Seleziona un forum

Seleziona un forum

Fatto. Allora, bella l'idea iniziale, il paradosso di fare un librogame corto che parla di come scrivere un librogame corto. Questo funziona. Il resto mi lascia più perplesso: è molto ombelicale, nel senso che il pubblico che apprezzerà questa storia è composto da chi partecipa al concorso dei librogame corti. Per me che sono più esterno molti riferimenti sono poco riconoscibili e alcune parti, specie se rigiocate, sono poco avvincenti. Se le premesse sono buone, lo svolgimento è meno riuscito. Anche il nesso con la terra, l'uso dei minerali per la creazione della storia, mi pare labile.

fbrzvnrnd
useravatar
Offline
Add post to split topic  

Re:

Il Corto parte da uno spunto molto simpatico e abbastanza originale, la scelta del tema non può lasciare indifferenti gli utenti di LGL che hanno partecipato al concorso ma questa è un’arma a doppio taglio, perché assume anche i contorni della paraculata, della captatio benevolentiae nei confronti di quegli utenti.

Dopo qualche perplessità iniziale, ho trovato intelligente il gioco del meccanismo dell’alea descritto nel testo (e inserito nel Corto stesso, un elemento metanarrativo che è più simpatico che sterilmente autoreferenziale), e mi sono convinto che l’autore ha fatto bene a rendere difficili i quesiti: altrimenti non ci sarebbe stata alea, no? Il riferimento agli enigmi numerici non l’ho trovato, forse mi è sfuggito o forse è stato buttato là senza avere un corrispettivo in game.

Però gli altri meccanismi di gioco, cioè ricordarsi quali elementi e quali reazioni si sono ottenuti, non mi hanno convinto (ignorante io, ma anche poche indicazioni utili fornite dall’autore su come e cosa ricordarsi), così come già alla seconda lettura il Corto risulta piuttosto ripetitivo perché i percorsi possibili per ognuna delle tre scelte iniziali sono strutturalmente gli stessi, anche se in alcuni casi si sviluppano in più paragrafi.

L’aderenza al tema mi è sembrata assai blanda, anzi decisamente da fuori concorso. E i refusi sono tantissimi, decisamente troppi.

Voto inviato a Zakimos

GGigassi
useravatar
Offline
Add post to split topic  

Re:

Recensione "La Grande opera"



Trama: un autore che partecipa ai Corti e vuole scrivere IL corto che lo farà vincere, aiutato da l'Igor di turno e fa il parallelo tra la scrittura di un Corto e l'elaborazione di una preparazione alchemica (La Grande Opera, appunto).

Narrazione: L'autore ha scritto più Corti in uno, c'è qualche refuso (ma questo non influisce sul mio voto) e una bella analisi dei Generi e dei loro sottogeneri, come l'horror lovecraftiano e l'horror B-Movie degli anni 80 per esempio. La narrazione è piacevole e uno impara molte cose sulla storia e l'evoluzione dei nostri generi letterari preferiti. Però, avrei evitato i paragrafi copia/incolla.

Divertimento: Mi è piaciuta la visione di un autore di LG, i suoi sforzi per fare una cosa bella e ho avuto l'impressione di rivedermi, a volte, quando scrivo (no, non ho il servo storpio). Però, le classiche pecche di un Corto sono qui: c'è troppo autoriferimento. Cosa penserà un nuovo lettore del paragrafo nel quale si nominano Mornon, Ggigassi o altri mostri sacri del forum? Non potrebbero capire la battuta e così faresti un buco nell'acqua. Quindi, ci si diverte, ma è rimasto un'opera per intenditori.

Giocabilità: Purtroppo, l'aspetto ludico è il punto debole di questo racconto. Si fanno delle scelte e la longevità del racconto è buona, ma non mi è piaciuto il fatto di dover ricordare di aver messo del tartaro di calcio, del solfato di non so cosa o degli occhi di tritone nel crogiolo e ricordarmi pure non so quale elemento utilizzato come combustibile (fuoco segreto). Inoltre, le domande sugli alberi o le farfalle sono troppo difficili! Non tutti hanno la tua passione per la scienza e mi chiedo se è ammesso dal bando di poter aprire il browser del computer/tablet/smartphone del device sul quale si legge il corto, accedere al motore di ricerca e aprire una pagina Wikipedia, dopotutto gli elementi esterni sono vietati, no? Quindi, almeno di aver mangiato pane e Piero Angela, non puoi giocare correttamente.

Conclusione: Un corto con molte buone idee, l'autore ha fatto una perfetta sintesi dell'essere scrittore e partecipare a concorsi o premi, con le sue frustrazioni e non solo (il finale mi è piaciuto). Però, non mi ha convinto al livello ludico ed è riservato ai pochi connaisseurs, peccato.

Voto inviato ad Anima di Lupo

"We will survive, fighting for our lives, the winds of fortune always lead us on,forever free, for the world to see,the fearless masters, Masters of the sea"

Pirata delle Alpi
useravatar
Offline
Add post to split topic  

Re:

Pirata delle Alpi ha scritto:

Quindi, almeno di aver mangiato pane e Piero Angela

si dice "a meno", staccato.
"Almeno" significa "come minimo" (e nient'altro).

Qui è spiegato il dilemma
http://linguaegrammatica.com/a-meno-che … e-scrivere
Per la verità, è spiegato in modo talmente sgrammaticato da farmi dubitare delle capacità di chi ha scritto questo articolo. Ma prendilo per buono.

To serve and correct

Mancolista/Doppiolista

gabrieleud
useravatar
Offline
Add post to split topic  

Re:

Pirata delle Alpi ha scritto:

no, non ho il servo storpio

yikes Davvero? Sei l'unico qua dentro hmm
Altrimenti, come farei a "scrivere" così tanti Corti? bigsmile2

GGigassi
useravatar
Offline
Add post to split topic  

Re:

Ecco la mia valutazione di "La grande opera".

PLUS

+ Molto bella l'idea di costruire la storia in modo interattivo e progressivo, come se fosse una ricetta alchemica.

+ Il messaggio contenuto nei finali è davvero bello e toccante, l'ho apprezzato molto.

+ Bella l'idea di gestire alcuni bivi con domande di cultura generale.

+ I canovacci delle trame proposte sono interessanti e riescono a donare un tocco di originalità al cliché delle classiche storie archetipiche.

+ Prima che subentri il tedio del copia&incolla selvaggio, lo stile di scrittura è piacevole e coinvolgente.

MINUS

- Si indugia troppo sulle specifiche alchemiche senza reale giustificazione né spiegazione, alla lunga la cosa diventa tediosa.

- Il corto è fuori tema.

- L'impaginazione è approssimativa, ci sono molti errori e refusi.

- L'interattività è aleatoria, alla fine le scelte reali sono poche e del tutto ininfluenti rispetto al dipanarsi e alla conclusione della storia. Qualunque cosa faremo arriveremo allo stesso finale copia&incollato 5 volte.

- Troppo copia&incolla in una marea di paragrafi, identici se non per pochissime differenze; quasi impossibili da cogliere, soprattutto dopo averne letti 3 o 4 dello stesso tipo.

- Il gameplay è solo in embrione, l'esperienza è fine a se stessa e non porta a un reale sviluppo compiuto della storia.

- Se si tirano in ballo riferimenti, citazioni e si scomodano mostri sacri come Harlan Ellison o Ursula Le Guin non è ammissibile sbagliarne i nomi. Mi dispiace, ma in questo caso il refuso è inaccettabile.

CONCLUSIONE

"La grande opera" è un corto fuori tema che ha però grandi potenzialità in fieri. Una grande idea di base che, purtroppo, non è stata sviluppata a dovere e rimane quindi monca e deludente.
L'iniziale entusiasmo derivante dalla possibilità di creare trame diverse in base alle nostre scelte, viene uccisa quasi subito non appena si capisce che qualunque strada sceglieremo, arriveremo comunque allo stesso identico finale. In pratica non c'è nessun bivio reale, o meglio, ogni scelta è inutile, fine a se stessa.
Se a questa già grave pecca uniamo il fatto che una singola partita non dura più di una decina di paragrafi, diventa evidente come l'esperienza ludica è praticamente inesistente.
È un vero peccato perché le trame proposte sono tutte molto intriganti, con il pregio di prendere il classico cliché di genere e speziarlo con alcuni dettagli originali e stimolanti. Confesso che mi piacerebbe molto leggere un librogame completo per ognuna delle bozze di trama proposte in questo corto. Anche perché, al netto del copia&incolla troppo abusato, lo stile dell'autore è efficace e coinvolgente.
Ancora una volta ho avuto la netta sensazione di un'idea bella, originale e potente sprecata dalla fretta di partecipare al concorso.

Analisi e voto inviati a Zakimos

RaccontoGame SOTTO TERRA: Gioca Subito!


Sotto Terra per Android
Sotto Terra per Apple iOS

DarkSeed
useravatar
Offline
Add post to split topic  

Re:

Il grafo di "La grande opera" (52 paragrafi).

Interattività: 71,2% (37 bivi)
Mortalità: 0% (0 morti)

http://i64.tinypic.com/n5o328.png

RaccontoGame SOTTO TERRA: Gioca Subito!


Sotto Terra per Android
Sotto Terra per Apple iOS

DarkSeed
useravatar
Offline
Add post to split topic  

Re:

Curioso corto scritto probabilmente in extremis visti i molti refusi che vuole rendere omaggio a tutti gli scrittori di Librogame e al sito internet di riferimento con i suoi "personaggi".
L'autore è molto bravo a narrare una storia e in particolar modo i dialoghi, molto particolare ed originale dove il lettore/giocatore si trova a dover fare i conti con le scelte che si trova o si è trovato a fare un autore che si cimenta nel concorso dei corti. Il tutto riproposto con sentimento, passione, un pizzico di nostalgia e romanticismo.
Il protagonista è affiancato da Quasimodo, l'aiutante tuttofare che lo aiuta e sostiene. Il loro lavoro di scrittura è una composizione da alchimisti e le scelte sono spesso inquadrate in domande anche difficili di materie scientifiche.     
Non percepisco nessuna attinenza al tema "la terra" ed anche il giocare questo corto non avvince.
Complimenti tuttavia all'autore per aver saputo trasmettere belle emozioni a noi di Lgl.
Voto inviato a Zakimos

Votiamo In Enciclopedia!
Copiate i messaggi prima di inviarli -pericolo slog/perdita dati!-

sancio
useravatar
Offline
Add post to split topic  

Re:

La grande opera
Il LG a metà fra il conte di Cagliostro e il conte Von Frankenstin [Come dice Aigor]

Una vera e propria sorpresa. Magari col tema del contest c’entra veramente poco, ma è una vera e propria chicca, che seppur non esente da errori, per me è il migliore dell’esa-contest.
Perchè il migliore? La prima ragione è quella di poter capire con buona dose ironica chi sono i membri attivi del forum e del sito; anche io che sono un rookie, sono riuscito a capire la conoscenza dell’autore dell’ambiente e mi ha trasmesso un senso di serenità assoluto.
Non solo ha avuto questo effetto, ma mi ha irretito talmente tanto, che mi ha isolato nel confusionario tragitto che mi riportava a casa, facendomi quasi saltare la fermata di arrivo.
Un modo di scrivere così garbato che mi ha rinfrancato.
Tanti bivi e tante scelte come quasi nessun’altro nel cotest ha saputo fare, se non il destino di Dastardly.
Così come ho apprezzato il fatto di riutilizzare con minime variazioni alcuni paragrafi, presi da lati differenti.
D’altronde avendo poco tempo questa è una soluzione di ottimizzazione e parlando del poco tempo, mi è venuto da dirlo, perchè di refusi ce ne sono parecchi e per esserme accorto io, dovevano essere tanti.
Quasi mi scordavo la caratterizzazione dei personaggi che è veramente empatica.
Una bellissima sessione di gioco-lettura.

Giocabilità in qualsiasi luogo
Se escludo il primo corto, questo è quello che ho gioco-letto più in scioltezza. Anzi l’ho trovato meravigliosamente pacato e rilassante.
Pro
- Il gusto e la sensazione bella dopo averlo letto.
- L’aver saputo sfruttare il regolamento senza dover fare calcoli o sforzi mnemonici come nel fantasy di Bartlett.
- L’aver utilizzato delle domande di cultura per alcuni dilemmi (anche se non facilissime)
Contro
- La rilassatezza era talmente tanta che mi ero perso alcuni elementi alchemici da ricordarmi per andare avanti.
- Diversi refusi
-

Ipotesi genere
”questo mi ha lasciato il campo più aperto. Epico fantasy? Steampunk? davvero l'interpretazione di Dio?”
Altro cannato completamente. Siamo all’alchimia.

Centratura tema contest
Per me completamente fuori tema, ma devo dire che non è assolutamente un problema.
Tempo di lettura
Circa 1 ora. Ma veramente rilassante.

Voto in invio in PM a LordAxim

Tomcat75
useravatar
Offline
Add post to split topic  

Re:

Tomcat75 ha scritto:

il destino di Dastardly

Doppio accidenti!  applauso

To serve and correct

Mancolista/Doppiolista

gabrieleud
useravatar
Offline
Add post to split topic  

Re:

...interessante, e' un corto sui corti: quindi e'  un meta-corto!  applauso

Seven_Legion
useravatar
Offline
Add post to split topic  

Re:

Tomcat75 ha scritto:

la conoscenza dell’autore dell’ambiente mi ha trasmesso un senso di serenità assoluto.

yikes Addirittura!

GGigassi
useravatar
Offline
Add post to split topic  

Re:

Seven_Legion ha scritto:

...interessante, e' un corto sui corti: quindi e'  un meta-corto!  applauso

E l'altra metà?
[GRAUCHO Mode OFF]

Tomcat75
useravatar
Offline
Add post to split topic  

Re:

GGigassi ha scritto:

Tomcat75 ha scritto:

la conoscenza dell’autore dell’ambiente mi ha trasmesso un senso di serenità assoluto.

yikes Addirittura!

Raramente mi era capitato. Devi tenere conto che sono un neofita del sito...

Tomcat75
useravatar
Offline
Add post to split topic  

Re:

Ed eccoci arrivati al meta-corto: ormai c'è ogni anno un racconto che sfonda la c.d. quarta parete e strizza l'occhio ai vecchi utenti del forum. Anzi, in questa edizioni sono più i racconti "atipici" che quelli "tipici", cosa cheporterà presto a ribaltare il concetto di "normalità" con un colpo di scena à la "I am Legend".

Ma come è fatto esattamente questo corto? La forma, devo dire, non è delle più esaltanti. Ai molti (troppi) refusi si aggiunge anche un uso eccessivo del copia-incolla, dove per eccessivo intendo ">0". So bene che molti autori blasonati vi fanno ricorso ma io non lo ho mai usato in un mio libro lungo dieci volte il corto in questione, quindi non me la sento di essere troppo clemente con l'autore.
Sul piano della sostanza le cose vanno molto meglio perché i dialoghi tra il professore e l'assistente richiamano tutti i conflitti interiori che agitano la mente dell'autore nelle settimane della stesura: si vede che lo scrittore non è un neofita nel campo della narrativa interattiva. Ma dirò di più, non è nemmeno un neofita nella narrativa tradizionale e nel cinema, viste le innumerevoli citazioni elargite a piene mani.
Purtroppo l'esperienza ludica si riduce a cercare la formula "giusta" in un continuo loop narrativo che, visti i succitati difetti formali, risulta pesante già dopo un pajo di giocate. Se l'autore avesse curato un po' di più questi aspetti avremmo avuto tra le mani una perla rara, invece che un abbozzo.
Il tema del concorso mi risulta "non pervenuto" ma se è in gara non mi pronuncio sulla liceità.

Voto inviato ad Anima di Lupo.

"Se non volete sentir ragioni, sentirete il filo delle nostre spade!"

Rygar
useravatar
Offline
Add post to split topic  

Re:

Stavolta ho poco tempo, magari domani integrerò con un commento più dettagliato.
Questo forse è stato il corto più interessante, un racconto su come è stato scritto un corto.
L'idea è ottima e gli avrei dato il massimo dei voti ma complice una serie di descrizioni un po' troppo pesanti, i tanti refusi e una rigiocabilità un po' ridotta devo abbassare il voto.
Peccato perché si vede che dietro c'è stato un gran lavoro nel reperire tutta una serie di informazioni tecniche, il corto è pieno di riferimenti alle edizioni passate e  il messaggio finale è da applausi.
Però alcuni paragrafi sono macigni da leggere, seppur scritti benissimo.
Nel mio voto non ha influito né il fatto che è potenzialmente fuori concorso, né i paragrafi ripetuti al limite del copia-incolla (che per me non è un difetto).

Voto inviato a Anima di Lupo.

"Lo sai come dev'esse lo sguardo del carabiniere? Pronto, acuto e profondo".

Adriano
useravatar
Offline
Add post to split topic  

Re:

Ed eccoci giunti alla conclusione. Ultimi giudizi sulla Triade, dopodiché da oggi inizia la settimana di riflessione per poter modificare i propri voti.

ANIMA DI LUPO
Si chiude il Concorso 2019, breve ma molto inteso. L'ultimo Corto, in particolare, mi ha fatto riflettere sul finale. "Noi non scriviamo per vincere qualcosa o perché qualcuno tessa le nostre lodi o ci premi a Lucca Comics, noi lo facciamo perché abbiamo dentro delle storie da raccontare, le vediamo in sogno e le le viviamo nella nostra mente, ci permettono di fuggire dalla realtà, di non pensare a quello che ci circonda quando ci mettiamo a scrivere, di lasciare per un po' malumori e problemi fuori dalla porta"
Giusto.
Facciamo tutti così qui su LGL, no?
Su LGL tutti gli utenti sono mossi da una passione disinteressata. Salvo qualche caso rarissimo (forse), negli anni tutti hanno collaborato a titolo gratuito e se giravano troppi "bravo!", troppi "complimenti, caro!" credo che fossero per far migliorare un utente.
Lo stesso premio appena istituito al Lucca Comics nel 2018 da LGL è una motivazione per fare meglio, non certo un traguardo da raggiungere o un trofeo di cui vantarsi con gli amici.
Mi trovo perfettamente in sintonia dunque con questo principio perché è pericoloso distanziarsi dalla passione vera, dall'essenza. Se iniziassimo a pensare solo al profitto o a un generale interesse (pensate voi a quale), guai. Sforneremmo magari opere tutte uguali e spente.

LORD AXIM
Chiude la parata di Corti dell’edizione 2019 “La Grande Opera”, un meta-corto che porta con sé un gran numero di idee che purtroppo sono solo suggerite dall’Autore e non svolte (certo avrebbe avuto bisogno di molto più spazio per svolgerle). Beninteso, mi auguro che in queste settimane si sia messo “all’opera” per svolgerle tutte! Nel complesso tuttavia l’Autore delinea tre “filoni” che si ripetono conditi da qualche domanda di cultura e un finale degno del nostro famoso “toto-corti”. L’unico rammarico è quello di rimanere a bocca asciutta alla fine dell’Opera, perché il Corto in sé è una “grande opera” di sponsorizzazione del nostro Concorso, ma non ci coinvolge in una “avventura”, come invece mi sarei aspettato.
Lo stile del nostro Autore è (quasi) impeccabile, al netto di qualche piccolo refuso: la scrittura è fluida, le scelte semantiche appropriate, si legge volentieri tutto d’un fiato. La difficoltà, data la struttura del Corto, non è valutabile. L’aderenza al bando è risicata, il tema è il Corto stesso, più che la Terra.

ZAKIMOS
Rabbia. Questo è stato il sentimento che ho provato quando ho letto La Grande Opera. Lo so, esagero. L'autore dopotutto è stato molto chiaro a proposito: a lui non interessava partecipare per vincere, voleva solo raccontare una storia. È quello che ha fatto e lo ha fatto molto bene, se si esclude l'abuso del copia incolla. Io sono sicuro che lui è soddisfatto così, ma mi permetto di rispondere una cosa al bel finale del corto: non mi è piaciuta l'alternativa posta dal narratore tra lo scrivere per ottenere l'approvazione altrui e il farlo perché si hanno storie da raccontare. Io penso che partecipare al Concorso dei Corti serva per una terza ragione oltre a quelle due, che è migliorare se stessi, il proprio stile e la qualità delle storie che andiamo a raccontare, spinti dalla passione. L'alternativa non è svendersi, a mio modo di vedere, quanto sprecare un talento: un po' quello che hai fatto tu con questo interessante corto, misterioso autore.

Zakimos
useravatar
Offline
Add post to split topic  

Re:

Recupero con la settimana bonus questo corto, di cui darò una recensione veloce e (per non perdere l'abitudine) disordinata.

Numerosissimissimi refusi! Troppi! Penalizzerò leggermente nel voto a causa di ciò: ci sta la presenza di alcuni refusi, che in tutti gli altri corti non ho mai penalizzato, ma qui ce ne sono davvero una marea.
Originalissima meta-narrazione sulla scrittura di un corto per il concorso dei corti di quest'anno. Scegliere come costruire e come sviluppare la trama tra le tante possibilità è stato divertente. Trovo buona l'idea di chiedersi a un certo punto se il corto è in tema, e in base a come la si pensi, e se quindi si decida di correggere o meno il tiro, ottenere un risultato in classifica differente.
Ottimo il finale, anzi i 5 diversi finali (Darky qui sopra ha scritto che è un finale copincollato sei volte, ma io leggo 5 finali differenti, più uno uguale a uno di questi cinque).
Ottimi, tra parentesi, i titoli (parodia) degli altri "corti in gara" ("Dio non gioca a D&D ma a Il Richiamo di Chtulhu" è il mio preferito  smile2 ). L'autore qui però, facendo vincere Mornon, tradisce il suo trascorso vecchia scuola. La regola che il concorso dei corti è quella gara dove partecipano vari scrittori di LGL e alla fine vince Mornon ormai è decaduta. La nuova regola è che il concorso dei corti è quella gara dove partecipano vari scrittori di LGL e alla fine vince Anima di Lupo bigsmile
Mi è piaciuto molto che in uno dei finali siamo noi a consolare l'assistente, mentre in un altro siamo noi sconfortati ed è l'assistente a consolarci. In particolare la coda del par.24 ("non scriviamo per vincere qualcosa (etc)") è molto bella.
Non mi ha infastidito il copia-incolla che altri considerano un difetto. Ci sta perfettamente in un racconto scritto in questo stile. Più che altro avrei evidenziato in qualche modo i termini importanti che è necessario memorizzare, perchè anch'io lamento di essere arrivato spiazzato al check in cui mi si chiede quale composto ho usato come fuoco segreto. Di composti ne ho letti un sacco, ed è facilissimo confondersi. Sinceramente ogni volta sceglievo il link un po' col dubbio di stare sbagliando.

Questione corto in tema / non in tema. Questo è un meta-corto, e a mio parere è in meta-tema smile Mi spiego: nel corto, la trama racconta di un autore che cerca di costruire una storia a tema "terra" per partecipare al concorso dei corti di quest'anno, e alla fine (nella storia) si realizza un corto in tema. Quindi a livello meta, il corto "La grande opera" è in tema perchè contiene le trame di storie a tema terra.
Poi mi rimetto alla decisione della sempiTerna, ma se la decisione spettasse a me considererei questo corto in gara.

Giudizio finale: un'ottima idea, un meta-corto inusuale, divertente, martoriato dai refusi, scritto chiaramente da un autore abituato a dare in pasto a revisori terzi i suoi testi per i suoi innumerevoli librinostri bigsmile

ID count: di nuovo 0! (A meno di non considerare il finale del par.24, in cui non si riesce a concludere un corto da inviare al concorso come una ID).

A un certo punto esce fori un vecchio che fà dice: “Presto chiamate un’ambulanza”, dico “Ma che chiami? Non lo vedi che questi c’hanno si e no trenta secondi de vita?”. Aò so passati venti secondi, so’ spirati proprio così, all’unisono… Mortacci l£%0%0%0%0%0

¿„ãßꪧ¬
useravatar
Offline
Add post to split topic  

Re:

e dunque:
PRIMO SPIEGONE DI DJ MAYHEM
leggetevi primo e ultimo paragrafo del corto
FINE PRIMO SPIEGONE DI DJ MAYHEM

Remember, remember, the fifth of November...

djmayhem
useravatar
Offline
Add post to split topic  

Re:

SECONDO SPIEGONE DI DJ MAYHEM (per chi non fosse soddisfatto del primo spiegone)
Da circa 6 mesi ho un paio di grossi pesi sul cuore che mi stanno mettendo a dura prova psicofisicamente, me li sto levando un po' alla volta ma ci vorrà ancora del tempo.
Questo mi ha letteralmente bloccato, ho perso l'entusiasmo per scrivere (che era da sempre la mia valvola antistress) e di trovare nuovi spunti originali e nuove storie. Quello che riesco a fare è abbozzare solo qualche idea che diventa un incipit o anche qualche paragrafo ma nulla più.
Volevo partecipare al concorso solo per "spirito di servizio" (concedetemi il termine) e non trovando idea con il tema ho pensato al metacorto, riportando la situazione in cui mi sono trovato, ovvero con solo delle idee iniziali che però non portavano a nulla.
Lo sfondo alchemico è stata solo una trovata per un contesto un po' più originale del solito, immaginando l'autore come un nuovo alchimista che elabora le idee e i racconti così come come i vecchi alchimisti cercavano il fuoco segreto e la pietra filosofale.
L'ho scritto in un we, consapevole che avrei dovuto rileggermelo un bel po' di volte prima di inviarlo, che probabilmente sarei stato fuori tema e sicuramente fuori dai limiti di spazio dati dal regolamento.
Ma il momento è questo e un corto in più, pur con tutti i suoi difetti di cui sopra, avrebbe quanto mento reso il concorso più lungo di una settimana.

La classifica finale all'ultimo paragrafo è stata solo una boutade in omaggio ad alcuni vecchi amici del forum con cui condividiamo la stessa passione ormai da anni.

infine la citazione trovata di Prodo si riferisce alla prima edizione dei corti, quando arrivai quarto per 0,003 punti...

Remember, remember, the fifth of November...

djmayhem
useravatar
Offline
Add post to split topic  

Re:

djmayhem ha scritto:

Questo mi ha letteralmente bloccato, ho perso l'entusiasmo per scrivere (che era da sempre la mia valvola antistress) e di trovare nuovi spunti originali e nuove storie. Quello che riesco a fare è abbozzare solo qualche idea che diventa un incipit o anche qualche paragrafo ma nulla più.

È normalissimo, vista la quantità incredibile di idee che hai sfornato negli anni! Il mio consiglio è non fossilizzarsi sulla creazione ma lasciare che l'ispirazione si ricarichi - magari lavorando con più calma e più attenzione su una singola opera, invece di dividere l'attenzione tra varie. Per quanto può valere, il racconto bit punk lo leggerei moooolto volentieri bigsmile restando nell'ambito dei generi citati nella Grande Opera!

A tal proposito, avendo inizialmente interpretato l'aver sforato i limiti come un voler essere volontariamente escluso dal concorso e questo mi aveva mal disposto. Mi dispiace leggere che invece si è trattato di un errore: sarebbe bastato correggerlo per gareggiare comunque e ottenere un buon piazzamento, a dimostrazione che la tua vena creativa è tutt'altro che scomparsa :-).

Zakimos
useravatar
Offline
Add post to split topic  

Re:

il Primo Concorso è quello del 2009 che non c'è nell'elenco nella relativa pagina, giusto? Per forza non avevo colto la citazione... smile

GGigassi
useravatar
Offline
Add post to split topic  

Re:

Tanto pe' ssape', di quanti caratteri hai sforato?

To serve and correct

Mancolista/Doppiolista

gabrieleud
useravatar
Offline
Add post to split topic  

Re:

gabrieleud ha scritto:

Tanto pe' ssape', di quanti caratteri hai sforato?

13.700 parole contro le 9.000 del limite. Glielo abbiamo segnalato, invitando a correggere, ma niente da fare :-(.

Zakimos
useravatar
Offline
Add post to split topic  

Re:

Zakimos ha scritto:

gabrieleud ha scritto:

Tanto pe' ssape', di quanti caratteri hai sforato?

13.700 parole contro le 9.000 del limite. Glielo abbiamo segnalato, invitando a correggere, ma niente da fare :-(.

Uno non chiede semplicemente a DjMayhem di scrivere meno...

To serve and correct

Mancolista/Doppiolista

gabrieleud
useravatar
Offline
Add post to split topic  

Re:

djmayhem ha scritto:

SECONDO SPIEGONE DI DJ MAYHEM (per chi non fosse soddisfatto del primo spiegone)
Da circa 6 mesi ho un paio di grossi pesi sul cuore che mi stanno mettendo a dura prova psicofisicamente, me li sto levando un po' alla volta ma ci vorrà ancora del tempo.

Non posso che augurarti un grossissimo in bocca al lupo, per fare in maniera che tutti diventi un ricordo.

djmayhem ha scritto:

Questo mi ha letteralmente bloccato, ho perso l'entusiasmo per scrivere (che era da sempre la mia valvola antistress) e di trovare nuovi spunti originali e nuove storie. Quello che riesco a fare è abbozzare solo qualche idea che diventa un incipit o anche qualche paragrafo ma nulla più.
Volevo partecipare al concorso solo per "spirito di servizio" (concedetemi il termine) e non trovando idea con il tema ho pensato al metacorto, riportando la situazione in cui mi sono trovato, ovvero con solo delle idee iniziali che però non portavano a nulla.
Lo sfondo alchemico è stata solo una trovata per un contesto un po' più originale del solito, immaginando l'autore come un nuovo alchimista che elabora le idee e i racconti così come come i vecchi alchimisti cercavano il fuoco segreto e la pietra filosofale.
L'ho scritto in un we, consapevole che avrei dovuto rileggermelo un bel po' di volte prima di inviarlo, che probabilmente sarei stato fuori tema e sicuramente fuori dai limiti di spazio dati dal regolamento.
Ma il momento è questo e un corto in più, pur con tutti i suoi difetti di cui sopra, avrebbe quanto mento reso il concorso più lungo di una settimana.

La classifica finale all'ultimo paragrafo è stata solo una boutade in omaggio ad alcuni vecchi amici del forum con cui condividiamo la stessa passione ormai da anni.

infine la citazione trovata di Prodo si riferisce alla prima edizione dei corti, quando arrivai quarto per 0,003 punti...

Come ho scritto in fase recensoria, questo corto, non solo mi ha fatto assaggiare le tante glorie che albergano questo forum, ma è stato veramente rilassante. Era il mio corto preferito e sono feliccissimo di averlo letto e ringrazio te per averlo scritto.

Tomcat75
useravatar
Offline
Add post to split topic  

Re:

GGigassi ha scritto:

il Primo Concorso è quello del 2009 che non c'è nell'elenco nella relativa pagina, giusto? Per forza non avevo colto la citazione... smile

No, ma il libronostro esiste, quindi non hai scuse! angry

Comunque djm ricorda male, la classifica della prima edizione è stata:
1) Mornon 8,515
2) kingfede 7,462
3) SkarnTasKai 7,328
4) djmayhem 7,303

quindi si è trattato di 25 millesimi di punto.

In realtà è stato più clamoroso lo scarto della seconda edizione:
3) EGO 6,573
4) Dario Arzilli & Andrea Falaschi 6,568
di soli 5 millesimi!

A un certo punto esce fori un vecchio che fà dice: “Presto chiamate un’ambulanza”, dico “Ma che chiami? Non lo vedi che questi c’hanno si e no trenta secondi de vita?”. Aò so passati venti secondi, so’ spirati proprio così, all’unisono… Mortacci l£%0%0%0%0%0

¿„ãßꪧ¬
useravatar
Offline
Add post to split topic