Home Enciclopedia Editori
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Play 2022 e Il Salone del Libro hanno avuto altissime adesioni, la stagione delle fiere sembra essere ripartita alla grande. Ritenete che il momento critico sia passato e che il trend dei librogame sarà di nuovo in forte crescita da adesso in poi?

dettaglio libro

titolo Trial of Champions
volume 21
titolo originale Trial of Champions
serie Fighting Fantasy
autore/i Ian Livingstone
illustratore/i Brian Williams
traduttore/i
paragrafi 400
genere Fantasy
protagonista/i Un giovane avventuriero catturato da una nave pirata e reso schiavo di Lord Carnuss.
trama La mente contorta del Barone Sukumvit ha completamente ridisegnato il letale Labirinto di Fang. Nuove trappole ed orrori, labirinti e mostri ti attendono ad ogni angolo. E, prima ancora che tu possa entrare nel labirinto, dovrai affrontare i giochi gladiatorii di Lord Carnuss, il crudele fratello del Barone, che ti ha reso suo schiavo. Sopravviverai alla Prova dei Campioni, liberandoti così dalla schiavitù?
note
Edizioni
Penguin Books Puffin Imprints1986
media voto
6.5
Per questo libro é presente 1 recensione (leggi recensione)

commenti
Yanez
8
2010-06-21 12:16:16
kingfede
5
2011-11-16 19:13:22
"se questo è il Deathtrap Dungeon..."
seguito non all'altezza del predecessore; true path odioso, meccanismo di gioco troppo rigido fino a scadere nel sadismo.
Yaztromo
6.5
2015-06-22 15:02:32
Non all'altezza di Deathtrap Dungeon
In realta' la parte migliore di questo librogame e' la prima, dove ci scontriamo nell'arena per vedere chi sopravvivera' e potra' combattere nel "nuovo" Deathtrap Dungeon. Purtroppo poi il "nuovo" Deathtrap Dungeon e' peggio del primo: piu' noioso e senza quei guizzi (come l'incontro-alleanza col barbaro Throm) che lo hanno reso mitico. Di per se non e' malissimo, ma il confronto col precedente lo penalizza terribilmente.
aggiungi commento