Home Forum General Librogame e dintorni I Corti di LGL 2022 Considerazioni sul concorso dei Corti 2022
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Play 2022 e Il Salone del Libro hanno avuto altissime adesioni, la stagione delle fiere sembra essere ripartita alla grande. Ritenete che il momento critico sia passato e che il trend dei librogame sarà di nuovo in forte crescita da adesso in poi?

Assolutamente si, i numeri lo dimostrano, i librogame hanno ripreso in pieno l'ascesa - 17.5%
Ci sarà ancora qualche strascico legato al costo dei materiali, ma il trend è comunque positivo - 19.7%
L'emergenza pandemica è finita, ma la situazione internazionale è complessa e il futuro sarà condizionato da continui alti e bassi - 15.3%
La pandemia tornerà in autunno e con la guerra in Ucraina il settore è destinato a un nuovo stop da cui ripartiranno solo in pochi, i meglio organizzati - 16.1%
È solo un fuoco di paglia. I problemi sono troppi, il settore è destinato a implodere e tornare aglli anni pre-Rinascimento - 15.3%
Ci sono eccessive variabili per lanciarsi in previsioni di qualsiasi tipo - 16.1%

Voti totali: 137

Considerazioni sul concorso dei Corti 2022

Considerazioni sul concorso dei Corti 2022

Non sono ancora stati proclamati i vincitori ma ormai i giochi sono fatti. Credo quindi che non sia un problema se espongo le mie consuete impressioni sul concorso dei Corti prima della fine ufficiale.

Questo concorso dei Corti per me è stato un po’ tormentato, ma anche se ci si sono messi degli elementi contingenti la causa principale è stata un bando poco soddisfacente. Quando è uscito mi sono ritrovato con un discreto carico di lavoro che mi ha impedito di dedicarmici subito e con la giusta concentrazione. Il mio progetto originario era un fumetto-game ambientato nel corso delle guerre franco-indiane, per cui avevo cominciato a documentarmi un po’ e ad abbozzare qualche storyboard. Ma l’impegno si è rivelato troppo gravoso, pur se avevo già messo in conto di inventarmi certi particolari e di riciclare molte vignette.
Una volta chiaro che non ci sarei mai riuscito ho ripiegato sulla cagatina che avete letto, e che molti di voi hanno individuato, realizzata più che altro per poter sputtanare il bando con la coscienza pulita, cioè dall’interno.
Eccoci, quindi:

LA SINTESI DEL BANDO: in teoria una buona cosa, ma gli organizzatori si sono spinti un po’ troppo in là. Solo 2 pagine di bando più una terza di FAQ! A me va benissimo snellire il concorso e togliergli il “burocratese” ma l’assenza di indicazioni su come votare fino all’ultimo giorno è stata una cosa paradossale. In definitiva vi ho colto sì la ricerca di una maggiore chiarezza e snellezza, oltre che un piacevole senso di gioco tra amici, ma mi ha anche trasmesso una certa impressione di incompletezza e improvvisazione.

IL TEMA: terribile, ancora peggio di quello sulla Terra di alcuni anni fa. Sarà un limite mio, ma ho notato che i soggetti apparentemente più liberi, proprio come questo, sono quelli che mi danno più difficoltà a scriverli. Il “venti” era stimolante, così come quello dell’anno scorso, ma un tema molto libero non so bene come approcciarlo, tanto più con la spada di Damocle che poi non venga ammesso lo stesso in concorso – che non era il caso di quest’anno, in effetti.
Va detto poi che le varie precisazioni su cosa intendessero di preciso gli organizzatori sono state un po’ deleterie, spingendo i votanti a dare molto peso a un aspetto piuttosto che a un altro. V. più sotto la voce TUTTI IN CONCORSO.

FORMATO: ecco, questa è stata una buona cosa. 15 pagine senza la distinzione tra regole e testo e con interlinea libera. Uno non poteva sbagliare nemmeno se avesse voluto.

LIMITE DI UN’OPERA A TESTA: e vabbè. Non condivido questa mania persecutoria, ma d’altra parte con un tema del genere non sarei stato in grado di fare più di un Corto, come all’epoca del concorso sulla Terra.

INVIO IN DOPPIO FORMATO (WORD E PDF): è una cosa che ci perseguita dall’inizio, se ben ricordo. Mi spiegate a cosa serve? Sì, certo, è facile usare un convertitore online, tanto che persino io ci sono riuscito, però ricordo dalla prima edizione a cui ho partecipato che a volte (cioè quasi sempre) un’immagine inserita nel Corto viene immancabilmente rovinata e visto che [PARTE AUTOCENSURATA PER NON DARE INDIZI SU QUALE FOSSE IL MIO CORTO].

ILLUSTRAZIONI: ottima cosa, se uno vuole metterne anche senza attinenza con il testo, perché no? Mica come al primo concorso a cui ho partecipato, in cui erano vietatissime.

PARTECIPANTI NON NECESSARIAMENTE ISCRITTI A LGL FORUM: non mi pare sia stata una buona idea (inizialmente a questo punto avevo scritto “che cazzata”).

NIENTE DADI O ALTRI ELEMENTI ESTERNI: mi pare di capire che sia stata introdotta questa opzione per evitare di rivedere certe complessità dei Corti dell’anno scorso. In teoria dovrebbe anche essere una cosa che invita all’elaborazione di testi più letterari che ludici. Però questa stessa idea era già stata usata nel concorso della Terra quindi non è certo originale. E anche questo si è rivelato un elemento discriminante per determinare se un Corto fosse aderente al bando o no.

VOTO MANIFESTO: non mi sembra sia stata una grande idea. Se lo scopo era quello di istigare ai flame o comunque ravvivare le discussioni il bersaglio è stato mancato. Se andiamo a vedere i commenti che gli utenti hanno fanno dei giudizi altrui, vediamo che non hanno praticamente mai contestato il voto espresso, ma hanno confutato alcuni elementi del giudizio (per me il tema è centrato, per me no, 96_21 fa schifo, ecc.), cosa che quindi sarebbe successa anche col voto segreto.
Inoltre rendere manifesto il voto ha tolto un bel po’ di quella suspense che si sarebbe creata a seguito di giudizi e osservazioni che avrebbero fatto pensare a un altro voto: ad esempio Zakimos che dice “è grave che questo Corto non abbia i link multimediali, dovrò penalizzarlo per questo” e poi gli dà 9, oppure Prodo entusiasta che però non va oltre l’8. Nei fatti però questa “suspense” è stata data dai voti su Facebook, a me ignoti.
C’è poi da dire che il voto manifesto ha sottratto peso al giudizio, almeno per me: quando vedevo i commenti l’occhio cadeva per forza sul numerino, in alcuni casi solo successivamente mi sarei letto per intero il giudizio (e magari era importante per capire certe cose che mi erano sfuggite!).
A volerci per forza trovare qualcosa di buono, in questa maniera le votazioni sono state caratterizzate da un’assoluta trasparenza dopo che negli ultimi due concorsi non è stato fornito il solito riepilogo dei voti per utente nella Gazzetta. Ma non credo che qualcuno abbia mai pensato a brogli o errori dei passati organizzatori, quindi anche questa considerazione vale quello che vale.

CINQUE VOTI BONUS ALLA FINE: non è male come idea, ma alla luce del rilascio non contemporaneo dei Corti mi pare più una maniera per offrire la possibilità di mettere una pezza laddove ci si fosse accorti che Corti più graditi sono arrivati dopo e quindi bisognava abbassare i voti dati con troppo entusiasmo (o il contrario, ovviamente).

TUTTI IN CONCORSO: secondo me un’ottima cosa, in base all’esperienza degli ultimi anni forse una cosa quasi dovuta. Nel corso dei concorsi si sono avvicendate le opinioni che dicevano che un Corto andava valutato solo in base alla sua qualità intrinseca e quelle secondo cui anche l’attinenza col tema andava considerata come elemento per giudicarlo. Io mi sono attenuto al primo gruppo dando per scontato che gli elementi che per me ne avrebbero inficiato l’ammissibilità fossero altrettanto palesi per gli organizzatori, invece non sempre è stato così: vedi in particolare il caso del Corto sulla partita di basket. Si veniva così a creare una situazione per cui davo comunque un voto molto alto a un Corto eccezionale ma che per me non aveva i requisiti per essere in concorso. Sicuramente gli organizzatori lo avranno messo fuori concorso per le mie stesse ragioni, no? E invece così si sono venute a creare situazioni per cui ad arrivare in finale sono arrivati quei Corti che secondo me non avrebbero nemmeno potuto partecipare. Con questa regola si è tagliata la testa al toro istituzionalizzando la possibilità di votare anche la pertinenza al tema. Bene così, anche se poi mi sembra che non siamo stati (io per primo) troppo cattivi nel “bacchettare” chi secondo noi non aveva centrato il tema o si era concesso una deroga all'impossibilità di far prendere appunti.
Va detto poi che questo sistema ha mostrato quanto questo elemento sia estremamente soggettivo, anche a causa delle precisazioni degli organizzatori che alla fine hanno intorbidito ancora di più le acque. C’è chi ha basato la sua opinione sul fatto che si potesse o no considerare un evento sufficientemente “passato”, chi si è concentrato sul concetto di “scelte”, chi ha parlato di distopie. Insomma, adesso posso capire meglio quando un Corto viene messo fuori concorso dagli organizzatori vista la pluralità dei punti di vista che ci possono essere. Anche se nei concorsi passati mi pare ci fossero margini di manovra assai meno ampi che in questo…

Altre considerazioni sparse:

RILASCIO GRADUALE: male male male. Secondo me un bel rilascio contamporeaneo come l’anno scorso permette di 1) avere più tempo per leggiocare i Corti ed “elaborare” quelli più difficili 2) confrontare subito i Corti tra di loro facendosi una propria classifica senza dover poi “aggiustare” i voti.

VIVA LE DONNE: rispolvero questa categoria che avevo tirato fuori qualche anno fa. Ben 7 Corti su 19 hanno delle protagoniste femminili, nessuna mi è sembrata banale o stereotipata. Bene così.

FACEBOOK: ignoro del tutto cosa si sia svolto da quelle parti. La presenza/assenza di Facebook mi ha ricordato i pranzoni familiari o coi vicini di quand’ero bambino, con noi piccoli relegati a un tavolo apposito. Solo che stavolta io ero l’adulto grazie all’ufficialità delle frequenza del forum di LGL.

LGBT: due Corti a tema non sono certo tanti, però si notano comunque. Non potrebbe essere il segnale che c’è una fetta di mercato da conquistare alla rinascita del librogame?

I GRANDI ASSENTI: quest’anno niente Zakimos, Mornon, Adriano, Pirata delle Alpi (e cito solo i primi che mi sono venuti in mente, avendo già perduto altri per strada). Peccato.

Tirando le somme, questa edizione non è certo andata male ma non la metterei tra le più memorabili. D’altra parte il confronto con due edizioni eccellenti come le ultime era difficile. Scorrendo l’elenco dei Corti dell’anno scorso, istintivamente sono 6 quelli che mi hanno entusiasmato o giù di lì, e considerando che di quei 29 Corti quattro li avevo scritti io mi pare una buona media, quasi 1 su 4. Quest’anno su una ventina di Corti solo due mi hanno fatto dire “cazzo, che bello!”, ovvero Brenno e il divisivo 96_21. Non che siano mancati spunti interessanti oppure opere proprio belle, ma per me niente di eccezionale. Sicuramente la cosa va ascritta alla partecipazione libera che avrà invogliato persone esterne a LGL Forum e poco avvezze ai librogame (ed è un’ottima cosa!) ma anche gli elementi del bando che ho evidenziato potrebbero aver influito.

GGigassi
Barone del Sole
ranks
useravatar
Offline
2561 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Considerazioni sul concorso dei Corti 2022

GGigassi ha scritto:

PARTECIPANTI NON NECESSARIAMENTE ISCRITTI A LGL FORUM: non mi pare sia stata una buona idea (inizialmente a questo punto avevo scritto “che cazzata”).

Su questo punto però devi motivare. Perché? Invece è stato un ottimo modo per far arrivare nuovi lettori, votanti e autori da fuori della solita nicchia. Il dispiacere è per me legato al fatto che una piccola fetta di questi lettori/votanti/autori estremamente vocianti all'inizio del concorso sia poi scomparsa nel nulla da metà in poi, non si capisce se per disinteresse o per i flame (vedi dopo). In quel caso ho avuto la sensazione di una "invasione" alla Dark Souls più che di un vero interesse, ma comunque qualche volto nuovo lo abbiamo guadagnato e tenuto fino alla fine. E l'abbandono avveniva anche sul forum: ricordiamo Cupe Vampe vincitore della sua annata perché... nessuno lo ha votato, a parte una manciatina di persone tutte entusiaste.

GGigassi ha scritto:

Se lo scopo era quello di istigare ai flame o comunque ravvivare le discussioni il bersaglio è stato mancato.

Lo dici perché valuti metà del concorso, ossia solo il forum. Non ha molto senso giudicare l'intero concorso nel momento in cui metà di esso non l'hai vissuto, secondo me.
Su Facebook i voti in chiaro sono stati fondamentali e hanno fatto scoppiare flame enormi, così grandi che forse hanno spinto all'abbandono alcuni autori/votanti. Tutto si può dire, tranne che il concorso di quest'anno non abbia avuto una forte partecipazione!

GGigassi ha scritto:

I GRANDI ASSENTI: quest’anno niente Zakimos, Mornon, Adriano, Pirata delle Alpi (e cito solo i primi che mi sono venuti in mente, avendo già perduto altri per strada). Peccato.

Rientra nella volontà di lasciare spazio a nuove persone, che non si sentano schiacciate da soggetti che comunque avendo accumulato una certa esperienza sanno come muoversi per ottenere il favore del pubblico. Per me è stato un plus.

GGigassi ha scritto:

RILASCIO GRADUALE: male male male. Secondo me un bel rilascio contamporeaneo come l’anno scorso permette di 1) avere più tempo per leggiocare i Corti ed “elaborare” quelli più difficili 2) confrontare subito i Corti tra di loro facendosi una propria classifica senza dover poi “aggiustare” i voti.

Sì e no, nel senso che ciò che scrivi è verissimo, ma troppi corti tutti assieme non avrebbero permesso di attirare nuovi lettori/votanti, cosa che comunque è accaduta. Se rilascio graduale deve essere, quello di quest'anno è stato il migliore. Infatti è praticamente l'unica annata da che ricordi in cui il "fuggi fuggi" di votanti è avvenuto solo nell'ultima settimana, quindi siamo stati vicini al coinvolgimento perfetto grazie all'ottimo lavoro svolto soprattutto da FinalFabbiX.

Zakimos
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1676 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Considerazioni sul concorso dei Corti 2022

Avevo appena scritto un commento lungo e dettagliato ma poi al momento dell'invio mi ha dato "Accesso negato" sloggandomi dal profilo... E quindi niente, non c'ho voglia di riscrivere tutto punto per punto. Mi limiterò a soffermarmi sui punti salienti.

Innanzitutto, GGigassi è ora che tu ti iscriva a Facebook. Sennò poi ti perdi certi eventi utili per le tue considerazioni di fine anno. Anche perché di discussioni ne sono nate tante, soprattutto nella prima parte del concorso.

Ciò che mi è piaciuto meno di questo concorso è il voto pubblico, perché ha tolto quell'aura di mistero che finora mi piaceva sfruttare per immaginarmi che voto ciascun utente potrebbe aver dato sulla base delle sue osservazioni.

Quello che invece ho apprezzato è la gestione del rilascio dei corti. L'anno scorso per me è stato super penalizzante, assistere a un rilascio in contemporanea di tutti quei corti mi ha spaventato non poco. Preferisco che vengano spalmati su varie settimane, combinati alla possibilità di modificare fino a 5 voti senza più il limite massimo minimo di 0,5. In questo modo, i corti iniziali non vengono più penalizzati.

Vorrei anche aggiungere una mia personale considerazione. Sfruttare la piattaforma di facebook ha senz'altro aiutato ad attirare nuovi votanti, ma secondo me dobbiamo anche prestare attenzione a chi vota con criterio e chi invece non sembra saperne molto sull'argomento. Ho assistito infatti a voti decisamente troppo positivi e negativi nei confronti di alcuni corti, e questo mi ha lasciato da pensare. È vero che le opinioni personali sono insindacabili, ma se si partecipa a un concorso per giudicare il librogame migliore, è implicito che se ne sappia un minimo sull'argomento. Fortuna vuole che i voti più destabilizzanti siano appartenuti a utenti poi scomparsi dopo poche settimane, rendendoli di fatto invalidi... Ma se il prossimo anno gli utenti fossero più costanti?
Prevenire è meglio che curare, come si suol dire.

powerbob
Illuminato
ranks
useravatar
Offline
376 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Considerazioni sul concorso dei Corti 2022

Zakimos ha scritto:

GGigassi ha scritto:

PARTECIPANTI NON NECESSARIAMENTE ISCRITTI A LGL FORUM: non mi pare sia stata una buona idea (inizialmente a questo punto avevo scritto “che cazzata”).

Su questo punto però devi motivare. Perché? Invece è stato un ottimo modo per far arrivare nuovi lettori, votanti e autori da fuori della solita nicchia. Il dispiacere è per me legato al fatto che una piccola fetta di questi lettori/votanti/autori estremamente vocianti all'inizio del concorso sia poi scomparsa nel nulla da metà in poi, non si capisce se per disinteresse o per i flame (vedi dopo). In quel caso ho avuto la sensazione di una "invasione" alla Dark Souls più che di un vero interesse, ma comunque qualche volto nuovo lo abbiamo guadagnato e tenuto fino alla fine. E l'abbandono avveniva anche sul forum: ricordiamo Cupe Vampe vincitore della sua annata perché... nessuno lo ha votato, a parte una manciatina di persone tutte entusiaste.

GGigassi ha scritto:

Se lo scopo era quello di istigare ai flame o comunque ravvivare le discussioni il bersaglio è stato mancato.

Lo dici perché valuti metà del concorso, ossia solo il forum. Non ha molto senso giudicare l'intero concorso nel momento in cui metà di esso non l'hai vissuto, secondo me.
Su Facebook i voti in chiaro sono stati fondamentali e hanno fatto scoppiare flame enormi, così grandi che forse hanno spinto all'abbandono alcuni autori/votanti. Tutto si può dire, tranne che il concorso di quest'anno non abbia avuto una forte partecipazione!

GGigassi ha scritto:

I GRANDI ASSENTI: quest’anno niente Zakimos, Mornon, Adriano, Pirata delle Alpi (e cito solo i primi che mi sono venuti in mente, avendo già perduto altri per strada). Peccato.

Rientra nella volontà di lasciare spazio a nuove persone, che non si sentano schiacciate da soggetti che comunque avendo accumulato una certa esperienza sanno come muoversi per ottenere il favore del pubblico. Per me è stato un plus.

GGigassi ha scritto:

RILASCIO GRADUALE: male male male. Secondo me un bel rilascio contamporeaneo come l’anno scorso permette di 1) avere più tempo per leggiocare i Corti ed “elaborare” quelli più difficili 2) confrontare subito i Corti tra di loro facendosi una propria classifica senza dover poi “aggiustare” i voti.

Sì e no, nel senso che ciò che scrivi è verissimo, ma troppi corti tutti assieme non avrebbero permesso di attirare nuovi lettori/votanti, cosa che comunque è accaduta. Se rilascio graduale deve essere, quello di quest'anno è stato il migliore. Infatti è praticamente l'unica annata da che ricordi in cui il "fuggi fuggi" di votanti è avvenuto solo nell'ultima settimana, quindi siamo stati vicini al coinvolgimento perfetto grazie all'ottimo lavoro svolto soprattutto da FinalFabbiX.

Rapidissimamente prima che il sistema mi sputi fuori: io ho sempre visto il concorso dei Corti come qualcosa di "familiare", non dico per iniziati ma quasi. Poi ovviamente bisognerebbe capire le motivazioni nell'attirare nuovi utenti che possano diventare nuovi acquirenti di librogame oppure diano lustro al forum. Su Dark Souls, però, ti do pienamente ragione

 Spoiler Show Spoiler Hide Spoiler
 (cos'è Dark Souls? hmm )
Per quel che riguarda Facebook non posso che darti ragione non avendo seguito la scena da quelle parti.

Forse il rilascio avrebbe potuto essere ancora un po' più rapido: tre Corti alla settimana e in una solo due, così da velocizzare e limitare gli abbandoni per stanchezza. Ma resto dell'idea che un bel rilascio totale sia la soluzione migliore.

GGigassi
Barone del Sole
ranks
useravatar
Offline
2561 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Considerazioni sul concorso dei Corti 2022

powerbob ha scritto:

Avevo appena scritto un commento lungo e dettagliato ma poi al momento dell'invio mi ha dato "Accesso negato" sloggandomi dal profilo...

Benvenuto nel club smile2
Per il resto prendo atto delle tue considerazioni, ma su Facebook non ci andrò mai!
Ma l'anno scorso sul serio tutti i Corti insieme ti hanno intimorito? Con un po' calma si leggevano tutti (o quasi, penso a quelli più difficili). wink

GGigassi
Barone del Sole
ranks
useravatar
Offline
2561 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Considerazioni sul concorso dei Corti 2022

GGigassi ha scritto:

powerbob ha scritto:

Avevo appena scritto un commento lungo e dettagliato ma poi al momento dell'invio mi ha dato "Accesso negato" sloggandomi dal profilo...

Benvenuto nel club smile2
Per il resto prendo atto delle tue considerazioni, ma su Facebook non ci andrò mai!
Ma l'anno scorso sul serio tutti i Corti insieme ti hanno intimorito? Con un po' calma si leggevano tutti (o quasi, penso a quelli più difficili). wink

Tu sbagli a vederlo come "facebook"... Se provassi a considerarlo un "faceGAMEbook" scommetto che conquisterà il tuo interesse XD

Comunque si, l'anno scorso per una serie di impegni non sono stato in grado nemmeno di partecipare. Di corti ne avrò letti in tutto 5/6, ma credo che la questione sia simile a quella che hai analizzato tu sul tema. Se il tema è troppo ampio, anche se sembra un vantaggio, il lettore si confonde con tutte le possibili varianti e il risultato scarseggia. Allo stesso modo, avendo tutti i corti a portata di mano mi è sembrato tutto molto dispersivo.

powerbob
Illuminato
ranks
useravatar
Offline
376 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Considerazioni sul concorso dei Corti 2022

Ecco il mega thread di GGigassi sul concorso! Mi prendo il tempo per scrivere i miei pareri sul concorso, scrivendo il post su word bigsmile prima di pubblicarlo lol

Periodonikes
Illuminato
ranks
useravatar
Offline
251 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Considerazioni sul concorso dei Corti 2022

powerbob ha scritto:

GGigassi ha scritto:

powerbob ha scritto:

Se il tema è troppo ampio, anche se sembra un vantaggio, il lettore si confonde con tutte le possibili varianti e il risultato scarseggia. Allo stesso modo, avendo tutti i corti a portata di mano mi è sembrato tutto molto dispersivo.

Io lo dicevo dal punto di vista dell'autore, invece da leggiocatore mi è sempre piaciuto vedere come lo stesso tema possa portare a Corti con argomenti anche diversissimi tra di loro.

GGigassi
Barone del Sole
ranks
useravatar
Offline
2561 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Considerazioni sul concorso dei Corti 2022

Periodonikes ha scritto:

Ecco il mega thread di GGigassi sul concorso!

In pratica è il motivo principale per cui partecipo cool2
Quest'anno ho voluto/dovuto fare una cosa in fretta e furia, come dicevo, proprio per poterlo scrivere con pieno diritto. bigsmile2

GGigassi
Barone del Sole
ranks
useravatar
Offline
2561 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Considerazioni sul concorso dei Corti 2022

GGigassi ha scritto:

powerbob ha scritto:

GGigassi ha scritto:

powerbob ha scritto:

Se il tema è troppo ampio, anche se sembra un vantaggio, il lettore si confonde con tutte le possibili varianti e il risultato scarseggia. Allo stesso modo, avendo tutti i corti a portata di mano mi è sembrato tutto molto dispersivo.

Io lo dicevo dal punto di vista dell'autore, invece da leggiocatore mi è sempre piaciuto vedere come lo stesso tema possa portare a Corti con argomenti anche diversissimi tra di loro.

Si, intendevo dire "autore" Sorry  smile2
Il concetto è che certe volte è meglio avere dei vincoli. Paradossalmente, un  racconto in un concorso a tema libero risulterebbe più complesso per me da realizzare rispetto a un tema specifico. Per lo stesso principio, preferisco che i corti da leggere mi vengano "instradati" un po' per volta.
Comunque la soluzione ottimale sarebbe quella di rilasciare tra i 3/4 corti a settimana. In questo modo, c'è comunque possibilità di avere un confronto con altre opere... Cosa che invece non è accaduta due edizioni fa, quando uscì il primo corto del concorso "La festa" tutto da solo. Quello per me fu un terribile errore, considerando anche che poi avrei potuto correggere il voto di massimo 0,5 punti

powerbob
Illuminato
ranks
useravatar
Offline
376 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Info Forum

Statistiche Forum:
 
Totale Discussioni:
5510
Totale Sondaggi:
100
Totale Messaggi:
149638
Totale Messaggi Oggi:
2
Info Utenti:
 
Totale Utenti:
8411
Ultimo Utente Registrato:
Spoletu