Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Play 2022 e Il Salone del Libro hanno avuto altissime adesioni, la stagione delle fiere sembra essere ripartita alla grande. Ritenete che il momento critico sia passato e che il trend dei librogame sarà di nuovo in forte crescita da adesso in poi?

Assolutamente si, i numeri lo dimostrano, i librogame hanno ripreso in pieno l'ascesa - 17.5%
Ci sarà ancora qualche strascico legato al costo dei materiali, ma il trend è comunque positivo - 19.7%
L'emergenza pandemica è finita, ma la situazione internazionale è complessa e il futuro sarà condizionato da continui alti e bassi - 15.3%
La pandemia tornerà in autunno e con la guerra in Ucraina il settore è destinato a un nuovo stop da cui ripartiranno solo in pochi, i meglio organizzati - 16.1%
È solo un fuoco di paglia. I problemi sono troppi, il settore è destinato a implodere e tornare aglli anni pre-Rinascimento - 15.3%
Ci sono eccessive variabili per lanciarsi in previsioni di qualsiasi tipo - 16.1%

Voti totali: 137

Corto 13 - Goblin

Re: Corto 13 - Goblin

Risposta dell'autore:

L'autore misterioso ha scritto:


Non c'è nessun errore: volevo lasciare una possibilità di accedere al finale facilmente con la reddizione del protagonista.
Le picche sono importanti solo nel paragrafo dopo, quando devi verificare il loro numero e applicare il bonus del tuo alleato.

FinalFabbiX
Signore del Totoautori 2016
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1379 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Corto 13 - Goblin

Simpatica l’idea, apprezzabile l’umorismo (il Cristinadavenagate mi ha fatto sinceramente ridere), però lo svolgimento è un po’ povero. Il Corto è molto lineare e le soluzioni a disposizione sono veramente poche. Buono, a livello di gioco, l’uso dei codici: non certo roba da spremersi le meningi, ma richiede un pizzico di attenzione. Gli enigmi sono abbordabili da chiunque; si potrebbe obiettare che un Signore del Web come Aranzucca dovrebbe trovarsi davanti, e saper craccare, codici decisamente più tosti, ma forse sarebbe stato sciocco rendere difficile questo elemento in un racconto che si esaurisce tanto in fretta.
Un po’ deludente lo scontro finale: la possibilità di evitare senza problemi il “danno” più ingente della partita, e la risoluzione pressoché automatica, vanificano tutta la preparazione.

EGO
Barone del Sole
ranks
useravatar
Offline
2114 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Corto 13 - Goblin

Voti dei Giudici:


Adriano:

Credo che questo sia il corto che più mi ha stupito rispetto alle impressioni iniziali, nel senso che mi aspettavo davvero tutt’altro!!
REGOLAMENTO: l’intro ha un tono spensierato, fresco. Per chi conosce il personaggio e ha letto almeno una delle sue guide, questa prima sezione mette subito in chiaro che il tono generale del corto non sarà eccessivamente serioso, ma avrà sempre grande ironia.
Un piccolo appunto sull’intro che non è stata impostata come “giustificata”: non un errore che determina l’abbassamento del voto in modo irrimediabile, però bisogna ammettere che visivamente non è il massimo...
Dal punto di vista tecnico, il regolamento è semplice ma adeguato: una piccola struttura a tempo e dei codici da segnare e tradurre in numeri.
TRAMA: il Goblin alla fine è un virus, e il nostro obiettivo è neutralizzarlo.
STRUTTURA: Niente di particolare da dire sulla struttura, lo sviluppo del corto è lineare.
PARTE LUDICA:  Gli enigmi sono gradevoli, ma mi sono sembrati un po’ troppo semplici (tra l’altro, risolvendo il primo si ha anche il bonus di picche che non ti farà mai sforare i 10 simboli). Praticamente, letto una volta, il corto non incita e rileggerlo più e più volte, ed è un peccato. Questo ovviamente non significa che il corto non si possa rigiocare, ma personalmente in tutte le partite successive mi sono trovato costretto a saltare gli enigmi, perché già risolti, e questo mi ha dato un senso di fondo simile allo skip delle canzoni meno belle all’interno di un album musicale. È un peccato, perché il corto è fresco e vale davvero la pena sviscerarlo bene fino all’ultimo paragrafo per godersi tutti i bivi proposti dall’autore, ma l’effetto ho avuto rileggendo quei paragrafi è stato questo.
Enigmi più complessi avrebbero aiutato? Secondo me si, ma anche la presenza di un paragrafo di uscita non legato alla soluzione dell’enigma di turno sarebbe bastato. Così chi doveva risolvere l’enigma poteva farlo, chi l’aveva già risolto poteva uscire da un altro paragrafo e chi non riusciva a risolverlo non rimaneva comunque bloccato...
NARRAZIONE: la narrazione è adeguata al tono umoristico di fondo, il problema è che questa impostazione rende la vicenda poco seria: in alcuni frangenti, nonostante l’apparente pericolo, non ho provato alcun senso di tensione, i paragrafi si leggevano tutti con la consapevolezza che tanto ne saremmo usciti, in qualche modo…

Sebbene l’opera sia frasca e, tutto sommato, divertente, il modo in cui è stata scritta non incentiva le riletture e il gioco si esaurisce rapidamente. È un po’ un peccato, perché avrei voluto assegnare un voto sicuramente più dignitoso a questo bel corto!

Aloona:

La premessa sarebbe anche di mio gusto, cioè il cyberspazio e la parodia (non penso ci sia bisogno di spiegare chi si nasconda dietro il protagonista, altrimenti: vergogna, rimediate subito!), purtroppo tutto il resto mi lascia tiepida, se non contrariata. A partire dagli enigmi: semplificare la vita al lettore va bene, ma quando a livelli così elementari e praticamente spiegati dal libro, che li metti a fare? Soprattutto in un corto che tratta di un’indagine nella parte oscura della rete, avrebbero dovuto pesare parecchio; mi meraviglia, poi, che il più “stupido” sia proprio quello dell’accesso più importante. Avrei potuto accettarlo in cambio di un umorismo così brillante da far apparire tutto ciò una sorta di motteggio dei film e libri di genere, ma, mi dispiace dirlo, non lo vedo. Le battute, per i miei gusti, ai livelli di quei meme che fanno tanto ridere l’utente medio di facebook, ma non me. Il sistema di scorrimento del tempo è invece una buona idea; inizialmente, mi sfuggiva il senso del simbolo “picche” collegato al computer, ma ho intuito che potesse essere un mio limite e mi sono messa a googlare, scoprendo in un forum come qualche povero utente affetto da virus avesse visualizzato a schermo strani simboli, tra cui (appunto) le picche. Resta da chiarire se sia voluto, sia solo una miracolosa coincidenza o se l’autore sia anche il creatore del virus in questione. Alcuni refusi bruttini, ma diciamo che in questo caso ci passerò sopra.

FinalFabbiX:

“Goblin” mi suscita sentimenti contrastanti: l’introduzione riesce nella difficile impresa di farmi ridere di gusto con poche righe (anche se ammetto di avere un debole per questo tipo di umorismo), ma poi il corto prosegue in forte calando.

La storia rallenta immediatamente per includere una scena nel mondo reale, in modo da rispettare il tema dei due mondo. Non è una forzatura così evidente, ma si percepisce che, al contrario della quasi totalità dei corti 2021, qui la trama sarebbe potuta essere sviluppata meglio se l’autore non avesse pensato all’attinenza.
Finale al limite dell’incomprensibile, sia per via degli eventi narrati che per una scrittura poco chiara, eccessivamente colloquiale e non rifinita.
Titolo del corto anonimo, dimenticabile e difficilmente associabile con gli argomenti trattati.

Gli enigmi, per me, riescono a battere [Dedalo Re:loaded] e raggiungono il nuovo record di facilità di tutto il concorso. Questo in sé non è un male, ma è un aggravante considerando che il corto presenta numerosi errori:
- come già fatto notare da altri utenti, la notazione usata per i codici è ambigua. C’è inoltre un errore nei rimandi che è stato corretto dall’autore in corsa. Non ho apprezzato neppure che, in alcuni percorsi che portano al finale “intermedio”, le picche non vengano in alcun modo controllate: come chiarito dall’autore, non è un errore ma una scelta; devo tener conto, però, che alla prima lettura, non trovare alcun check sull’elemento principale del regolamento, mi ha un po’ confuso.
- l’enigma al paragrafo 14 ha il risultato corretto (il cuore vale sicuramente 3), ma non c’è nessun motivo per cui nota e smiley dovrebbero avere valori fissi come riportato nelle soluzioni, infatti potremmo tranquillamente porre nota=2 e smiley=1 o una qualsiasi altra combinazione.
- l’enigma al paragrafo 11, invece, è proprio sbagliato. Mi dilungo un po’ di più su questo perché ho visto che nessun altro ha approfondito.
Premessa: gli enigmi di questo genere non sono mai matematicamente precisi, perché richiedono di trovare una relazione fra numeri (che uno spazio infinito) a partire da un numero finito di esempi. Per risolverli, quindi, si ricorre al rasoio di Occam, cioè si fa in modo che, confrontando i vari esempi, il lettore riesca a individuare una soluzione che, a occhio, è “molto più semplice” delle altre.
Qui di esempi l’autore ce ne fornisce solo uno: in base a cosa dovrei capire che la relazione cercata è moltiplicare per 2? Potrebbe essere qualsiasi altra cosa. Ad esempio, una soluzione molto più ovvia è sommare +3, quindi il risultato dovrebbe essere 12. Fra l’altro siccome anche la somma gode di proprietà simili a quelle della moltiplicazione, anche qui si poteva arrivare al 12 in due modi: facendo 3 +3 -> 6 e 9 + 3 -> 12 oppure considerando 3 -> 6 e aggiungendo 6 a entrambi: 3 + 6 = 9 -> 6 +6 = 12

Come già fatto notare da altri, l’impressione che si ha è di aver letto un corto in divenire piuttosto che un’opera finita. Un vero peccato: se l’autore avesse sviluppato il tutto con più tempo e mantenendo il coraggioso stile dell’introduzione, ne sarebbe uscito un corto spettacolare. Invece, purtroppo, il risultato attuale è per molti aspetti insufficiente anche se, a fatica, lo si può promuovere per l’idea di fondo.

"Lo sai come dev'esse lo sguardo del carabiniere? Pronto, acuto e profondo".

Adriano
Amministratore
useravatar
Offline
5301 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Corto 13 - Goblin

Due (mondi di) parole sul corto: Questo corto mi ha divertito e intrattenuto. Nonostante sono riuscito a vincere alla terza run, ho fatto volentieri una quarta partita per leggere i paragrafi mancati. La storia è simpatica e lo stile di scrittura pulito e ironico me l'ha fatta apprezzare ancor di più.

La prima cosa bella: Ho adorato come l’autore ha “nascosto” i codici nei nomi dei seguaci! Ottima trovata per mascherare una parola chiave e rendere più coinvolto il lettore!

Un pelo nell'uovo: Il paragrafo 24 ha il calcolo sbagliato! Questo impedisce addirittura di trovare il finale migliore!

Ricorderò questo corto per… Aranzucca, Cristinadavenagate, Orietta Berti… Devo andare avanti?

Periodonikes
Illuminato
ranks
useravatar
Offline
251 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Corto 13 - Goblin

Ciao a tutti!

Ecco, vi svelerò tutti i dettagli sul mio corto di quest'anno: "Goblin".

L'idea

In un primo tempo, pensavo ad un corto cyberpunk molto serio e cupo nel quale una app di una versione potenziata d Internet era infetta da un virus che trasformava gli utenti in serial-killer. La app era un MMOPRG chiamato "Goblin" e il Protagonista (un agente segreto o una cosa del genere) doveva fermare il virus recandosi nel mondo virtuale. Ma era troppo per sole 10 pagine, quindi ho abbandonato questo progetto. Qualche giorno dopo, mi sono detto "Che cosa potrebbe succedere se un malware potentissimo minacciasse il nostro mondo? Per contrastarlo, ci vorrebbe un team di eserti di cybersecurity oppure un supereroe della Rete!" Poi ho avuto l'illuminazione: chi meglio di Salvatore A. Per fermare una minaccia informatica? L'idea mi è piaciuta, ma doveva essere un corto umoristico (perché il concetto di base era assurdo).

Vado spesso sul sito del vero Salvatore e  mi ricordo di un'evento da lui organizzato qualche anno fa: l'Aranzulla-Day, una conferenza nella quale ha spiegato come avere successo in Rete. Questo nome mi ha fatto ridere e ho deciso di inventarmi un Aranzucca che ha un sacco di cose che portano il suo cognome: l'Aranzu-1, l'Aranzulaser, l'Aranzuportal, gli Aranzubots e i suoi discepoli, gli Aranzuboys. Ho sfruttato il concetto del multiverse (vi siete scampati l'Aranzuverse) per immaginare i Salvatore A. Dei mondi paralleli (sì, anche quello dei pony...)

Poi, volevo sottolineare le assurdità che vediamo in rete, con personaggi famosi che fanno di tutto per rimanere sulla cresta dell'onda diventando influencer, nonostante la lro decennale carriera musicale.

Quindi, il corto è nato così.

Aspetto ludico

Questa cosa di sole 2 pagine di regole è una spina nel fianco, ma capisco le esigenze di un corto. Ho voluto fare la cosa più semplice che sia con i codici e gli assi di picche. Molti di voi hanno detto che gli enigmi erano un po' troppo semplici: non avevo molta ispirazione per enigmi complicati e sono una frana in matematica. Quindi, ho fatto le cose semplicemente con dei calcoli un po' stupidi. L'enigma del paragrafo 5 ha messo un po' di gente, ma non voi di LGL!

Gli assi di picche sono qui per simboleggiare il tempo che passa: se perdete tempo ad esplorare l'ambientazione, è chiaro che vi beccherete qualche asso. Gli alleati 4llM1ght e J0k3R permettono di ridurre il numero di assi di picche che trovate e scongiurare la terribile minaccia nucleare lussemburghese. La possibilità di arrendersi (e quindi annullare ogni calcolo di assi di picche) è stata criticata: vi capisco, volevo permettere al lettore di finire il gioco facilmente. Ho notato che, nei LG o GDR, spesso si preferisce fuggire invece di combattere il mostro (atteggiamento che non ho mai capito: io combatto fino all'ultimo sangue, lanciando i dadi e ascoltando "Kill with power" di Manowar) e ho voluto dare questa possibilità.

"Goblin" è a cento miglia di essere perfetto e le vostre accurate letture hanno permesso di individuare degli errori di struttura che mi sono totalmente sfuggiti.

Lo stile narrativo

Stranamente, sono riuscito a passare più tempo a lavorare su "Goblin" che sui miei altri corti, sempre scritti in fretta a causa di un'antica maledizione di Naar. Però, il risultato non è all'altezza del lavoro svolto. Scuserete l'imperfetta sintassi (il mio editor è colpito dalla stessa maledizione) e la confusione con le sottrazioni alla fine.
Lo stile è stato giudicato "troppo colloquiale" da parte di alcuni autori: è un racconto umoristico con tante parodie e strizzatine d'occhio, quindi è normale che non abbia il carico eroico di un Lupo Solitario. Non capisco perché questi commenti sono stati scritti mentre altri corti umoristici non hanno avuto le stesse osservazioni (quelli di Hieronymus o alcuni di GGigassi), oppure mi ricordo male.
Questo Corto è troppo "corto" e non ha sfruttato al massimo le possibilità della sua ambientazione? Vero. Ma ricordo che il Cyberspace di questo racconto-game è un luogo virtuale con un'infinità di possibilità, visto che è costituito da tutti i dati dei miliardi di siti in rete! Sfruttare tutto sarebbe come scrivere un "Fabled Lands" con miliardi di paesi da esplorare (di cui il 60% è dedicato al porno), quindi una serie infinita alla faccia di quelli che dicono che Lupo Solitario è troppo lungo!
No, sul serio, "Goblin" potrebbe diventare un LG spesso con tante cosa da fare e da dire, ma un tale libro non esisterà mai: un Corto rimane un Corto, almeno per me.

Conclusione

"Goblin" è nato da un'idea buffa e assurda: il mio intento era di mettermi alla prova con il difficile tema dei "Due mondi". Non pensavo di farcela con così poco spazio e non credevo che alcuni di voi avrebbero apprezzato questa boutade interattiva. Come stiamo vivendo tutti un periodo difficile a  causa della pandemia, volevo scrivere qualcosa che possa  farvi (sor)ridere.
Ringrazio gli Organizzatori, tutti quelli che hanno letto, recensito e dato un voto a "Goblin": scriverò un PM ad ogni recensore.

Bonus: tutte le strizzatine d'occhio



Aranzuboys: La canzone "Wild Boys" dei Duran Duran

Aranzu-1: La macchina dei Ghostbusters, Ecto-1

J0k3R: Non è veramente un riferimento al nemico di Batman, ma ad un malware che infetta spesso Google Play. La parola "joker" è anche un riferimento alla figura mitologica del "Trickster", di cui Loki è un perfetto esempio. Quindi, per chi non l'ha capito, il nuovo re "Loki I" non è altro che la spia "J0k3R" che ha fatto cadere la monarchia, non brittanica, ma scandinava.

Salvatore Aranzucca: Il famoso Salvatore Aranzulla, il vero Lupo Solitario di Internet.

TechTotal: TotalTech, il vecchio nome del blog del buon Salvo.

Topo bianco: J0keR/Loki ha installato Goblin2 nel corpo della povera bestia e adesso, il roditore vuole conquistare il mondo. Il riferimento è ovviamente Prof, degli Animaniacs.

Web's Wild Wolves: Non sono basati su niente in particolare, tranne sui gruppi di hacker-giustizieri di qualche opera cyberpunk. L'intento era di avere un gruppo con la sigla “WWW”.
XYZ: il codice per affidare un lavoro a Ryo Saeba (City Hunter)

4llM1ght: Hehehe… come fare la differenza tra una “l” e un “1”? La cifra non ha crenatura! Questo nome è ispirato a uno dei personaggi principali del manga e del anime “My hero academia”. Il suo abbigliamento rammenta quello di All Might nel primo volume del manga, ma mentre scrivevo, avevo in mente il bruto biondo in “City Hunter: Guerra al Bay city hotel”, che si fa sconfiggere da Omibozu dopo una lotta molto virile!

Il Cristinadavenagate: Sono contento che questo vi abbia fatto ridere! Sembra che Cristina d'Avena voglia cambiare la sua immagine: qualche anno fa, era la guest di un evento per la San Silvestro, ma non era da sola… c'era anche un tale Rocco e non era Papaleo. Poi, qualche mese fa, la famosa cantante ha fatto il buzz con qualche scatto da far arrossire il Grande Puffo. Mi sono immaginato Cristina d'Avena in uno scandalo che ha travolto il governo di un paese limitrofo dell'Italia (quello che volete, c'è la scelta… indizio: non è conosciuta in Francia.) e i WWW hanno aperto il vaso di Pandora. Che paese era? Che cos'è successo? Non si sa, ma potete immaginare quello che volete.

"We will survive, fighting for our lives, the winds of fortune always lead us on,forever free, for the world to see,the fearless masters, Masters of the sea"

Pirata delle Alpi
Erede di Misson
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1044 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Corto 13 - Goblin

Pirata delle Alpi ha scritto:

scriverò un PM ad ogni recensore.

Oddio... devo iniziare a telefonare al mio avvocato? O__o;

Pirata delle Alpi ha scritto:

Il Cristinadavenagate: Sono contento che questo vi abbia fatto ridere! Sembra che Cristina d'Avena voglia cambiare la sua immagine: qualche anno fa, era la guest di un evento per la San Silvestro, ma non era da sola… c'era anche un tale Rocco e non era Papaleo. Poi, qualche mese fa, la famosa cantante ha fatto il buzz con qualche scatto da far arrossire il Grande Puffo. Mi sono immaginato Cristina d'Avena in uno scandalo che ha travolto il governo di un paese limitrofo dell'Italia (quello che volete, c'è la scelta… indizio: non è conosciuta in Francia.) e i WWW hanno aperto il vaso di Pandora. Che paese era? Che cos'è successo? Non si sa, ma potete immaginare quello che volete.

Ho visto anch'io quella copertina. Devi capire che a una certa età gli ormoni delle donne iniziano a fare le bizze e ti fanno venire in testa strane idee. E credimi, lo so bene. Poi arriva una cosa che si chiama "menopausa" e, per quel che ne so, porta quelle che si chiamano "vampate". Cioè, capita che all'improvviso ti senti tutta un bollore. Poi è normale che ti viene la voglia di metterti in bikini e trovi più interessante Rocco Siffredi di Grande Puffo.
Che cosa ci vuoi far?

A head full of dreams

Aloona
1° Direttrice della Gazzetta
Moderatore
useravatar
Offline
7666 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Corto 13 - Goblin

Aloona ha scritto:

Oddio... devo iniziare a telefonare al mio avvocato? O__o;

Tranquilla, non sei sul mio Death Note!

Aloona ha scritto:

Devi capire che a una certa età gli ormoni delle donne iniziano a fare le bizze e ti fanno venire in testa strane idee. E credimi, lo so bene. Poi arriva una cosa che si chiama "menopausa" e, per quel che ne so, porta quelle che si chiamano "vampate". Cioè, capita che all'improvviso ti senti tutta un bollore. Poi è normale che ti viene la voglia di metterti in bikini e trovi più interessante Rocco Siffredi di Grande Puffo.
Che cosa ci vuoi far?

Hehehe! lo so bene che l'età fa' qualche scherzo (anche i maschi si ribambiscono e voglio comprare delle supermacchine e credono di essere superfichi, nonostante la battaglia persa contro la calvizia e il peso...) Per quanto riguarda la D'Avena, lo trovo ridicolo e triste...

"We will survive, fighting for our lives, the winds of fortune always lead us on,forever free, for the world to see,the fearless masters, Masters of the sea"

Pirata delle Alpi
Erede di Misson
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1044 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Info Forum

Statistiche Forum:
 
Totale Discussioni:
5511
Totale Sondaggi:
100
Totale Messaggi:
149640
Totale Messaggi Oggi:
2
Info Utenti:
 
Totale Utenti:
8418
Ultimo Utente Registrato:
nunzio82