Home Forum General Obiettivo Rolegame Dungeons and Dragons 5.0
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

LGL Login



Segui LGL su Twitter

LGL su Facebook



Utenti online

  • djmayhem

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Grandi fiere ludiche e interattive nell'era covid: Modena a settembre, Lucca a novembre. Se si dovessero realmente tenere ci andrai?

JoomlaStats Visitor Details

Unknown Unknown
Unknown Unknown

Your IP: 3.235.45.196

Dungeons and Dragons 5.0

Dungeons and Dragons 5.0

Ho recentemente cominciato una breve campagna a D&D 5.0 (o Next, se preferite), stranamente da giocatore, e questa nuova versione del gioco ha acceso il mio interesse.
Da fanciullo ho giocato molto a D&D "1.0", e ne ho apprezzato l'immediatezza e, nonostante le infinite ingenuità e assurdità e cavolate, il mio sentimento prevalente nei suoi confronti è di semplice e puro affetto...
Di Advanced mi ha sempre lasciato perplesso la mancanza di economia, nel senso che praticamente ogni aspetto del gioco pare gestito da una sua regola; lo trovo però anche molto flavor, se così si può dire, e ho dei bei ricordi delle brevi campagne e singole giocate in cui l'ho usato.
La 3./3.5/Pathfinder l'ho conosciuta ormai da adulto (dopo molti anni passati lontano da D&D), e questo inevitabilmente pesa: non gode del favore che si concede inevitabilmente a chi ci ha dato tanta gioia in passato... La trovo però molto meglio strutturata, ed è indubbiamente capace di dare grandi soddisfazioni a un giocatore adulto e che abbia tempo e voglia da dedicare allo studio delle regole, ma non è certo un gioco adatto a bambini o ad adulti non appassionatissimi di gdr: è troppo complesso. In particolare, non ha modularità, nel senso che già la creazione del personaggio richiede relativamente molto tempo (e conoscenze). Si tratta di un gioco che va ben padroneggiato da subito. Non la consiglierei mai a dei neofiti, perché io stesso, a dodici anni, non ci avrei mai giocato.
Della 4.0 ho soltanto leggiucchiato il manuale, ma mi ha fatto una brutta impressione e non son neanche stato a provarlo.
La Next, invece...
La mia impressione è ancora molto parziale, ma semplificando il sistema dei talenti, creando background stereotipi e introducendo il pratico concetto di vantaggio/svantaggio, mi pare abbia trovato una buona quadra tra immediatezza e profondità.
Qualcuno della community ci gioca? Che ne pensate?

Dario III
Inadatto a regnare
Grande Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
993 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Dungeons and Dragons 5.0

Guarda io conosco solo D&D 1, o meglio quello che oggi chiamano OD&D (Old D&D), però ti do ragione sul fatto che ci siano troppe regole (o meglio TABELLE) per gestire le varie fasi del gioco, questo trasforma il Dungeon Master da narratore a una sorta di ragioniere-contabile. Si arriva cioè al paradosso che da una parte per giocare un GdR ci vuole comunque molta fantasia (per immedesimarsi nelle situazioni), l'ambientazione è anch'essa fantasy (quindi fantastica) ma la "pesantezza" e la quantità di regole alla fine "ingabbiano" troppo il gioco.
Io sono per regole "light" (anche a scapito del realismo) e flessibili in modo da far divertire anche il Dungeon Master, che deve soprattutto narrare e non "Sdadare & Stabellare" (S&S), il restante 75% della bellezza del gioco deve essere nell'ambientazione.

"Leggi, e diventerai capace di creare i personaggi DELLA fantasy!"
Terza di copertina di Tunnel & Troll Edizioni Mondadori

Mimimmi
Avalôtrahzar
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1626 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Dungeons and Dragons 5.0

Mimimmi ha scritto:

che ci siano troppe regole (o meglio TABELLE) per gestire le varie fasi del gioco, questo trasforma il Dungeon Master da narratore a una sorta di ragioniere-contabile

Megaquoto Mimimmi. È inutile che il regolamento ci dica che il gioco di ruolo è "una narrazione collettiva" se poi lo stesso regolamento obbliga il narratore ad elaborare numeri anziché raccontare sensazioni. Ho sempre aberrato le regole sulla velocità di spostamento, distanza degli incantesimi, raggio d'azione, gittata delle armi, modificatori +1 irrisori - ma che cavolo. Ho imparato a memoria il GiRSA per fare da master, e non è piaciuto a nessuno. Se il master deve perdere 20 secondi ogni colpo di spada per capire se va a segno, ha 20 secondi in meno per raccontare cosa effettivamente succede. Il regolamento dettagliato uccide la narrazione collettiva.
Sempre siano lodati i Vampire, Werewolves, e tutte quelle robe lì.

To serve and correct

Mancolista/Doppiolista

gabrieleud
Lo scopavirgole
Principe del Sole
ranks
useravatar
Offline
6336 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Dungeons and Dragons 5.0

Grazie Gabriele, lasciamo che Dario ci parli un po' di questo D&D 5, di certo sarà migliorato perché da un lato si sono presi una bella martellata commerciale nei denti da Pathfinder, e del 4 ne ho solo sentito parlare male, quindi qualche cosa di buono l'avranno fatta.
Però ottando un po' come il mio solito, va detto che la storia commerciale D&D è assurda, benché sia il primo gioco di ruolo fantasy, non sono riusciti a cavalcare la tigre e diventare dei "colossi del fantasy", avrebbero potuto buttarsi anche nei videogiochi (per il legame tra GdR e videogiochi vi rimando al libro "Ready Player One") e invece se la sono presa in tasca da World Of Warcraft, oltre che da Pathfinder.

Alla fine per quanto geniali (e gli inventori di D&D lo erano sicuramente) un nerd è sempre un nerd, forse avrebbero dovuto fare un passo indietro e lasciare la gestione del "marchio" D&D a qualche esperto di marketing o di mercato, insomma uno fissato con i soldi, sarebbero sicuramente diventati la più grossa "holding" di giochi fantasy e prodotti derivati, cannibalizzando la concorrenza (penso alle carte Magic, per esempio che ad certo punto eclissarono i GDR, ma anche bordgame come Talisman o Hero Quest) e oggi D&D sarebbe un marchio non dico come la Coca-Cola ma quasi. Questo pensiero (che poi magari è sbagliato) a me non me lo leva dalla testa nessuno!
D&D da un certo punto di vista è stata una grossissima occasione di business sprecata!

PS: scrivo post che sembrano articoli di un magazine, o scrivo articoli sotto forma di post? Boh

"Leggi, e diventerai capace di creare i personaggi DELLA fantasy!"
Terza di copertina di Tunnel & Troll Edizioni Mondadori

Mimimmi
Avalôtrahzar
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1626 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Dungeons and Dragons 5.0

La 4E era indubbiamente superiore come regolamento m è stata gestita male: brutta impaginazione, pessimo editing, grafica dozzinale, illustrazioni senza pathos. ...A peggiorare tutto si erano aggiunte pessime avventure.

La 5E è peggiore come gioco ma è migliore come libro. Editing, grafica, illustrazioni sono nettamente superiori. Alla Hasbro si sono rassegnati al fatto che devono vendere libri.

Per la questione del regolamento te la faccio corta: fino ai 18 hai tempo per giocare con giochi che richiedono risoluzioni lunghe, girati i 18 non c'è, e non ci sarà mai più, il tempo per perdere 45 minuti a uccidere un boss o il pomeriggio a uccidere un drago o un gigante. Per cui vanno meglio i giochi con risoluzioni rapide.

Io D&D non ho più tempo per giocarlo, ripiego su giochi più rapidi un po' per necessità un po' per cambiare.

Il miglior materiale per gdr gratuito da 150 anni: http://makemake.forumfree.it/

E.A. Coockhob
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1062 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Dungeons and Dragons 5.0

Non sapevo che D&D fosse finito nelle grinfie della Hasbro, la quale si è presa anche Risiko e Monopoli dalla mitica Editrice Giochi.

"Leggi, e diventerai capace di creare i personaggi DELLA fantasy!"
Terza di copertina di Tunnel & Troll Edizioni Mondadori

Mimimmi
Avalôtrahzar
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1626 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Dungeons and Dragons 5.0

gabrieleud ha scritto:

Sempre siano lodati i Vampire, Werewolves, e tutte quelle robe lì.

Ho giocato molto ai GdR della White Wolf. Ma anche lì ci sono delle regole spesso pesanti sulla velocità di spostamento, gittata delle armi e così via. E non parlo dei poteri e delle capacità assurdi e mostruosi che celano le estensioni di questi giochi.
Forse il punto in favore della White Wolf è di precisare nei libri di regole che la "Regola d'Oro" è di lasciare la possibilità al master di fare quello che gli pare.

Ho giocato molto al D&D della scatola rossa e un po' a ADD. Preferisco quello vecchio perché le nostre partite a ADD erano vere e proprie convention di ragionieri  (calcolo del Tach O per colpire un povero goblin...). Penso che un master debba vedere le regole come delle proposte e fare come vuole, forse i sistemi "Window" o "Savage Worlds"  sono più adatti.

Mimimmi ha scritto:

Non sapevo che D&D fosse finito nelle grinfie della Hasbro, la quale si è presa anche Risiko e Monopoli dalla mitica Editrice Giochi.

Mimimmi, anni fa la Wizard of Coast (Magic) ha comprato TSR (D&D)...

"We will survive, fighting for our lives, the winds of fortune always lead us on,forever free, for the world to see,the fearless masters, Masters of the sea"

Pirata delle Alpi
Erede di Misson
Grande Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
896 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Dungeons and Dragons 5.0

La stesura della 3E era iniziata nel 1997, regnante, la TSR
Nel 1997 la Wizards of the Coast ha comprato la TSR e l'ha rottamata
Tutta la Wizard of the Coast è stata acquistata della Hasbro

L'influenza della Hasbro si sente già nel 2003 quando vengono tolte alcune abilità, come lettura labiale, e vengono inserite tutte le regole riguardante "il fronte" che, brutalmente, servono a vendere miniature. ^_^

La 4E ha, come ripeto, un buon regolamento ma fatto da chi non era abituato a vendere libri ma giochi da tavolo di lì il tripudio di componentistica: carte, miniature, eccetera. ...E il disinteresse per grafica, illustrazioni, editing. ...Per formazione i manager erano abituati a vedere il regolamento come una cosa che la leggi per imparare le regole.

Anche la gestione, qualcuno direbbe "malagestione" delle ambientazioni classiche era un portato della mentalità da gioco da tavolo. Fondamentalmente hanno solo fatto incazzare le varie comunity ^_^ generando un odio raramente egualiato e secondo solo a quello per la FF da parte dei fan di war hammer FRPG.

Tweet sono 30 anni che scrive sempre lo stesso gioco. Alla fine la 3E di D&D, soprattutto la prima, era ars magica coi livelli O_O

Tweet è sempre stato un pesantone o ti mette palate di regolamento, oppure scrive un gioco apparantemente leggero ma con palate di background che sossumono il regolamento. ...Penso a over the edge. Che però aveva un regolamento di prima scelta.

Il miglior materiale per gdr gratuito da 150 anni: http://makemake.forumfree.it/

E.A. Coockhob
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1062 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Dungeons and Dragons 5.0

gabrieleud ha scritto:

Ho imparato a memoria il GiRSA per fare da master, e non è piaciuto a nessuno.

Sì, ricordo bene! Anch'io sono passato di lì. Che gioco palloso!
Nella mia carriera di giocatore c'è un buco di parecchi anni in cui ho giocato molto di rado, e quando lo facevo usavo sempre Mondo di Tenebra o sistemi inventati da me. La 3/3.5 la giocavo più che altro nei tornei, e l'ho sempre trovata adatta a un certo tipo di giocatori (i tattici, per intenderci). Solo di recente mi sono riaccostato al vecchio D&D, guidato da ricordi di infanzia.
Tanto per dirne una, un pregio della 5 secondo me è che dissolve tutta la pletorica questione di vantaggi e svantaggi (nella 3/3.5 poteva diventare algebra pura) introducendo una regola assai semplice: se sei in vantaggio tiri due dadi e prendi il migliore, se sei in svantaggio tiri due dadi e prendi il peggiore. Semplice ed efficace.

Dario III
Inadatto a regnare
Grande Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
993 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Dungeons and Dragons 5.0

E.A. Coockhob ha scritto:

La 4E ha, come ripeto, un buon regolamento ma fatto da chi non era abituato a vendere libri ma giochi da tavolo di lì il tripudio di componentistica: carte, miniature, eccetera. ..

Conosco pochissimo la 4, ma in effetti mi aveva dato un'impressione molto tattica, mi sembrava un gioco da tavolo dungeon crawler.

Dario III
Inadatto a regnare
Grande Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
993 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Info Forum

Statistiche Forum:
 
Totale Discussioni:
5061
Totale Sondaggi:
98
Totale Messaggi:
144840
Totale Messaggi Oggi:
2
Info Utenti:
 
Totale Utenti:
6537
Ultimo Utente Registrato:
Ombraverde