Home Forum General Librogame e dintorni I Corti di LGL 2015 I Corti 2015 - In cerca d'avventura
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Play 2022 e Il Salone del Libro hanno avuto altissime adesioni, la stagione delle fiere sembra essere ripartita alla grande. Ritenete che il momento critico sia passato e che il trend dei librogame sarà di nuovo in forte crescita da adesso in poi?

I Corti 2015 - In cerca d'avventura

Re: I Corti 2015 - In cerca d'avventura

Le mie richieste sono state soddisfatte.

Ho vinto È un gioco da ragazzi E In cerca d'avventura al primo tentativo.

Charles Petrie-Smith
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1549 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: I Corti 2015 - In cerca d'avventura

Non mi soffermo sull'elemento nebbia: in effetti ha stupito anche me il fatto che le condizioni atmosferiche qui siano poco più di un corollario, ma abbiamo tre giudici che hanno proprio il compito di discernere tra i racconti da ritenere in concorso e quelli da escludere. Se loro hanno deliberato che In Cerca di Avventura è iscrivibile ai Corti 2015 tanto basta, e non terrò conto di questa diatriba nell'esprimere il mio giudizio.

Intro: veramente troppo lento rispetto al resto del racconto. Mi ha indisposto, e già pensavo che l'opera non mi sarebbe piaciuta. Per fortuna una volta che inizia la narrazione vera e propria l'approccio  cambia radicalmente, e diventa fresco e serrato. Ancora una volta sottolineo quanto passaggi lunghi e verbosi, dai toni vagamente pomposi, mal si sposino con la filosofia dello scritto breve. Esprimersi in modo ridondante quando si parla di corti è un peccato mortale: per fortuna l'autore se ne è accorto in tempo e ha cambiato registro.
Quello che ne viene fuori è un lavoro sicuramente godibile: non ha chissà quali pretese, ma si legge tutto di un fiato, i punteggi sono calibrati (anche se tendenti al semplice) e hanno senso nell'ambito della situazione che ci troviamo ad affrontare.
Le parole chiave che possiamo guadagnare hanno sempre una loro logica e ci aiutano effettivamente a portare a termine l'avventura centrando il nostro scopo, anche se lo scrittore ha deciso, credo deliberatamente, di non essere cattivo.
Mi riferisco ai codici PALO e KINO: se li guadagno mi aspetto che mi diano un aiuto decisivo nello sconfiggere i balordi, invece scopro che posso debellarli lo stesso senza troppe difficoltà anche compiendo scelte meno opportune. Questo un po' mi è dispiaciuto, perché si è preferito mantenere aperta la risoluzione positiva senza vincolarla a troppe scelte pregresse, ma in tal modo si è sminuito eccessivamente il parametro complessità.
Il discorso del livello iniziale (Seduttore, Playboy, Casanova) garantisce una certa rigiocabilità, ma credo che qualsiasi lettore un minimo smaliziato, optando, mentre affronta lo scritto, per una difficoltà progressiva e crescente, non avrà problemi a terminarlo ogni volta al primo tentativo (considerando che le letture precedenti consentono di acquisire l'esperienza necessaria per evitare di incappare in scelte rovinose).
Le possibilità di sconfitta sono esclusivamente legate alla eventualità di stancarsi troppo, bere troppo e, più difficile che accada, sperperare monete. Non esistono istant death, quindi basta tenere ben presente la regola aurea del rimorchione: mantieni la lucidità e conserva le energie, per conquistare l'epilogo vincente senza troppi problemi.
Tutto sommato però va bene anche così: la forza di questo lavoro è nell'immediatezza, nella simpatia e nel divertimento che suscita. Tutti elementi che mal si sposano con situazioni di difficile risoluzione, passaggi oscuri, o con un'ardua parabola di apprendimento.
E in quest'ottica lo stile narrativo semplice e immediato risulta pregevole, e si passa sopra abbastanza serenamente ad alcuni refusi che un po' mentre si legge infastidiscono (ancora una volta il beta testing naufraga sul più bello, e quest'anno è successo pressoché sempre: ragazzi lo so che rileggere cento volte la propria opera è pesante e noioso, ma se partecipate a un concorso credetemi, non potete evitarlo).
Aggiungo: qualcuno ha trovato l'epilogo paradossale e slegato dal contesto, ed effettivamente lo è, così come la reazione folle di Martina. Ma personalmente credo che l'autore fosse perfettamente consapevole dell'effetto che avrebbe ottenuto inserendo un finale simile, e cercasse esattamente quel tipo di situazione per strappare una risata e per il piacere dell'eccesso che sfocia quasi nel demenziale. E lo dimostra anche una delle opzioni percorribili dopo essere stati piantati: chiamare la lussuriosa Luana e consolarsi con lei.
Non capisco perché questa licenza alla "Squilibrio" (seppur in versione edulcorata) abbia dato tanto fastidio: io la trovo simpatica.
Del resto tutta l'avventura è eccessiva: il protagonista è una sorta di dono di dio alle donne, tutte gli sbavano dietro, ogni azione azzeccata che fa ne aumenta il fascino, la sacerdotessa stravede per lui, quando lo trova nudo continua a guardargli insistentemente l'attrezzo e non riesce a nascondere gelosia e attrazione. L'approccio è questo, con i suoi pregi e i suoi limiti, ma credo che ogni passaggio sia coerente e collegabile al taglio scelto fin dal principio.
Secondo me c'è un punto nodale che entra in ballo al momento di esprimere un giudizio su In Cerca di Avventura: pretendiamo che tutti i partecipanti al concorso siano seriosi, complessi, elaborati e di un certo peso? Questo racconto non ci piacerà. Oppure le nostre priorità sono altre e nella scala dei nostri valori contano di più sensazioni, godibilità, e il divertimento che proviamo leggendo un determinato scritto?
Per quanto io non possa esimermi dal considerare importanti le prime caratteristiche, alla fine nell'idea che mi faccio di un corto pesano molto le sensazioni che mi lascia. E quelle legate a questo, pur con tutti i limiti di un'opera che credo anche nelle intenzioni dell'autore non avesse gigantesche velleità, sono positive.
Quindi per quanto mi riguarda pollice in su: non sarà un'avventura da podio, ma è certamente gradevole e spassosa.

Giocabilità: 6.5
Narrazione: 6
Divertimento: 6.5
Totale: 6.5

Prodo
Direttore
Amministratore
useravatar
Offline
10786 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: I Corti 2015 - In cerca d'avventura

Io invece l'epilogo l'ho apprezzato.

"Lo sai come dev'esse lo sguardo del carabiniere? Pronto, acuto e profondo".

Adriano
Amministratore
useravatar
Offline
5301 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: I Corti 2015 - In cerca d'avventura

Aloona ha scritto:

sono riuscita ad arrivare para para con le monete allo scopo

si pronuncia con la "o" chiusa, immagino... smile

mi trovate anche su http://temalibero.forumfree.it/
le foto dei miei doppioni su flickr

SkarnTasKai
MeGATrON
Barone del Sole
ranks
useravatar
Offline
2057 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: I Corti 2015 - In cerca d'avventura

SIIIIIIIIIII!

Finito anche questo al primo tentativo senza non dico barare, ma nemmeno sbirciare!
E senza esitare, avevo le conseguenze chiare in mente, è stata una passeggiata (difficoltà media, playboy).

Ho vinto È un gioco da ragazzi E In cerca d'avventura al primo tentativo.

Charles Petrie-Smith
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1549 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: I Corti 2015 - In cerca d'avventura

Adriano ha scritto:

Io invece l'epilogo l'ho apprezzato.

T'è piaciuta la lussuriosa Luana, eh?? PORCO!!

A head full of dreams

Aloona
1° Direttrice della Gazzetta
Moderatore
useravatar
Offline
7666 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: I Corti 2015 - In cerca d'avventura

Ciao !

Ecco i miei voti per Un gioco da ragazzi 2: il ritorno... e, di solito non mi piacciono i sequel...

Divertimento : 7
Non mi piacciono i simulatori di seduzione... nonostante ciò, questo racconto è divertente perché non si prende sul serio e si vede. Ci sono varie gag, tanta ironia e il risultato non è male. Inoltre, mi piace vedere questa squadra di "eroi" che assomiglia più all' Armata Brancaleone che alla squadra di Dragonlance (anche se incontriamo un mezzelfo...sarà Tanis?).

Giocabilità: 6.5
Bene la scelta della difficoltà, bene i codici ma il sistema per l'alcool è una pecca. Si capisce subito di non bere troppo (anche se le macchine non esistono) e così, si pensa in termini di punti da non far aumentare piuttosto che ragionare come un vero avventuriero medievale che, di solito, beve metri cubici di birra per ricompensarsi della riuscita della precedente avventura (scelta col livello di difficoltà). Avrei gradito un sistema di combattimento perché lo scontro con i mezzorchi è troppo passivo... lanciare i dadi è più adrenalinico...

Narrazione: 7
Ci sono degli sbagli, capita a tutti. Ma penso che l'autore avrebbe dovuto raccontare di più sulle origini della compagnia e sulle sue dinamiche interne. L'insieme è scritto bene ma non mi piace molto il punto di vista di Ash sulle donne: sembra un liceale immaturo che ne è ancora alle prime armi con il gentil sesso.

In conclusione: un lavoro simpatico, forse un tentativo di mettere "Un gioco da ragazzi" in concorso dopo un rifiuto. Ci sono elementi positivi benché non sia fan del genere.

VOTO FINALE 7

"We will survive, fighting for our lives, the winds of fortune always lead us on,forever free, for the world to see,the fearless masters, Masters of the sea"

Pirata delle Alpi
Erede di Misson
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1041 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: I Corti 2015 - In cerca d'avventura

Pirata delle Alpi ha scritto:

forse un tentativo di mettere "Un gioco da ragazzi" in concorso dopo un rifiuto.

Scusa, Pirata... in che senso?  hmm

A head full of dreams

Aloona
1° Direttrice della Gazzetta
Moderatore
useravatar
Offline
7666 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: I Corti 2015 - In cerca d'avventura

Parlando seriamente, l'Autore è lo stesso o non è possibile per regolamento (no, non l'ho letto per esteso, e non ho letto la lista dei partecipanti confrontandola col numero di lavori presentati)?
Perché altrimenti si sono messi d'accordo, una coincidenza in questo caso è impossibile.

Ho vinto È un gioco da ragazzi E In cerca d'avventura al primo tentativo.

Charles Petrie-Smith
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1549 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: I Corti 2015 - In cerca d'avventura

Secondo me, "In cerca d'avventura" è stato scritto dallo stesso autore di "E' un gioco da ragazzi" che era fuori concorso.

La mia teoria è la seguente: l'autore ha scritto un secondo testo che, stavolta, entrava negli standard imposti dal regolamento... quindi, è un'opera direi "rimediata" (che il suo autore non si offenda, non dico questo per offendere la sua qualità) per poter gareggiare come gli altri racconti in concorso.

"We will survive, fighting for our lives, the winds of fortune always lead us on,forever free, for the world to see,the fearless masters, Masters of the sea"

Pirata delle Alpi
Erede di Misson
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1041 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Info Forum

Statistiche Forum:
 
Totale Discussioni:
5498
Totale Sondaggi:
100
Totale Messaggi:
149567
Totale Messaggi Oggi:
2
Info Utenti:
 
Totale Utenti:
8319
Ultimo Utente Registrato:
Barz