Home Forum General Librogame e dintorni I Corti di LGL 2015 I Corti 2015 - Trappola nella nebbia
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Si avvicinano le vacanze natalizie: quale delle più amate collane classiche di librogame EL è perfetta da leggere in questo periodo dell'anno?

I Corti 2015 - Trappola nella nebbia

I Corti 2015 - Trappola nella nebbia

I Corti 2015 - Trappola nella nebbia



Siamo ormai giunti al penultimo titolo per questa edizione dei Corti, con il dodicesimo racconto-game dell'edizione 2015 de "I Corti di LGL" e il decimo in concorso.
Votazioni aperte da Lun 29 Giugno a Dom 5 Luglio.

Buon divertimento!

Calendario completo e regole del buon giurato




AGGIUNTA: L'autore ha fornito già diversi giorni orsono degli ERRATA per le regole. Per rispetto ai termini del concorso non abbiamo inserito tali errata direttamente nel testo, dato che sono giunte fuori tempo massimo.

Le poniamo però adesso:

1) LE PROVE:
Non si deve leggere "Una prova è una specie di test per verificare se il personaggio riesce a compiere un'azione precisa che non entra nelle regole di combattimento. Per riuscire una Prova, si lancia un dado e si deve ottenere un risultato inferiore o uguale al Tratto richiesto (pur sapendo che un "6" è sempre un fallimento)."

MA: "Una prova è una specie di test per verificare se il personaggio riesce a compiere un'azione precisa che non entra nelle regole di combattimento. Per riuscire in una Prova, si lancia un dado e si deve ottenere un risultato inferiore o uguale al Tratto richiesto (pur sapendo che un "1" o un "6" sono sempre dei fallimenti).

2) APPENDICE 1:
Non si deve leggere "Frusta: Se uno viene ferito a causa di una frusta, deve fare una Prova di PSY. Se è fallita, la vittima deve saltare un turno di combattimento. Quest’arma non causa danni."

MA: "Frusta: Se uno viene ferito a causa di una frusta, deve fare una Prova di PSY. Se è fallita, la vittima deve saltare un turno di combattimento. I danni causati sono: 1 dado/2 (arrotondare all'unità inferiore)"

Ultima modifica di: Mornon
Giu-29-15 12:08:12

"Un velo nero ti impedisce di vedere altro. La tua vita termina qui: nel campo di battaglia, con la mitica Blood Sword tra le mani, felice per la sconfitta dei Veri Maghi." Adriano, Blood Sword PBM
http://www.caponatameccanica.com

Mornon
Saccente Supremo
Amministratore
useravatar
Offline
5418 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: I Corti 2015 - Trappola nella nebbia

Via via che avanziamo i votanti diminuiscono. È un peccato, quindi proverò a scrivere un commento più articolato del solito.

I problemi di questo corto, mi duole dirlo, iniziano subito con il regolamento. Dopo un'introduzione tutto sommato simpatica, il giocatore viene messo subito davanti al Concetto di Prova, la cui riuscita è in funzione di un determinato Tratto (lanciando 1d6 si deve ottenere un risultato uguale o inferiore al punteggio del Tratto). Tralasciando l'orrore di questo nome (sarebbe bastato usare lo scontatissimo "Caratteristica"), il problema è che il lettore ancora non ha ancora idea di cosa siano i Tratti e si trova un filo confuso; la confusione aumenta quando, poche righe dopo, viene spiegato il Combattimento, sempre basato sui Tratti. La cosa di per sé non sarebbe grave, ma è indice di una certa confusione nell'autore nell'esporre i concetti. Tra l'altro, anche se non è importantissimo, c'è un errore persino nell'esempio di combattimento: se l'ascia aumenta i danni di un terzo, arrotondando per difetto, da 4 si passa a 5 e non a 6 (4+4/3=5,3).
La faccenda si fa però molto più seria quando si spiega finalmente il funzionamento dei Tratti: hanno un valore che va da 1 a 6 e, per ogni punteggio, è previsto un bonus/malus da sottrarre/aggiungere alle Prove sul Tratto stesso. Bene, una rapida occhiata alla tabella di pagina 3 dimostra che non c'è nessuna differenza tra avere un valore di 4, 5 o 6: il bonus è tale che, in ciascuno dei tre casi, la Prova fallisce solo con un "6" sul tiro di dado. Inoltre, forse ancora più grave, avere un punteggio di 1 significa fallimento certo, perché è impossibile ottenere 1 (o meno) con 1d6+2. Questa meccanica malfunzionante si ritrova anche nei combattimenti, nei quali un vantaggio di due punti sull'Agilità significa che colpiremo il nemico (anche qui "belligerante" è un termine orrido) nel 97,3% dei casi e lui ci colpirà nel 2,7%; se poi il vantaggio fosse di tre punti, la vittoria sarebbe automaticamente nostra.
A questo punto, pur non avendo la certezza, posso ipotizzare che il racconto non sia mai stato sottoposto a una prova di gioco da parte dell'autore. Questo è un male.
Poi c'è il dettaglio curioso di un'Appendice con le regole per le armi. Ma non si tratta di cose facoltative! Perché sono finite in fondo al testo?
Infine, quello che viene pomposamente definito "Vocabolario" si riduce a ben due (2!) lemmi, il cui significato è tra l'altro perfettamente deducibile dal contesto in cui sono usati durante la narrazione.

Quando si comincia a giocare la situazione non migliore e già il Prologo è scritto in maniera approssimativa e salta dal passato prossimo ("è nato") a quello remoto ("si arruolò"), come se l'autore non fosse sicuro di quale tempo utilizzare. Poco dopo viene detto che Khazull andò alla "fortezza difesa da Happo Khalix", quindi si intende che costui sia ancora vivo; poi però scopriamo che è morto, allora sarebbe stato meglio dire "fortezza che era stata difesa/presidiata da Happo Khalix". Al paragrafo 1 si parla di "una ventina di case", eppure il porto è a un chilometro di distanza e la locanda contiene ben quaranta persone: ma che paese è? E come fa il nostro eroe a vedere il porto di sera e con la nebbia, a tale distanza? Il testo dice che i nani ci vedono al buio, va bene, ma non viene fatto riferimento a una particolare acutezza visiva. E pensare che l'incipit dovrebbe essere la parte più curata!
C'è poi un problema di forma, che affligge un po' tutto il testo, dovuto forse a una ricercatezza stilistica che non è nelle corde dello scrittore. Gli esempi sono numerosi e indicano una scarsa conoscenza della lingua, unita a un tentativo di esprimersi in maniera forbita, tentativo che fallisce miseramente. Al 24 il locandiere "si confonde in scuse", quando probabilmente volenda profondersi (mi sa che era davvero confuso); nel Vocabolario si nomina un  "apparecchio riproduttivo", quando è ovvio che si tratta di "apparato" (mi sarebbe andata bene anche una "attrezzatura" di fantozziana memoria); all'8 ci viene detto "stenti a muoverti", quando dovremmo essere morti stecchiti con una lama del cuore; al 17 lo sceriffo "da (sic!) la carica" invece di "caricare" e non si capisce se si tratti di un orco o di un cucù.
Questi sono solo alcuni dei tanti esempi che potrei fare, ma credo di avere reso l'idea.
Caro autore, te lo dico senza polemica, adotta uno stile meno pomposo e ci risparmieremo certe uscite da matita blu; non c'è nulla di male a essere semplici, se quello che vogliamo è raccontare una storia, perché nessuno qui è Baricco.
Ci sono poi alcuni passaggi che, sia pure formalmente corretti, fanno storcere il naso. Il troll del 29 cade "come un lottatore di sumo", ma non so se questo sport esista nel mondo di Khazull; il passepartout del taverniere al 24 ci può anche stare (dopotutto la locanda è la sua), ma quello in vendita al 21 e quello del ladro al 39 (quando mi aspetterei dei grimaldelli) sono fuori luogo. Non mi soffermo poi sui "sembra" e "una specie di", che obbligano il lettore a farsi un'idea di qualcosa che lo scrittore nemmeno ha fatto lo sforzo di descrivere.
Ma quello che più stona nella scrittura è l'oscillare tra un registro "serio" da Heroic Fantasy e uno prettamente goliardico con riferimenti che sfondano la quarta parete. Si passa da gesta degne di Conan il Barbaro a battutine autoreferenziali, parlate in vernacolo e altro ancora.
A livello ludico le scelte sono abbastanza ben pensate, con il corpo principale dell'avventura che segue ben tre direttrici diverse e quindi garantisce una discreta rigiocabilità, però anche qui il lavoro di revisione (se c'è stato) lascia molto a desiderare. Tanto per cominciare, c'è un loop inguardabile che dal 44 rimanda al 23 (basta guardare il grafo per accorgersene). Poi c'è un rimando dal 10 al 25, nel quale ci si trova derubati senza capire cosa sia successo. Infine al 27 ci viene detto il nome dello sceriffo, senza che lo abbiamo necessariamente incontrato.
La trama è un altro punto debole e, dopo un paio di letture, ancora non ho capito tante cose.

 Spoiler Show Spoiler Hide Spoiler
 Il Loto Blu ci ha attirati a Valenfosc con l'inganno per vendicarsi di noi e anche perché saremmo l'unica persona in grado di comandare gli eserciti del Granducato e respingere l'invasione. No, qualcosa non mi torna.
Per quanto riguarda il tema del concorso, questo è forse uno dei racconti che ci si avvicina di meno, tra quelli in gara. Anzi, togliamo pure il "forse". Non solo la nebbia viene a malapena accennata all'1 (con una fugace e timida ripresa in due o tre paragrafi successivi), ma nemmeno influisce sulle azioni del protagonista; persino la locanda ha un ruolo affatto marginale nello svolgimento delle vicende (che infatti portano a visitare tutt'altri luoghi). Dico sul serio: se qualcuno leggesse questo racconto, non potrebbe mai immaginare che è stato scritto per un concorso con tema "una locanda nella nebbia".
In conclusione le idee ci sono e c'è anche una trama interessante, ma l'esecuzione lascia molto, troppo, a desiderare. Con tutta la buona volontà, non posso assegnare una sufficienza, cosa che sarebbe stta possibile semplicemente se fossero stati corretti alcuni errori macroscopici. Non lo rileggo ancora, altrimenti mi sale il nervoso e il voto si abbassa ancora di più.

EDIT:
A seguito dell'intervento di Mornon, vedo che l'autore ha cercato di aggiustare il regolamento, rendendolo però ancora meno funzionale. A seguito di questo passo falso, mi trovo costretto a ritoccare il voto verso il basso.

Voto: 4,5

Giocabilità: 4
Divertimento: 6
Narrazione: 5

"Se non volete sentir ragioni, sentirete il filo delle nostre spade!"

Rygar
Tetro Lettore / Grim Reader
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1989 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: I Corti 2015 - Trappola nella nebbia

Questa notte ho letto solo il regolamento, e su quello ho avuto le stesse perplessità di Rygar, anche se non mi sono messo a fare i calcoli.

Ho vinto È un gioco da ragazzi E In cerca d'avventura al primo tentativo.

Charles Petrie-Smith
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1549 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: I Corti 2015 - Trappola nella nebbia

Rygar ha scritto:

Via via che avanziamo i votanti diminuiscono. È un peccato, quindi proverò a scrivere un commento più articolato del solito.

Finora ho sempre votato, ma è anche vero che queste votazioni durano quasi tre mesi, secondo me è davvero tanto (troppo?) e ben capisco chi non riesce a votare tutti i racconti.

phantomfh
Grande Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
822 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: I Corti 2015 - Trappola nella nebbia

c'è un loop inguardabile che dal 44 rimanda al 23 (basta guardare il grafo per accorgersene)

Tsz,tsz... deciditi: o e' inguardabile o lo si puo' guardare...  smile

Seven_Legion
100% SIMPY CERTIFIED
Moderatore
useravatar
Offline
4178 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: I Corti 2015 - Trappola nella nebbia

Ehi, piano con le critiche! Con tutto quello che ha speso l'autore per acquistare da Mornon la possibilità di inserire la parola "Trappola" ™ © nel titolo! lol

Heimdall di Bifrost
Langravio di Analand
Moderatore
useravatar
Offline
755 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: I Corti 2015 - Trappola nella nebbia

Rygar ha scritto:

nessuno qui è Baricco.

Infatti ci sono parecchi Autori di corti che scrivono meglio di lui, per fortuna...

Ho vinto È un gioco da ragazzi E In cerca d'avventura al primo tentativo.

Charles Petrie-Smith
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1549 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: I Corti 2015 - Trappola nella nebbia

Ci sono altre incongruenze nella continuità: nel percorso che sto facendo io è a un certo punto è comparso nei discorsi il personaggio di Loto Blu senza che venisse in alcun modo introdotto, sebbene il nostro nano sembri sapere di chi si tratta.

Ho vinto È un gioco da ragazzi E In cerca d'avventura al primo tentativo.

Charles Petrie-Smith
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1549 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: I Corti 2015 - Trappola nella nebbia

phantomfh ha scritto:

Rygar ha scritto:

Via via che avanziamo i votanti diminuiscono. È un peccato, quindi proverò a scrivere un commento più articolato del solito.

Finora ho sempre votato, ma è anche vero che queste votazioni durano quasi tre mesi, secondo me è davvero tanto (troppo?) e ben capisco chi non riesce a votare tutti i racconti.

Scusa, ma mica è una scelta di qualcuno. Come fai a dire che durano "troppo"? Bisogna dare a ciascun autore una settimana di tempo.
E poi leggere i racconti dovrebbe essere un piacere, non un fastidio.

Seven_Legion ha scritto:

c'è un loop inguardabile che dal 44 rimanda al 23 (basta guardare il grafo per accorgersene)

Tsz,tsz... deciditi: o e' inguardabile o lo si puo' guardare...  smile

Allora diciamo che il grafo basta studiarlo.

"Se non volete sentir ragioni, sentirete il filo delle nostre spade!"

Rygar
Tetro Lettore / Grim Reader
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1989 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: I Corti 2015 - Trappola nella nebbia

Rygar ha scritto:

Scusa, ma mica è una scelta di qualcuno. Come fai a dire che durano "troppo"? Bisogna dare a ciascun autore una settimana di tempo.
E poi leggere i racconti dovrebbe essere un piacere, non un fastidio.

E' una mia opinione, oltretutto col punto di domanda dubitativo, potrò avere delle opinioni personali...
Poi che sia un fastidio leggere i corti non so dove l'hai letto, boh.
Io personalmente sto facendo fatica a trovare il tempo per leggerli, se mi desse fastidio leggerli nemmeno starei a seguire queste discussioni...

phantomfh
Grande Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
822 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Info Forum

Statistiche Forum:
 
Totale Discussioni:
5538
Totale Sondaggi:
100
Totale Messaggi:
149905
Totale Messaggi Oggi:
1
Info Utenti:
 
Totale Utenti:
8617
Ultimo Utente Registrato:
Morozzi