Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Librogame Magnifico 2024, primo turno: vota il miglior LG dell'anno!

Recensione

Topolino a bivi 7: Topolino e i futuri futuribili
Edizione The Walt Disney Company Italia 1988
autore/i Alessandro Sisti
Recensore Yaztromo

Sulla copertina del Topolino numero 1713, venduto in Agosto 1988 al prezzo di 1700 lire, c'e' scrtitto in caratteri grandi: "UNA MEGA STORIA A BIVI!" - evidentemente all'epoca non era necessario fare grandi premesse: tutti i lettori di Topolino, che nella penultima decade del novecento erano tantissimi, perche' Topolino era l'epitome del fumetto per tutti (generalista, direbbe qualcuno), sapevano cosa fossero le storie a bivi. Gli anni ottanta sono stati anni d'oro per le storie a bivi!

Questo fumettogame ha la particolarita' di essere il primo su Topolino a non essere firmato da Bruno Concina, ma da Alessandro Sisti: evidentemente avevano bisogno di allargare il circolo degli autori, un po' come hanno fatto Steve Jackson e Ian Livingston con i Fighting Fantasy, per riuscire a soddisfare la domanda di storie di genere in quegli stessi anni. O più semplicemente altri autori della "scuderia" erano appassionati di librogame e volevano provare a cimentarsi con qualcosa di analogo.

L'avventura in se' è composta da 42 pagine a fumetti, 4 bivi e 5 finali (tutti soddisfacenti, alla fin fine). In pratica per arrivare a uno degli epiloghi ci vogliono al massimo quattro bivi e come minimo uno, ma quasi sempre sono necessari tre bivi. Con questa struttura ovviamente l'avventura deve essere semplice, ma non scade mai nella banalità, finendo per risultare divertente e appassionante anche riletta nei giorni odierni, con gli occhi di un adulto.

Topolino deve fare un piccolo test con la nuova macchina del tempo di Zatopek e Marlin (non e' certo il primo viaggio nel tempo di Topolino!) e un errore nei lavori stradali fuori dall'edificio manda la macchina del tempo in cortocircuito. Il viaggio nel tempo di Topolino va dunque fuori controllo e da qui parte l'avventura.
Ne salta fuori una classica storia di Topolino, solo che e' a bivi... e non e' un dettaglio di poco conto! Infatti potremo, a seconda delle nostre scelte, ridefinire il nostro stesso futuro, a volte con conseguenze inimmaginabili. Mai come stavolta il lettore dovrà prestare attenzione alle scelte che compie e prepararsi a una serie di situazioni sorprendenti e stupefacenti.

Longevità 6.5: 

Si tratta di un'avventura da leggere in Agosto, sotto l'ombrellone, tra una nuotata e una raccolta di conchiglie. Alla fine si leggono e rileggono tutte e 42 le pagine, ma il tempo necessario e' comunque quello di una breve pausa tra altri giochi e passatempi... e' il tempo giusto per questo contesto.

Difficoltà 0: 

Non ha senso parlare di difficolta' per una storia di tre o quattro bivi al massimo, che portano tutti a finali soddisfacenti.

Giocabilità 9: 

lLa storia bivi scorre senza problemi tra le mani dei giovani lettori del albo a fumetti piu' generalista e piu' venduto in Italia, con numeri che adesso gli editori si sognano. Massima giocabilita'!

Chicca: 

Topolino che incontra il suo pronipote (e sono identici come due gocce d'acqua).

Totale 0: 

Una storia a bivi di Topolino su Topolino... e no c'e' niente da spiegare!