Home Forum General Librogame e dintorni I Corti di LGL 2011 ALLA LUCE DEL BUIO - CONCORSO
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

LGL Login



Segui LGL su Twitter

LGL su Facebook



Utenti online

  • gabrieleud

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Librogame dopo il Corona Virus: che ne sarà del mercato interattivo superata la crisi?

JoomlaStats Visitor Details

Unknown Unknown
Unknown Unknown

Your IP: 18.207.130.162

ALLA LUCE DEL BUIO - CONCORSO

Re: ALLA LUCE DEL BUIO - CONCORSO

Icedlake ha scritto:

Possibile che abbia trovato un'errore in un indovinello? A chi dovrei segnalarlo in tal caso?

Che dirti? Io li ho risolti tutti (perdendoci tanto tempo) e non mi pare ci siano errori. A un certo punto ero convinto di averne trovato uno, ma poi mi sono accorto che dipendeva da una vocale errata che avevo considerato declinando la risposta al femminile invece che al maschile. Potrebbe essere questo il tuo caso Ice? O magari l'errore c'è e io ho superato casualmente l'indovinello incriminato?

C'è invece un altro errore ma non riguarda l'indovinello e non inficia la possibilità di completare il racconto, lo segnalo qui sotto:

 Spoiler Show Spoiler Hide Spoiler
  A un certo punto ci è consentito giocare alla roulette puntando su un numero, che è possibile scegliere tra un range di cifre proposte dal testo. Tra queste c'è anche il 38, ma, come chi frequenta i casinò sa, la roulette ha solo 36 numeri più lo 0.
Per Gpet:

Nei concorsi passati abbiamo sempre considerato validi solo voti e mezzi voti, quindi, per coerenza, direi che il tuo voto vada considerato come un 7,5.

Prodo
Direttore
Amministratore
useravatar
Offline
10521 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: ALLA LUCE DEL BUIO - CONCORSO

Prodo ha scritto:

Icedlake ha scritto:

Possibile che abbia trovato un'errore in un indovinello? A chi dovrei segnalarlo in tal caso?

Potrebbe essere questo il tuo caso Ice? O magari l'errore c'è e io ho superato casualmente l'indovinello incriminato?

No, non è quello...comunque mando un PM sia a te che a Lucky, e nel caso avessi preso un granchio posterò qui le mie scuse all'autore  wink

Icedlake
Il Reverendo
Grande Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
953 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: ALLA LUCE DEL BUIO - CONCORSO

Appena ho cominciato a leggere il lavoro in questione ho subito apprezzato l'ottima idea del regolamento, che è molto intrigante, soprattutto per il Tenta la Realtà, che porta a risultati molto interessanti, tanto che io stesso sto lavorando da un paio di mesi ad un romanzo strutturato in racconti autoconclusivi con un filo che li accomuna. Entusiasmato dal vedere che un'altra persona ha avuto la mia stessa idea (mia... insomma, mi sono ispirato a Julio Cortazar, a dirla tutta!) mi sono fiondato a leggere il testo quasi con lo spirito di una pacifica sfida fra amici. Immediatamente mi sono accorto che il tono narrativo, oltre che molto ben scritto, è molto maturo e decisamente onirico, altro tratto che amo moltissimo, non solo in letteratura. Noto peraltro che i vari paragrafi sono abbastanza slegati tra di loro, quasi davvero come racconti a sè stanti, purtroppo però il rimando ai paragrafi e, di conseguenza, il filo narrativo spezzato in più parti, provoca spiacevoli interruzioni quando si tenta la realtà. Mi sono ritrovato infatti, ad esempio, ad aver sconfitto una tigre (o peggio ancora di "scontentare" un giovane cantante) con la spiacevole sensazione di non poter contestualizzare nulla, sensazione che neanche pensandola come un incipit in medias res mi sono riuscito a togliere, mancando ogni volta qualche elemento fondamentale alla narrazione, presente in qualche altro paragrafo. Immagino dunque anche la frustrazione dell'autore nel ritrovarsi a descrivere situazioni così complesse in così poco spazio, costringendosi ad usare poche pennellate per dipingere di qualcosa che necessita gioco forza di ampio respiro (e ne so qualcosa, perché io stesso avevo cominciato a scrivere il mio romanzo per partecipare a questo concorso, poi ho lasciato perdere e mi sono svincolato da tutto, finendo per trovare la giusta calibratura). Di conseguenza ho abbandonato quasi del tutto il tentare la realtà e mi sono concentrato sul percorso indicato. Più che le immagini evocate, mi hanno colpito i concetti espressi, sempre attinenti a un qualcosa di più grande che man mano si va formando all'interno della mia mente. Anche qui purtroppo però mi viene a mancare quel qualcosa dovuto al fatto che mi sembra di seguire un percorso disunito, dove non so cosa sto facendo paragrafo dopo paragrafo, cercando di indagare sul perché di tutto questo viaggio, ritrovandomi però a perdere interesse per la ricerca. Ripeto, se ogni paragrafo avesse avuto valore in se stesso, senza doversi collegare ad altro per completarsi, forse sarebbe stato più entusiasmante cercare di scoprire cosa si cela dietro questo buio, risolvendo il puzzle. E veniamo quindi agli enigmi (cosa che da sempre adoro e se sono facili non mi diverto). Molto bello l'enigma degli animali, dove necessita un certo tipo di cultura (che non avevo, purtroppo!); facile ma simpatico l'enigma del ragno; truffaldino quello del professore ma purtroppo già lo conoscevo, quindi non vale; evocativo quello del colore della luce (il migliore a livello soprattutto di significato, secondo me). Ok, lo ammetto... a quello degli animali ho barato! Con la parola di controllo è molto facile barare in effetti, ma con il tipo di struttura del racconto era inevitabile, quindi chissenefrega, va bene così! L'idea di utilizzare il bianco, il nero e l'arcobaleno è stata una piacevolissima sorpresa (nonostante l'ignoranza del personaggio che non conosce The dark side of the moon, eheh) e mi sembra anche di aver letto in qualche post precedente che è tutto collegato ai chakra!
Non ho parlato solo di una cosa: la storia!
Alla fine di tutto la storia mi è piaciuta, a partire dall'idea del viaggio nella mente di questa persona, solo che fino alla fine non mi ha preso a causa della eccessiva frammentarietà. Alla seconda lettura completa (quindi sapendo il perché di più o meno tutto quanto) la storia ha continuato a non prendermi, pur riuscendo con più facilità a ricollegare certi fatti. Quando leggo qualcosa di onirico non sono uno di quelli che ha necessità di una spiegazione (anche se indago sempre), ma mi piace godere anche semplicemente della pura sensazione data dal sogno. Non a caso amo un certo David Lynch e, in particolare, Inland Empire (o INLAND EMPIRE, come dovrebbe essere scritto). Facendo un parallelismo: IE l'ho visto la prima volta e non ci ho capito quasi nulla, ma sono rimasto molto coinvolto dalla forza delle singole scene, riuscendo a cogliere solo un debole filo attraverso il tutto. Poi alla seconda visione ho cominciato a fare dei collegamenti, infine alla terza avevo piuttosto chiaro il quadro generale. Alla quarta visione (ogni visione è stata fatta dopo mesi, eh, mica di fila!) tutto mi è stato chiaro e sono riuscito ad apprezzare anche l'aspetto "storia", oltre all'aspetto "delirio". In questo racconto quella che mi è mancata è stata la scintilla vitale del sogno ma chissà, magari rileggendolo fra qualche mese succederà qualcos'altro!
IN SOLDONI:
L'aspetto tecnico-strutturale, pur con l'idea di fondo eccellente, non mi ha convinto per via della mancata presenza di un corpo narrativo solido nelle sue parti. 6
L'aspetto stilistico è davvero ottimo, i miei complimenti sia per le idee che per la scrittura, nonostante lo spazio ristretto che ha limitato certi contenuti. 8,5
L'aspetto puzzle è carino, anche se forse (pur essendo io un amante folle degli enigmi) a volte, ma non sempre, sembra essere messo là per il gusto di mettercelo. 7
La giocabilità, apparentemente ottima, si rivela a volte fallace per lo stesso motivo di cui sopra, ovvero la mancata solidità di certi paragrafi presi a sé. 6
La storia è intrigante di per sé, ma non risulta avvincente per la continua sensazione di non sapere dove sbattere la testa e soprattutto perché. 6,5
Lo rileggerò? Sicuramente sì! Nonostante i difetti è un bel tentativo di togliersi di dosso certi meccanismi, senza contare l'aspetto letterario sulla consapevolezza della crescita, senza perdere il gusto dell'essere bambini, cosa che, per me, vale moltissimo, mettendo in luce un aspetto secondo me fondamentale della nostra esistenza (o, perlomeno, della mia in particolare, ma estenderei al generale, se mi permettete!). Ho trovato in questo molta affinità con il mio essere, per cui sono stato davvero felice di averlo potuto leggere!
Prima di dare il voto voglio azzardare un'ipotesi... scommetto che l'autore è un/a musicista, oltre che appassionato/a di scienze, o perlomeno conosce/ama piuttosto bene quel mondo, mi sbaglio? smile
Voto finale: 7,5 e fiero di gareggiare al tuo fianco!

Adisc
Arcimago
Iniziato
ranks
useravatar
Offline
86 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: ALLA LUCE DEL BUIO - CONCORSO

L'eventale errore da me citato si è rivelato una bufala come sospettato.
Si tratta di una mia imprecisa interpretazione delle regole.

Comunque, come detto in precedenza, mi scuso con l'autore che, non sapendo chi sia, quantomeno non mi può citare per diffamazione  smile

In serata aggiungerò anche il mio voto.

Icedlake
Il Reverendo
Grande Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
953 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: ALLA LUCE DEL BUIO - CONCORSO

sono d'accordo al 100% con l'opinione di prodo il mio voto è 6,5

leccese77
Novizio
ranks
useravatar
Offline
47 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: ALLA LUCE DEL BUIO - CONCORSO

Sono rimasto letteralmente estasiato dallo stile di scrittura. Molto più che maturo, coinvolgente all'inverosimile, tanto che ho provato delle emozioni leggendolo attentamente. Il luogo ideale dove consumare questo breve LG sarebbe sicuramente una stanza buia con la sola illuminazione di un abat-jour.
Stupendo il girovagare senza meta tra personaggi assurdi che confondono le idee, portando il lettore nel reale stato mentale del protagonista stesso. Mi sentirei di definirlo come un Alice nel Paese delle Meraviglie versione dark. A tratti inquietante.
Ottima anche la trovata del "tentare la realtà", che viene chiarita definitivamente nel finale.
Un'altro tocco di classe è apportato dalla presenza di oggetti che riportano violentemente al mondo reale, come la scritta Coca-Cola e l'album dei Pink Floyd.
Per quanto riguarda gli enigmi (cosa che ho sempre apprezzato nei LG) trovo che presi singolarmente siano apprezzabili, ma temo che esulino dall'atmosfera psicotica della storia.
Il regolamento: non posso che complimentarmi con l'autore per la complessità della struttura, è stato sicuramente un gran lavoro. Purtroppo però questa complessità porta il lettore a dover tenere d'occhio troppe sfaccettature che rendono il percorso impegnativo oltre il dovuto, appesantendo il tutto.
La trama risulta un pò scarna.
Premio al miglior personaggio: il cieco semi-analfabeta del paragrafo 3 smile
Nel complesso, considerando i pro ed i contro sinora elencati, mi sento di far pendere la bilancia verso il positivo.

Voto finale: 7

Icedlake
Il Reverendo
Grande Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
953 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: ALLA LUCE DEL BUIO - CONCORSO

Per la miseria, arrivo adesso e trovo già tutti questi voti per un racconto di 19 pagine... Ma riuscite a valutare una storia così in fretta? Oltretutto con disamine precise e lunghe, a parte il buon leccese che ha un po' giocato al risparmio! smile2
Adesso me lo stamperò perché è davvero TROPPO lungo per giocarlo a video (ma stare in 10 pagine non si può?wink), poi, come farò con i prossimi, lo leggerò, lascerò riposare per un paio di giorni e lo riprenderò in mano prima di votarlo. Non vorrei essere costretto a ripensarci quando è troppo tardi.

Mumble mumble, mi sovviene or ora: si può cambiare un voto già assegnato (chiaramente entro la fine della settimana di votazione)?

Spade saranno sguainate per dimostrare che le foglie sono verdi in estate.

I miei racconti

Apologeta
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1724 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: ALLA LUCE DEL BUIO - CONCORSO

Apologeta ha scritto:

Mumble mumble, mi sovviene or ora: si può cambiare un voto già assegnato (chiaramente entro la fine della settimana di votazione)?

in linea con l'anno scorso rispondo: certo che si smile

Yanez
Chiamami Iena
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1812 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: ALLA LUCE DEL BUIO - CONCORSO

Non ho partecipato alla stesura del nuovo regolamento quest'anno (peraltro è abbastanza simile a quello vecchio), ma anche in questo caso per coerenza con l'anno scorso il voto dovrebbe poter essere cambiato. Ovviamente il cambiamento dovrebbe essere razionale: cose tipo gli ho dato 7, poi decido per il 7,5. Evitiamo cose tipo gli ho dato 10, poi a 10 minuti dalla fine del periodo di votazione lo cambio in 1: sarebbe un cambiamento non accettabile e completamente incoerente.

Prodo
Direttore
Amministratore
useravatar
Offline
10521 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Re: ALLA LUCE DEL BUIO - CONCORSO

potevo essere più prolisso ma vi posso giurare che prodo ha espresso (con un linguaggio sicuramente migliore del mio) esattamente quello che pensavo sulla storia.

leccese77
Novizio
ranks
useravatar
Offline
47 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Split Split

Info Forum

Statistiche Forum:
 
Totale Discussioni:
4965
Totale Sondaggi:
98
Totale Messaggi:
143253
Totale Messaggi Oggi:
3
Info Utenti:
 
Totale Utenti:
6020
Ultimo Utente Registrato:
spogghi