molto interessanti le ricostruzioni storiche sia riferite al passato del pianeta Terra -dove per esempio potremo incontrare perfino Napoleone- che di altri pianeti, altrettanto affascinanti) potremo finalmente sbrogliare la matassa e identificare i colpevoli, giungendo all'ultimo paragrafo!

Come per tutti i librogame a sfondo investigativo non si puo' in sede di recensione scendere troppo nel dettaglio, per non rovinare la sorpresa, ma, sia l'indagine (lasciata molto libera e piena di alternative praticabili) che la caratterizzazione dei personaggi e le descrizioni delle tecnologie, sono di altissimo livello e non possono che soddisfare ogni palato.

Longevità 6.5: 

Da un lato, come per tutte le indagini, quando hai scoperto il colpevole ti cala la voglia di rileggerlo, dall'altro pero' ci sono parecchie possibilita' di scelta "reali" e non apparenti, che e' interessante esplorare per bene in letture successive. In generale, si tratta di un volume ideale da tenere nella propria libreria e rileggere di tanto in tanto, gustandosi ogni pagina.

Difficoltà 7: 

E' un'avventura che piu' di qualche volta non ti perdona, sia che si sbagli una scelta, sia che si fallisca un lancio di dadi, ma non ti fa letteralmente impazzire come altri librogame.

Giocabilità 10: 

La meccanica di gioco e la sua ottima implementazione nell'ambito dell'avventura e' un punto di forza e sicuramente una delle eccellenze di questa serie.

Chicca: 

La "figaggine" del tuo equipaggiamento supertecnologico! Supera perfino la "figaggine" di incontrare Napoleone!

Totale 9: 

Si tratta di una delle migliori serie di librogame di tutti i tempi e questo e' uno dei volumi piu' riusciti della serie. Nient'altro da aggiungere!