Home Forum General Il Portale della Scrittura - LibriNostri Domandone: Ma per quanto riguarda gli aspetti prettamente legali?
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Play 2022 e Il Salone del Libro hanno avuto altissime adesioni, la stagione delle fiere sembra essere ripartita alla grande. Ritenete che il momento critico sia passato e che il trend dei librogame sarà di nuovo in forte crescita da adesso in poi?

Assolutamente si, i numeri lo dimostrano, i librogame hanno ripreso in pieno l'ascesa - 17.5%
Ci sarà ancora qualche strascico legato al costo dei materiali, ma il trend è comunque positivo - 19.7%
L'emergenza pandemica è finita, ma la situazione internazionale è complessa e il futuro sarà condizionato da continui alti e bassi - 15.3%
La pandemia tornerà in autunno e con la guerra in Ucraina il settore è destinato a un nuovo stop da cui ripartiranno solo in pochi, i meglio organizzati - 16.1%
È solo un fuoco di paglia. I problemi sono troppi, il settore è destinato a implodere e tornare aglli anni pre-Rinascimento - 15.3%
Ci sono eccessive variabili per lanciarsi in previsioni di qualsiasi tipo - 16.1%

Voti totali: 137

Domandone: Ma per quanto riguarda gli aspetti prettamente legali?

Domandone: Ma per quanto riguarda gli aspetti prettamente legali?

Ciao a tutti,
Domandone di oggi:

Ma i librinostri e la stampa di quest'ultimi ai fini di legge è regolare?
Vada per quelli che scrivete voi, illustrate voi, impaginate voi, sputate sangue voi etc.. voi.

Ma le traduzioni di libri d'oltralpe/oceano con relativa reimpaginazione simile all'originale e illustrazioni varie, siamo sicuri che sia lecita lecita?

Giusto per capire, non per far partire qualche flame o altro.

Ultima modifica di: purpe
Mar-14-10 15:13:21

Prodigo pompiere con estintore a benzina :*

purpe
Spargitore di Zizzania
Grande Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
845 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Domandone: Ma per quanto riguarda gli aspetti prettamente legali?

Ne abbiamo già discusso in abbondanza.

Conclusione: non siamo sicuri, ma finché nessuno viene a bussare, si può fare.

Corollari:
- nessuno ha diritti da esercitare in Italia
- LGL non pubblica a scopo di lucro, quindi nessun profitto viene rubato agli autori
- alcuni dei libri tradotti sono fuori catalogo da anni
- Joe Dever in persona ha dato l'autorizzazione per i suoi libri inediti da noi

EGO
Barone del Sole
ranks
useravatar
Offline
2114 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Domandone: Ma per quanto riguarda gli aspetti prettamente legali?

Ok, era giusto per sapere

Prodigo pompiere con estintore a benzina :*

purpe
Spargitore di Zizzania
Grande Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
845 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Domandone: Ma per quanto riguarda gli aspetti prettamente legali?

Concordo con EGO.
E' per questo motivo che LGL non supporta attività di stampa e di vendita dei Librinostri. Si tratta di traduzioni del tutto amatoriali e senza fini di lucro.

Dirk
Amministratore
useravatar
Offline
1652 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Domandone: Ma per quanto riguarda gli aspetti prettamente legali?

Per una cosa senza fini di lucro non c'è problema: al massimo possono farli togliere.

Una mia curiosità invece (sicuramente se ne sarà parlato nel forumo vecchio...):
Nessuno di LgL ha mai preso in considerazione la possibilità di aprire una casa editrice?

Zot
Cartografo del Magnamund
Arcimaestro
ranks
useravatar
Offline
507 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Domandone: Ma per quanto riguarda gli aspetti prettamente legali?

Non e' affatto vero quello che dite e sul vecchio forum se ne era parlato in abbondanza e con chiarezza: la legge sul diritto d'autore NON consente di stampare libri altrui.
Il discorso del "in Italia nessuno ha i diritti" non vale molto: sei tu che li devi comunque chiedere all'autore straniero.
Il discorso del "senza scopi di lucro" e' stata interpretata dalla SIAE nel modo piu restrittivo: persino distribuire gratis non ti salva dall'accusa di aver "risparmiato" (quindi "lucrato") sui diritti d'autore che non hai pagato.

Mi spiace, le cose sotto questo profilo sono davvero blindate.

No traduzioni, no ristampe, no fan-ficton se non hai il permesso scritto dell'autore.

A questo punto vale il solito discorso "all'italiana", cioe' non hai diritti alcuni e sei torto per la legge ...MA finche' la faccenda rimane di entita' risibile si puo' confidare che nessuno ci fara' causa...

Per dire una fan fiction X nessuno te la contesta ma c'e' stato il caso di una fan-fiction su Harry Potter che stava diventanto troppo popolare ed e' stata subito bloccata a colpi di avvocato dall'autrice del celebre maghetto.

Anche il discorso "al massimo possono chiedere di levare i file" e' da intendersi "all'italiana" perche' e' vero che tipicamente va a finire proprio cosi' ma la legge gli consente invece di farti causa per il danno di aver distribuito gratis un prodotto che loro intendevano commercializzare.

Nel caso di Harry Potter, l'autrice non ha proceduto in tal senso unicamente per non fare un gesto odioso e impopolare tra i fans...

Seven_Legion
100% SIMPY CERTIFIED
Moderatore
useravatar
Offline
4170 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Domandone: Ma per quanto riguarda gli aspetti prettamente legali?

Beh con questo ragionamento allora dovremmo ritirare gran parte dei LibriNostri all'istante.
Harry Potter è un esempio un po' estremo perchè c'era gente che aveva distribuito traduzioni prima o durante il lancio della traduzione ufficiale, creando un oggettivo danno economico a chi ha acquistato legalmente i diritti di pubblicazione.
I libri che trattiamo sono del tutto inediti in Italia e nessuno li sta pubblicando o ha interesse a pubblicarli commercialmente, almeno al momento.
Chiedere autorizzazioni scritte è fuori dalla nostra portata (sono in pochi a rispondere, provare per credere) e pochi autori hanno l'interesse e/o la voglia di mettere le cose nero su bianco per concederci i diritti di traduzione. Al massimo potrebbero dare un consenso generico ad uso amatoriale, come già abbiamo ottenuto in alcuni casi.
Tutt'altra cosa è metter su una casa editrice, e il sottoscritto non ne ha alcuna intenzione. Sono dell'idea che i LibriNostri devono rimanere così come sono: amatoriali e soprattutto gratuiti.

Dirk
Amministratore
useravatar
Offline
1652 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Domandone: Ma per quanto riguarda gli aspetti prettamente legali?

Seven_Legion ha scritto:

Non e' affatto vero quello che dite e sul vecchio forum se ne era parlato in abbondanza e con chiarezza: la legge sul diritto d'autore NON consente di stampare libri altrui.
Il discorso del "in Italia nessuno ha i diritti" non vale molto: sei tu che li devi comunque chiedere all'autore straniero.
Il discorso del "senza scopi di lucro" e' stata interpretata dalla SIAE nel modo piu restrittivo: persino distribuire gratis non ti salva dall'accusa di aver "risparmiato" (quindi "lucrato") sui diritti d'autore che non hai pagato.

Giusto per capirci: ho addotto quei "corollari" non come scusa, giustificazione o presunto permesso, ma solo per elencare i punti principali su cui avevamo discusso e che costituiscono il cardine della nostra decisione di procedere con le traduzioni, magari anche di libri, come quelli di Livingstone, su cui in un primo momento avevamo messo il veto perché sono tuttora pubblicati in Inghilterra. Non volevo dare l'idea che fossimo a posto dal punto di vista formale e legale. Pertanto ho appunto concluso che stiamo facendo questa cosa perché nessuno è venuto a dirci niente. Nel caso dei libri di Dever, il suo permesso è puramente verbale e non sarebbe di garanzia nel caso che un giorno Joe si svegliasse e decidesse di citare LGL per Combat Heroes e il Companion.

Dico solo quello che penso su un paio di cose: non vedo perché si dovrebbero pagare dei diritti all'autore se non intendo lucrare sulla mia traduzione della sua opera, soprattutto quando qualsiasi logica umana può dimostrare che l'autore, dal mio lavoro, non riceve perdite economiche. Paradossalmente su questo forum si arriva al punto che il libro tradotto viene scaricato per diletto e curiosità da chi ha già pagato l'autore acquistando il libro originale. Nel caso poi di libri non più pubblicati, come quello di Dave Morris, l'autore non ci guadagna neppure su tutte le copie usate che ogni settimana vengono vendute da Amazon o su eBay o altre fonti, quindi l'autore non guadagna più nulla comunque da quell'opera, originale o amatorialmente tradotta che sia.

In quanto alla SIAE, sarò anche il solito italiano ma sono convinto che un'organizzazione che:
- chiede soldi per cantare una canzone in pubblico ad una festa o per proiettare filmati anche solo ad un pubblico scolastico,
- pretende diritti su prodotti d'importazione parallela su cui non ha alcun diritto,
- ti fa pagare IVA su prodotti acquistati all'estero, anche usati,
- al di sopra ed in barba ad ogni legge, applica una pena a priori a qualsiasi italiano acquisti un prodotto elettronico dotato di memoria perché "potresti usarlo" per conservare musica o filmati che non hai pagato,

è un'organizzazione che fa i suoi porci comodi e interessi a danno del cittadino, e sarebbe probabilmente giudicata criminale da qualsiasi corte dotata di un briciolo di buon senso.

Sulle fanfiction qualsiasi pretesa legale è comunque arbitraria e fantascientifica, perché laddove non vengono chiesti soldi per fruirne, la fanfiction è tranquillamente equiparabile (sempre secondo una logica che i soldi cancellano in un attimo) al bambino che a scuola dice "ma pensa se Harry Potter..." e ti imbastisce una sua storiella su come secondo lui poteva succedere in Harry Potter. Vogliamo multarlo e denunciarlo? Allo stesso modo, se una qualsiasi pretesa legale su una fanfiction gratuita potesse realmente essere montata e fatta valere, bisognerebbe rimuovere da Internet qualsiasi disegno che si rifà a prodotti commerciali, ovvero qualsiasi fanart comprendente personaggi di fumetti, anime, videogiochi, film, e multare i bambini che all'asilo disegnano Goku e Naruto. In quel caso di Harry Potter, non mi sorprenderei se la cosa non fosse progredita proprio perché mancavano degli autentici appigli legali, perché concettualmente portare a processo uno che si è appassionato alla serie e si è scritto la sua storiella personale è una vaccata atomica. Sicuramente in quel caso i legali della Rowling volevano solo fare la voce grossa per spaventare il probabile mercato nero e il business della contraffazione del marchio HP, e hanno scelto come bersaglio di facciata una fanfiction che godeva di popolarità e quindi di visibilità.

Che poi scusate: in commercio, nei negozi di dischi, si trovano dei bootleg, venduti con tanto di scontrino fiscale. Com'è possibile? Dov'è la SIAE, dove sono gli avvocati, dov'è il diritto d'autore? Come fa una registrazione non autorizzata a finire nei negozi e a non essere punita per violazione dei diritti d'autore? E lì c'è il lucro, a differenza che per i LN.

Insomma, la legge sarà anche legge, ma ci vogliono dei presupposti:
- la legge deve esistere e non dare adito a dubbi per eventuali rivendicazioni (e nel caso della fanfiction di HP, probabilmente c'erano delle falle);
- la legge dev'essere applicata in tutti i casi affini, non soltanto in quelli più visibili, quando porta soldi in tasca a Mina e agli altri affiliati alla SIAE, o quando conviene all'artista dimenticato per riportare il suo nome in prima pagina.
- la querela della parte offesa. Per un notevole numero di capi d'accusa, non esiste reato se non c'è denuncia.

La legge è imperfetta, la sua applicazione è imperfetta, il mondo è imperfetto. Se a nessuno interessa fare chiarezza e ordine, il mondo rimane imperfetto. E di questa imperfezione potrebbero far parte i LibriNostri; se qualcuno vuole eliminare quell'imperfezione, lo dirà. Se perfino la EL non ha detto nulla riguardo all'uso di una sua grafica editoriale, regolarmente registrata e sicuramente coperta da diritti, vuol dire che attualmente di possibili irregolarità dei LN non interessa a nessuno, tranne curiosamente che ai diretti responsabili. Che comunque non rubano soldi a nessuno e non intascano un centesimo per le lunghe ore passate su questi lavori.

EGO
Barone del Sole
ranks
useravatar
Offline
2114 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Domandone: Ma per quanto riguarda gli aspetti prettamente legali?

Meno male avevo detto niente flame bigsmile

http://kinderfresser.org/download/fun/pics/forum/flame.jpg

Prodigo pompiere con estintore a benzina :*

purpe
Spargitore di Zizzania
Grande Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
845 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Domandone: Ma per quanto riguarda gli aspetti prettamente legali?

purpe ha scritto:

Meno male avevo detto niente flame bigsmile

http://kinderfresser.org/download/fun/pics/forum/flame.jpg

EGO è sicuramente molto assertivo ma non potrei certo definire il suo intervento un Flame.

Comunque, anche se si tratta di cose già dette in precedenza, trovo sempre utile riconfrontarsi su questi temi. Sia per i nuovi utenti che per quelli vecchi che, chissà, possono semre cambiare o aggiornare le proprie idee in merito.

gpet74
Barone del Sole
ranks
useravatar
Offline
2141 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Info Forum

Statistiche Forum:
 
Totale Discussioni:
5509
Totale Sondaggi:
100
Totale Messaggi:
149634
Totale Messaggi Oggi:
1
Info Utenti:
 
Totale Utenti:
8407
Ultimo Utente Registrato:
de francesco