Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Play 2022 e Il Salone del Libro hanno avuto altissime adesioni, la stagione delle fiere sembra essere ripartita alla grande. Ritenete che il momento critico sia passato e che il trend dei librogame sarà di nuovo in forte crescita da adesso in poi?

Recensione

Watson Mini Gamebook : La Lega dai Capelli Rossi
Edizione Watson Edizioni 2020
autore/i Alberto Orsini
Recensore Yaztromo

Questa corta indagine a bivi (40 paragrafi) e' il seguito di Sherlock Holmes: Prima con Delitto, sempre di Watson Edizioni, che pero' e' composto di 300 paragrafi. Si tratta infatti di un cambio di formato e di obbiettivi, dal momento che La Lega dei Capelli Rossi e' nata come un regalo per gli appassionati non a fini commerciali, edito in un periodo di pandemia nel quale un po' tutti hanno bisogno di un po' di evasione per risollevare lo spirito. Ora è possibile reperirla in formato cartaceo in abbinamento all'acquisto di un qualsiasi altro librogame Watson al costo di 5 euro.

Come in Prima col Delitto, la protagonista e' Rebecca Grace Hurley, giovane donna americana, sorella di James Hurley che in passato (nella classica serie di librigame edita dalla EL che e' un po' la progenitrice spirituale di questa nuova produzione) ha collaborato col Dottor Watson, suo cugino. Dal conoscere il Dottor Watson a frequentare il notissimo Sherlock Holmes il passo e' breve e, anzi, il geniale investigatore e' un po' il  consigliere dei due fratelli che hanno appena inaugurato la loro agenzia investigativa a Londra.

Il regolamento di questa indagine "corta" e' simile a quello di Prima col Delitto, ma ancora più minimale: ci sono cinque indizi che possono essere raccolti e poi, a fine avventura, c'e' la "galleria dei trofei", ovvero una specie di piccola "sfida nella sfida" per vedere se hai raccolto tutti, ma proprio tutti gli indizi disponibili, oppure  per controllare se hai vissuto una particolare esperienza nell'ambito dell'indagine. Queste piccoleprove supplementari sono, alla fin fine, degli inviti a rigiocare e ad esplorare le molteplici opportunità di indagine che si possono ritrovare in soli 40 paragrafi ben pianificati e organizzati.

Il primo cliente che si presenta in agenzia giunge, come prevedibile, su raccomandazione di Sherlock Holmes. La sua storia e allo stesso tempo curiosa e ridicola: sarebbe stato ingaggiato da una fantomatica Lega dei Capelli Rossi, fondata da un altrettanto fantomatico milionario americano dai capelli rossi, che ha dedicato la sua eredita' a beneficiare le persone con i capelli rossi. Cosi', il proprietario di un modesto banco dei pegni, incredulo, ha ottenuto uno stipendio spropositato per copiare a meno, per alcune ore al giorno, l'Enciclopedia Britannica! Dopo alcune settimane, improvvisamente, ha ricevuto la comunicazione che la Lega e' stata sciolta e che il suo impiego e' terminato. Rebecca dovrà investigare cosa ci sia dietro.

Rebecca e' una giovane donna più matura e determinata che in Prima con Delitto, e non si farà certo intimorire dagli ostacoli che incontrerà nella sua indagine, ma ad intervalli tornerà a discutere i suoi progressi con Sherlock Holmes, che si premurerà di darle qualche incoraggiamento o indirizzo, ma anche qualche bonaria "strigliata", quando l'indagine e le ipotesi conseguenti imboccano direzioni troppo superficiali e fuori strada.

Rebecca e suo fratello sono personaggi ben descritti, Sherlock Holmes (e la governante di Baker Street 221B) crea l'atmosfera perfetta per questo tipo di storia, mentre il Dottor Watson non lascia più di tanto il segno... ma forse lo stesso capita anche nelle storie originali di Sherlock Holmes. Non e' facile dipingere cosi' bene dei personaggi per un librogame in soli 40 paragrafi.

Lo sviluppo dell'indagine e' piuttosto sorprendente e alla fine si potrà agguantare un pericoloso quanto intelligente fuorilegge, vecchia conoscenza di Sherlock Holmes.

Longevità 6: 

L'ultima cosa che ci si potrebbe aspettare da un "corto" di pura investigazione di soli 40 paragrafi, e' la longevità. Eppure l'autore riesce ad ingegnarsi e ad ottenere un risultato accettabile in questo senso

Difficoltà 7: 

L'indagine non e' certo banale, ma i periodici consigli di Sherlock Holmes mitigano un po' le difficolta'.

Giocabilità 9: 

Il regolamento minimale e la meccanica precisa ed accurata dell'indagine garantiscono un'ottima giocabilita'.

Chicca: 

Il buon lavoro sui personaggi e le descrizioni.

Totale 7.5: 

Un'indagine a bivi breve, ma memorabile, fatta apposta per svagarsi per un po' di tempo in modo sano, in un periodo ne quale c'e' molto bisogno di svago sano