Home Recensioni Abstract
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

La pandemia sembra volgere finalmente al termina, come risponderà il mercato dei LG a questo progressivo ritorno alla normalità?

Dettaglio Abstract

Serie I Giochi del 2000
Recensore Mornon

Quella de “I Giochi del 2000” è una collana di piccole perle ludiche edite in Italia tra il 1995 e il 1998.
La serie, edita dalla Quality Games, racchiude 23 libriccini di formato minimo (32 pagine in formato A6) quasi tutti autoconclusivi e dedicati di volta in volta a singoli giochi, in genere di ruolo, di guerra o di comitato. Il titolo della collana alludeva sia al traguardo del millennio (a cui la collana mai arrivò) che al prezzo di copertina di ciascuna uscita, che era di duemila lire. Il curatore della collana fu Andrea Angiolino, che compare anche più volte in veste di autore, assieme ad altri nomi noti della prima generazione nostrana di creatori di gdr: Luca Giuliano di On Stage, Antonello Lotronto di Holmes & Co., Agostino Carocci di Kata Kumbas e l'intero “parco-autori” de I Cavalieri del Tempio.
Diversi di questi giochi (o moduli di giochi) erano già apparsi in alcune riviste italiane del settore ludico, come K., Kaos, E. Giochi e Storia e Modellismo, ma anche in questi casi i fascicoli prodotti dalla Quality Games sono versioni aggiornate e corrette del gioco originario.

La collana venne ripartita fin dall'inizio in diverse categorie: Duemilaruoli comprendeva diversi giochi di ruolo, come Mediterraneo, Röle, La regola del gioco, Kalèvala, De Eloquentia, 1950 Allarme UFO!, Cyb e Sol Levante, nonché un paio di scenari per giochi di comitato; sotto la dicitura Duemilagames sono state messe assieme tre uscite dedicate ad avventure a bivi e in solitaria, come Mitico! e Spartaco; Duemilasport e Duemilacarte sono costituite ciascuna da una singola uscita: rispettivamente Dream Team, dedicato ad una sorta di “fantacalcio” per il basket, ed Elemental Wars, che invece è una sorta di Magic dei poveri; abbiamo infine tre titoli nella categoria Duemilaguerre, che propone regolamenti per wargames, e altri tre in quella di Duemilavventure, che raccoglie supplementi per il gdr On Stage.

Ogni fascicoletto ha proprie illustrazioni in b/n, quasi sempre originali, e soffre molto in termini di impaginazione, data la necessità di infilare più cose possibile in pubblicazioni di tali dimensioni. È evidente che autori e curatori hanno fatto di tutto per mettere tanta sostanza (anche a dispetto della forma) e che per ogni uscita il materiale è sempre molto denso in relazione allo spazio a disposizione.

Nonostante i prevedibili alti e bassi, quella de I Giochi del Duemila rimane una piccola collezione di chicche, che in quasi tutti i casi meriterebbero una riscoperta. I giochi di comitato presenti sono ottimi esempi di scenari da prendere e giocare senza troppo sforzo per una serata tra amici, i racconti-gioco sono divertenti e spesso paradossali e si lasciano leggere d'un fiato e anche tra i giochi di ruolo si nascondono delle gemme altrimenti introvabili.
Mi va di citare, senza togliere il merito agli altri, quelle uscite che ritengo davvero ottime:

- Mediterraneo, un regolamento per giocare avventure nel mondo classico della mitologia mediterranea;

- Kalèvala, ambientato nel mondo sconosciuto ai più della mitologia finnica;

- 1950: Allarme UFO, come ambientazione per avventure di fantascienza retrofuturiste;

- Sol Levante, dedicato al Giappone storico e leggendario.

In tutti questi casi si tratta di giochi di ruolo che avrebbero molto da dire ancora oggi, a quindici anni (e centinaia di pubblicazioni) di distanza.

Purtroppo, se non per qualche rifacimento più unico che raro (ad esempio la versione di 1950: Allarme Ufo realizzata per Levity), ciascuno di questi giochi non ha visto a tutt'oggi riedizioni o rifacimenti e andrebbero scovati uno per uno nei negozi del settore e dell'usato.
Consiglio a tutti gli amanti nostrani di giochi di ruolo e affini di dare una spulciata al catalogo di queste uscite e andarsi a cercare qualcuno di questi libriccini dove possono, prima che si facciano davvero introvabili.