Home Forum General Librogame e dintorni I Corti di LGL 2015 I Corti 2015 - La locanda nella foresta
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

La pandemia sembra volgere finalmente al termina, come risponderà il mercato dei LG a questo progressivo ritorno alla normalità?

I Corti 2015 - La locanda nella foresta

Re: I Corti 2015 - La locanda nella foresta

In effetti il passo avanti rispetto all'anno scorso è significativo! applauso
Vogliamo lo spiegone! Vogliamo lo spiegone!

monpracem
Scienziato Pazzo
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1612 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: I Corti 2015 - La locanda nella foresta

Spie-go-ne! Spie-go-ne!

"Se non volete sentir ragioni, sentirete il filo delle nostre spade!"

Rygar
Tetro Lettore / Grim Reader
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1989 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: I Corti 2015 - La locanda nella foresta

C'è da aspettare per lo Spiegone completo del racconto....sto partendo per le vacanze  tongue

Rispondo solo a due punti per adesso perché non ho ancora avuto tempo (per via della Gazzetta) di stilare un bel post con tutte le risposte utente per utente. Lo farò certamente ma dopo ferragosto, ora vado in vacanza.  smile  smile

1) Milvius

Nelle mie intenzioni, Milvius doveva essere scoperto perché era l'unico avventore a non mentire.
Tutto quello che serviva era nei 49 paragrafi del corpo del racconto, ecco nel dettaglio:

- Suonatrice d'arpa: cerca di ucciderci (senza un perchè) dopo averci accolto in simpatia nella sala grande (L11), dichiarando che nella boccetta sulla madia c'era un ricostituente, invece era un veleno (Boccetta di veleno nero)
- Uomo-larice: È lui che deve dei soldi all'orco delle colline e non viceversa come invece ci sussurra al tavolo dei quattro giocatori. Lo scopriamo origliando nel passaggio segreto (L6).
- Capo dei Folletti dal Cappello rosso: Mente perché ci dice di battere sul pannello di destra alla camera del Locandiere. Invece il pannello per aprire la porta è l'altro. Il fatto che in appendice si dica che i Folletti dal Cappello rosso siano bugiardi patentati non è essenziale, è solo un aiuto al lettore attento che ha letto l'Appendice 2.
- Orco delle colline: Non è vero che non usciva dalla locanda da una settimana. C'era il suo "sudiciume" sulla maniglia esterna della porta.
-Strega nera del Nimdoit: Dice di alloggiare in F9 perché afferma al tavolo dei quattro giocatori che ha un larice nella stanza, invece è in F3. Lo si nota dalle cianfrusaglie tipiche di una strega.
- Cavaliere dell'Aquila: Qui è il testo a svelarlo palesemente: l'insegna delle due aquile disegnata sull'armatura non appartiene al regno dell'Alce.
- Locandiere: È un bonaccione all'inizio quando ci rechiamo al bancone (L2) ma poi nel passaggio segreto capiamo che nasconde qualcosa. Quando entriamo nella sala dei Trofei abbiamo addirittura le prove che è in combutta con il Re dell'Aquila (Documento firmato).
- Mercante di animali: Dice di essere entrato subito dopo di noi ma non è vero, infatti in E2 troviamo uni dei suoi Aghi d'Argento. È entrato dunque prima di noi, magari dopo aver sbirciato dalla finestra come abbiamo fatto noi.
- L'Erborista: la sua rabbia ci svela che nasconde qualcosa. Capiamo che mente perché è in combutta con suo fratello (il Locandiere), citato nel passaggio segreto. "lo dirò a mio fratello. Preparerà qualcosa per aiutarci" dice il Locandiere in L6.

- Nomade del Nimdoit: lui svela i segreti del Locandiere, ci dice di non fidarci. Sta dicendo la verità ed è l'unico della lista al paragrafo d'azione 78 a farlo. Se eliminassimo l'Appendice 2 (Bestiario del Nimdoit) potremmo comunque individuare Milvius sfruttando esclusivamente le info raccolte dal corpo del racconto.

Detto questo, non credo che rifarei la stessa scelta perché ho visto che è risultata ambigua e poco chiara e a molti non è piaciuta. O forse l'ho sviluppata male io.
Di errori ne ho fatti diversi e come ho scritto nel post dove ho votato, avevo bisogno di un betatester.

2) Dado a 6 facce
Ho scelto volutamente di lasciare il dado per terra, proprio per sottolineare la sua inutilità nel mio racconto e ho scelto un dado (invece di tanti altri oggettini carini che mi erano venuti in mente..) come simbolo della causalità nei Lg.
Ciò riflette il mio modo di pensare: mi piace che le scelte siano ragionate e il caso abbia un ruolo nullo o marginale. Non voglio certo muovere guerra contro l'uso dei dadi o del caso, ma in questo momento, preferisco tali scelte.

Buona estate a tutti!!

Fa che ciò che ami sia il tuo rifugio

Anima di Lupo
Barone del Sole
ranks
useravatar
Offline
2539 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: I Corti 2015 - La locanda nella foresta

Ciao a tutti e ben ritrovati alla Locanda nella Foresta!! bigsmile2

L'autunno sta arrivando e sono pronto per rispondere alle vostre costruttive considerazioni.

Dico subito che l'Epilogo non lo riscriverei più così. È troppo triste.
Magari sfrutterei la scena per creare un'ID da qualche parte.

RISPOSTE:

Rygar ha scritto:

Per prima cose le loose end, pezzi di trama non sviluppati che fanno pensare a un'evoluzione del testo diversa rispetto a quella pianificata e a una scarsa revisione dopo la stesura finale.

Le loose end sono volute e non provengono da una scarsa revisione. Il mio intento era quello di stimolare la curiosità nel leggiogiocatore e al contempo creare una buona atmosfera.

Prodo ha scritto:

A questo proposito l'aspetto della molteplicità delle razze è stato curato benissimo: un vero tocco di classe lo troviamo nella descrizione della porta della locanda, che ha una maniglia enorme. Ovviamente questo accade perché il posto è frequentato da umani e non umani: una pensata semplice ma intelligente, che ha ben pochi riscontri nella letteratura di genere.

Uno dei complimenti più belli da quando sono su Librogame's Land. Grazie!! lol

Boole ha scritto:

da cosa dovrei capire che il cattivo è proprio quello che è e non un altro???tutti i vari indizi e le chiavi e gli oggetti e l'affannarmi per le stanze mi sembrano alla fine un po'inutili...

Questo aspetto è voluto. Una locanda di questo tipo me la aspetto piena di cianfrusaglie e cose inutili da lasciar perdere. A me piace anche il fatto di trovare porte chiuse, utili a creare l'atmosfera.
Lo scopo del gioco nelle mie intenzioni era divertirsi a esplorare la locanda, scoprire chi è Milvius.

Hieronymus ha scritto:

Da un rapido sguardo sembra interessante, e noto con piacere che sono tornate le virgolette ben fatte.
Mi faccio una bella dormita per gustarmelo meglio domani, notte.

Mi ero illuso che potesse piacerti il mio racconto ma poi non hai votato. Mi dispiace un pò non aver avuto la valutazione del vincitore.

Rygar ha scritto:

Al paragrafo 25 il Folletto dal Cappello Rosso ci dice chiaramente che dobbiamo bussare sul pannello destro un certo numero di volte; però, quando lo facciamo, subiamo una penalità perché avremmo dovuto bussare sul sinistro. È un errore o è voluto, visto che i Folletti dal Cappello Rosso sono "imprevedibili sia nel comportamento sia nella parola data (cit.)"?

È assolutamente voluto.

Pirata delle Alpi ha scritto:

Guardate la descrizione dei Nomadi di Nimdoit nel bestiario. Poi vedete come si comporta il nomade incontrato in L5. Quando un tipo che appartiene ad una razza di "esseri umani spregevoli e malvagi" che non ho mai incotrato mi dice di difidarmi di un altro tizio, mi puzza di bruciato... perché un uomo malvagio mi da un consiglio? sicuramente non per bontà d'anima, quindi è un tranello, sicuramente orchestrato da quel ruffiano di Milvius... elementare Watson. Ho accusato questo nomade e, sorpresa! era lui il cattivo! questo mi è sembrato troppo evidente

Esatto. Non avrei saputo dirlo meglio.
Comunque, troppo difficile o troppo evidente? Come la faccio la faccio, la sbaglio! smile2

Pirata delle Alpi ha scritto:

Secondo me, la grande pecca di questo Corto è la mancanza di "azione" e con questo intendo che i combattimenti sono troppo passivi: i fatti vengono descritti e non si lancia neanché un dado per mostrare chi commanda ai fantasmi, goblin o a quel mascalzone di Milvius....

Hai ragione, ho tolto il combattimento attivo dal racconto. Non mi sembrava il caso di complicare la fluidità del racconto. Volevo qualcosa di meno macchinoso possibile.

Pirata delle Alpi ha scritto:

Vista la totale assenza di missioni secondarie o di altri interessi per Entilen, il gioco finisce qui e, secondo me, l'interesse di ricomminciare a giocare per scoprire altre cose è molto debole.

Non penso che sia debole l'interesse a rigiocare per scoprire altre cose.
In realtà dovresti essere incuriosito da cosa accade interagendo con tutti i personaggi, al di là della missione. Mi dispiace di non essere riuscito a coinvolgerti sotto questo aspetto.

Charles Petrie-Smith ha scritto:

poi perché non capisco il motivo per cui Milvius dovrebbe metterci la pulce nell'orecchio sulle attività del locandiere, visto che il suo interesse sarebbe quello di mantenere il profilo più defilato possibile; infine perché ci sono altri personaggi che si comportano in maniera ben più sospetta nei nostri confronti, a partire dalla bellissima arpista che cerca di ucciderci SENZA NESSUN MOTIVO! Quale sarebbe la motivazione? Ha recepito i nostri complimenti come molestie ed è solita assassinare chiunque la infastidisca?

Hai ragione quando dici che tenere basso il profilo sarebbe opportuno, è una classica scelta logica fatta spesso da chi fugge o si nasconde.
Però io ho ragionato in un altro modo (sbagliato?): Milvius vuole allontanare da sé l'attenzione. Non è certo che Entilen sia lì per lui, ma avendo scoperto i loschi piani del locandiere li sfrutta ogni volta che sospetta di qualcuno. Ogni volta che pensa di essere braccato.

Sulla Suonatrice d'arpa invece è vero. Ci vuole uccidere senza motivo. È pazza.

EGO ha scritto:

L'impostazione a mappa, e la mappa stessa, sono impeccabili. Notevole l'idea di differenziare i 3 macro-ambienti con lettere diverse, similmente a quanto visto in alcuni volumi della serie La Terra di Mezzo.

Il volume della Terra di Mezzo Una Spia a Isengard è stata la mia fonte d'ispirazione per la mappa e la differenziazione dei paragrafi con lettere e numeri.

EGO ha scritto:

tutti i personaggi si possono incontrare senza dover visitare quelle stanze, e per vincere non serve nessun oggetto. Però in questo modo ci si perde tutta l'esplorazione, che è il punto forte di questo Corto

Esatto, oggetti e stanze servono quasi sempre a farci capire chi stiamo cercando, che è il vero scopo del gioco. L'esplorazione avresti dovuto farla volentieri a prescindere, ma non essendoti piaciuto ne lo stile di scrittura ne l'ambientazione troppo classicamente fantasy, capisco benissimo il tuo punto di vista.
E poi non tutti gli oggetti non servono a un tubo..il cristallo luminoso, l'antidoto, le monete, la Gemma Blu ecc...il fatto è che non sono fondamentali.
La quantità di oggetti, poi, è assolutamente voluta. Io, come già detto, una locanda me la immagino così. Piena di cianfrusaglie, per lo più inutili da prendere.
Mi sarebbe piaciuto stimolare il lettore a scervellarsi per decidere cosa è veramente importante e cosa no.

EGO ha scritto:

Non riesco a capire come abbia fatto il paragrafo di azione 78 a finire prima del 25 e del 31.
Tantomeno capisco perché abbia ricevuto il numero 78, o perché il 25 abbia il numero 25

Non hanno alcun significato. Sono numeri a caso.

EGO ha scritto:

perché non ci viene offerta l'opzione di bere o non bere la pozione nella stanza di Mylena? Be', io dico perché l'autore è un sadico. C'era un paragrafo in più, e poteva usarlo per offrirci l'opzione di bere. Ma no, aveva deciso che all'inizio del gioco ti dava un antidoto, e quindi, se trovi un veleno, te lo fa bere o di riffa o di raffa

Hai ragione, era meglio far scegliere se bere o no.

babacampione ha scritto:

Ho notato solo io il vezzo della metafora del dado a sei facce abbandonato a terra (e inutile, se non addirittura dannoso), a significare che l'autore disdegna la variabile caso?

Esatto, anche se non in senso assoluto. Non è cioè una mia filosofia di vita.

In questo racconto però il caso (dado) è per terra, inutile.
Non serve per completare la missione, né il dado né il caso.

FinalFabbiX ha scritto:

anche se avrei gradito una descrizione più dinamica, che mi permettesse di orientarmi senza abusare della mappa;

Invece dovevi proprio abusare della mappa. È uno degli aspetti cruciali del mio racconto.

FinalFabbiX ha scritto:

il fatto che NON si possa tornare indietro a recuperare un oggetto in bella mostra quando si scopre che era l'unico che ci serviva,

Questa cosa è vera e ho sbagliato, avrei dovuto dare la possibilità di riprendere gli oggetti.
Potevo comunque mantenere il fatto che non si poteva più interagire con i personaggi (non avendo ovviamente lo spazio per formulare nuovi dialoghi) ma non far RIprendere gli oggetti è stato un errore che ha intaccato il realismo.

Rygar ha scritto:

Charles Petrie-Smith ha scritto:


 Spoiler Show Spoiler Hide Spoiler
 il terribile veleno mischiato alla violetta. D'accordo, siamo in un mondo fantasy... tuttavia un veleno così potente da uccidere per inalazione, capace di mantenersi attivo in una busta che ha viaggiato per chissà quanti giorni, mi fa storcere parecchio il naso.
Ma, potrebbe dire qualcuno, senza andare nel fantastico esiste l'antrace! Vero, ma l'agente dell'antrace non è un veleno, è un batterio che può essere "postato" in forma di spore, ma non uccide all'istante, bensì causa una malattia (l'antrace o carbonchio, appunto) che porta alla morte in alcuni giorni, e dalla quale si può anche guarire, specie se viene trattata tempestivamente. In questo mondo non ci sono antibiotici, direte, sì ma c'è la magia.
E poi, sei a "palazzo": in questo palazzo vivrà della gente molto importante, considerato che in questo mondo esistono dei veleni così potenti e resistenti, la posta che vi arriva non viene sottoposta a una rapida ispezione magica?

Sì, probabilmente quanto parli di ispezionare la corrispondenza hai ragione, anche se dipende molto dal destinatario.
Però un simile espediente è già stato utilizzato senza darmi troppo fastidio.

 Spoiler Show Spoiler Hide Spoiler
 In FF48 c'è una istant death identica al finale di questo racconto, con l'unica differenza che è all'inizio dell'aventura.

Non ho mai letto FF 48 quindi non posso aver preso spunto da quella ID. Comunque, le perplessità sulla potenza del veleno mi sembrano facilmente superabili in un mondo fantastico senza scomodare l'antrace o altri batteri patogeni per l'uomo.

La corrispondenza non viene controllata al Palazzo della Corporazione dello Stiletto salvo che quella del Grande Maestro, il quale ricopre un ruolo molto importante per la Corporazione stessa.

sancio ha scritto:

tipo perdi 2 punti vita dal freddo e al successivo paragrafo mi si fa sapere che comincio a sentir freddo. O peggio ancora, descrivere un possibile esito di una scelta all'interno dello stesso paragrafo, soprattutto se infausta!

Azz... Sancio hai ragione in entrambi i casi.

Sulla scelta all'interno del paragrafo credo ti riferisca alla già citata Chiave d'Oro in F8 mentre fuori dalla locanda ho ragionato solo in un senso, se arrivi in E5 da E6 non ha senso leggere "stai iniziando a sentite freddo": abbiamo appena perso punti vita per il freddo!!

Sabretooth ha scritto:

la spiegazione è molto semplice. non è corretto.
la soluzione del gioco è da "trovare" nelle appendici.
è il contrario di un giallo. un giallo corretto verso il lettore da le informazioni nel libro e non nelle appendici.

La soluzione si può estrapolare anche dal solo testo, basta capire che Milvius è l'unico che dice la verità in una taverna di bugiardi.
Comunque, come già detto, tu e gli altri mi avete convinto della farraginositá dell'impianto e ti chiedo scusa se ti sei sentito in qualche modo "tradito dall'autore". Non era mia intenzione essere scorretto. Anzi, non avevo neppure immaginato che la mia soluzione dell'enigma potesse essere scorretta dal punto di vista tecnico e morale.

Dario III ha scritto:

L'idea, eccellente, ricorda un poco le indagini della Settimana Enigmistica, in cui bisogna cogliere in fallo alcuni sospetti in base alle loro dichiarazioni, però di dichiarazioni mendaci ce n'è fin troppe!

Ah! Se potessi tornare indietro.... (sospiro malinconico)....

Certamente terrei l'idea e i personaggi ma cambierei l'indizio per scovare Milvius eliminando le Appendici.

Adriano ha scritto:

Purtroppo non riesco ad andare oltre l'8, fondamentalmente per due motivi:
1) un po' debole la parte dell'indagine: gli indizi potevano essere sfruttati meglio;
2) struttura a mappa: come per La triade dei ludi infernali, c'è un problema con la mappa, nel senso che se si esplora nuovamente un ambiente occorre far trovare qualcosa di congruente.

Concordo con entrambe le tue considerazioni.
Forse avendo avuto più paragrafi a disposizione avrei inserito nuovi dialoghi tra Entilen e i personaggi ma, considerato che possiamo passare illimitatamente per un determinato paragrafo, come si fa a scrivere "illimitati" paragrafi? In attesa che la tecnologia (o la magia...) risolva questo aspetto potevo almeno permettere di prendere gli oggetti.

Apologeta ha scritto:

A ragà, non si mette la virgola tra il soggetto e il verbo, come caspita devo dirvelo?

Aiuto!! Ho bisogno veramente di un corso di scrittura.

Heimdall di Bifrost ha scritto:

si sarebbe forse potuta introdurre la variabile “tempo” (non ritrovo una cosa perché dopo X minuti si assume che sia passato comunque qualcuno e me l’abbia portata via), anche se capisco che avrebbe complicato le cose.

Ho pensato a questa possibilità ma l'ho bocciata perché avrebbe appesantito la giocabilitá del Corto. Inoltre avrei dovuto permette la scrittura di un registro di appunti, cosa che non volevo assolutamente.

Heimdall di Bifrost ha scritto:

l’obiettivo verso cui è teso tutto il racconto: l’individuazione del terribile Milvus. (Confesso che la prima volta ho letto “Silvius”, e sono stato condannato a immaginarmelo per il resto della mia lettura come un losco personaggio di bassa statura, con un permanente ghigno botulinico e i capelli trapiantati, ehm… ma non divaghiamo!)

Silvius non sarebbe mai stato solo ma piuttosto circondato da una ventina di prostitute minorenni che ti avrebbe propinato come le nipoti del Locandiere... Ma chissà, forse qualcuno ci sarebbe cascato...

Heimdall di Bifrost ha scritto:

In un paio di situazioni si sarebbe potuto fare ricorso ai due punti anziché all’onnipresente virgola

L'anno scorso abeas mi cassò i troppi punti esclamativi, quest'anno tu le virgole. Avanti così ragazzi, siete meglio di un corso accelerato di grammatica.

Comunque, per tutti, avviso che apprezzo, sempre, anche le segnalazioni, di refusi, e gli errori grammaticali, anche piccoli, nei miei racconti, quindi segnalate pure, sempre, tutto!!!!!!!

Heimdall di Bifrost ha scritto:

Uno degli aspetti che trovo più detestabili nel fantasy è infatti la proliferazione incontrollata di razze, generi e specie varie che chiaramente, una volta ideate, vanno caratterizzate fornendo loro le più disparate peculiarità.

Ora mi addentro in un discorso complesso che sfiora soltanto il discorso sul mio Corto (ma chi me lo fa fare?).
Se paragoniamo le etnie di un mondo fantasy (uomini, nani, elfi ecc..) alle diverse specie viventi del nostro mondo ne esce un parallelo evidente che distingue abbastanza nettamente i comportamenti in ENTRAMBI i mondi.
Ogni "gruppo" ha sue caratteristiche specifiche e non c'è nulla di male in questo. Forse emerge qualcosa di scontato e già sentito, è vero, però le individualità che cerchi (giustamente) nei personaggi possono convivere benissimo con i tratti comuni della etnia in questione.

Ad esempio, gli animali girano nudi, gli uomini no. Le piante non parlano e non pensano, gli uomini si.
Gli elfi sono agili e i nani no, i Nomadi del Nimdoit sono grezzi e violenti, gli uomini della Corporazione dello Stiletto no ecc..
Poi anche tra i Nomadi ci sarà quello meno violento.

Quindi un comportamento "tipico" comune a tutti i membri della propria etnia ci può stare anche tenendo conto di sfumature individuali nel carattere e nei gesti.

Mornon ha scritto:

Per esempio, bellissimo l'incontro con i fantasmi, interessanti gli uomini-larice, intrigante la politica dei Regni e delle fazioni, però poi si aggiungono troppe cose: i goblin, gli orchi, i redcap... forse era meglio concentrarsi su 2-3 punti che rendono ORIGINALE il nostro fantasy e sviluppare quelli nelle loro mille varianti e possibilità. Avrebbe giovato molto alla rappresentazione generale della storia e del suo background, connotandola maggiormente e rendendola unica.

È vero!
A questo aspetto non avevo proprio pensato, ne terrò certamente conto nelle prossime opere.


Come forse avrete notato, ho puntato l'indice più sui difetti che sui pregi del mio racconto. Questo perchè ho la ferma intenzione di migliorarmi ancora in vista di altri lavori. Quindi grazie di cuore a tutti voi che avete sottolineato le mie mancanze e dato un voto negativo al mio Corto perché avete certamente contributo a migliorarmi.

Ma dato che i complimenti e le belle parole rinfrancano, ti fanno stare bene e stimolano ad andare avanti ringrazio anche tutti quelli che mi hanno elettrizzato con i loro commenti, in particolare Adriano, Dario III, Prodo, Mornon, Heimdall di Bifrost e Babacampione.

Grazie pure ad Apologeta, monpracem e Babacampione per aver sottolineato il miglioramento rispetto al Concorso 2014. Se ciò è accaduto è soprattutto grazie alla Comunità di LGL che mi ha insegnato tanto in questo anno.

Evviva il Concorso dei Corti! Evviva Librogame's Land!
applauso  applauso  applauso

Fa che ciò che ami sia il tuo rifugio

Anima di Lupo
Barone del Sole
ranks
useravatar
Offline
2539 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: I Corti 2015 - La locanda nella foresta

E bravi agli autori che accettano di mettersi in gioco e rispondere alle critiche dei lettori. wink

Ex Direttore della Gazzetta e attuale Signore dei TotoAutori, continua così!

Spade saranno sguainate per dimostrare che le foglie sono verdi in estate.

I miei racconti

Apologeta
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1724 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: I Corti 2015 - La locanda nella foresta

Anima di Lupo ha scritto:

Ah! Se potessi tornare indietro.... (sospiro malinconico)....

Ovviamente puoi! Ci sono diversi librinostri che sono nati come corti per concorsi e poi sono stati ampliati, completati, eccetera.

Un' idea, un concetto, un' idea, finche' resta un' idea e' soltanto un' astrazione.
Se potessi mangiare un' idea avrei fatto la mia rivoluzione.

Yaztromo
re fuso
Barone del Sole
ranks
useravatar
Offline
4444 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: I Corti 2015 - La locanda nella foresta

Complimenti all'ormai ex Dir.Gaz. per il suo corto! Mi spiace non averti votato (non ero ancora iscritto al forum), ma del tuo corto mi sono piaciute molte cose, a partire dalla struttura a mappa con disegno a colori (bello bello!).
Anch'io ho trovato troppo debole il modo in cui si dovrebbe arrivare a individuare Milvius.
Ad esempio, hai scritto (anche se in risposta a una domanda diversa):

Dir.Gaz. ha scritto:

Se paragoniamo le etnie di un mondo fantasy (uomini, nani, elfi ecc..) alle diverse specie viventi del nostro mondo ne esce un parallelo evidente che distingue abbastanza nettamente i comportamenti in ENTRAMBI i mondi.
Ogni "gruppo" ha sue caratteristiche specifiche e non c'è nulla di male in questo. [...]
Poi anche tra i Nomadi ci sarà quello meno violento.
Quindi un comportamento "tipico" comune a tutti i membri della propria etnia ci può stare anche tenendo conto di sfumature individuali nel carattere e nei gesti.

Il problema è che dovremmo capire che Milvius è chi è perchè:

AdL ha scritto:

La soluzione si può estrapolare anche dal solo testo, basta capire che Milvius è l'unico che dice la verità in una taverna di bugiardi.

ma questo non dimostra niente.
Anche sostenere che è un Nomade che non mente, e questo ci insospettisce perchè tutti i Nomadi mentono, come pretesto funziona male. Non sono animali, quindi non è come dire "tutti i leoni sono carnivori". Non siamo in un surreale indovinello dove ci sono gli abitanti di un villaggio che dicono sempre il falso e quelli di un altro villaggio che dicono sempre il vero.
Però tutta l'esplorazione della taverna e la possibilità di scoprire sottotrame e intrighi vari è stata resa molto bene, il senso di taverna affollata da un mondo di differenti creature è ottimo.

A un certo punto esce fori un vecchio che fà dice: “Presto chiamate un’ambulanza”, dico “Ma che chiami? Non lo vedi che questi c’hanno si e no trenta secondi de vita?”. Aò so passati venti secondi, so’ spirati proprio così, all’unisono… Mortacci l£%0%0%0%0%0

¿„ãßꪧ¬
Arkham Lêgãcy ¬
Arcimaestro
ranks
useravatar
Offline
739 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: I Corti 2015 - La locanda nella foresta

concordo..

"il solo nella taverna a non mentire" (solo dal testo)
ma anche
"l'unico nella taverna non congruente con la propria razza" (comprese le appendici)
mi paiono due giustificazioni poco inchiodanti... "in tribunale non reggerebbero" (semi cit. qualsiasi telefilm poliziottesco o avvocatesco amerigano tongue)

Sabretooth
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1304 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: I Corti 2015 - La locanda nella foresta

Sabretooth ha scritto:

"in tribunale non reggerebbero"

Direi che la tua citazione (che condivido) riassume bene tutto il discorso legato a Milvius. wink

Fa che ciò che ami sia il tuo rifugio

Anima di Lupo
Barone del Sole
ranks
useravatar
Offline
2539 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Info Forum

Statistiche Forum:
 
Totale Discussioni:
5376
Totale Sondaggi:
100
Totale Messaggi:
148161
Totale Messaggi Oggi:
1
Info Utenti:
 
Totale Utenti:
7825
Ultimo Utente Registrato:
Gamecla