Home Forum General Librogame e dintorni I Corti di LGL 2020 Corto numero 4: La Rosa dei venti
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

La pandemia sembra volgere finalmente al termina, come risponderà il mercato dei LG a questo progressivo ritorno alla normalità?

Corto numero 4: La Rosa dei venti

Re: Corto numero 4: La Rosa dei venti

SPIEGAZIONE RAPIDA

La Rosa dei Venti è un progetto imbastito in fretta e furia dopo una chiacchierata con Pietro Rotelli, che come i più attenti di voi hanno notato è stato l'illustratore di Jekyll e Hyde. È dai tempi di Onyrica di kagliostro che mi sono innamorato dei corti illustrati, amore che è proseguito negli anni con i fumetti-game della Makaka Editions. Pietro avrebbe voluto partecipare al concorso, per cui mi sono offerto di aiutarlo. Abbiamo subito pensato a una rosa dei venti come immagine chiave, e da lì ai numeri nascosti nelle immagini per trovare l'"uscita".

La struttura iniziale infatti doveva essere alla Indiana Jones, con l'esplorazione di rovine diroccate. Poi però è intervenuto un altro dialogo con un amico che avrebbe voluto partecipare: la sua idea era far costruire una girandola di carta al giocatore, ma non sapeva trovare una buona scusa per farglielo fare. Ho allora inventato sue due piedi il discorso che le persone sono come le girandole etc. etc., e poi - quando l'amico ha rinunciato a partecipare - l'ho riutilizzato "girandolo" in negativo, visto che a pensarci meglio era davvero troppo da Fabio Volo. L'ispirazione in questo caso mi è venuta da un altro splendido corto del passato, ossia "È ora che tu sappia".

All'inizio dovevano esserci vari bivi e solo le giuste scelte avrebbero portato all'immagine rivelatrice. Alla prova dei fatti però ho capito che non ci sarebbe stato spazio per inserirli, per cui ho dovuto rinunciare, a parte l'unico bivio del cassetto da aprire (e sì, ho sbagliato a mettere i due paragrafi così vicini tra loro).

Gli enigmi ci hanno fatto scervellare, specie il Libeccio. Rocco Siffredi sugli sci è stata una cazzata: avrei dovuto mettere Rocco Papaleo, ma obiettivamente faceva ridere e so che molti hanno apprezzato. Speravo che qualcuno googlasse la frase "sempre con la massima ironia" per avere un aiuto, ma nessuno lo ha fatto, per cui era obiettivamente quasi impossibile riconoscerlo.

Insomma, tutte le critiche formulate al corto sono fondate, a parte una: il fatto che il finale sia identico sia dopo aver trovato il segreto che in caso contrario è voluto.
La frase infatti assume un significato differente a seconda di come ci arriviamo: "non c'è nulla di importante qui" perché non abbiamo trovato nulla... o perché ciò che abbiamo trovato obiettivamente non ha importanza, per i motivi spiegati dal padre.

Zakimos
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1594 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Corto numero 4: La Rosa dei venti

Al netto di un paio di enigmi un po' cervellotici, questo corto rimane il mio preferito del concorso.

Tumassa
Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
144 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Corto numero 4: La Rosa dei venti

Zakimos ha scritto:


La struttura iniziale infatti doveva essere alla Indiana Jones, con l'esplorazione di rovine diroccate.

yikes2

GGigassi
Barone del Sole
ranks
useravatar
Offline
2440 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Corto numero 4: La Rosa dei venti

GGigassi ha scritto:

Zakimos ha scritto:


La struttura iniziale infatti doveva essere alla Indiana Jones, con l'esplorazione di rovine diroccate.

yikes2

Chissà se sarebbe stato apprezzato di più o di meno! Mi sono dimenticato di dire che alla fine ho deciso di optare per il realismo anche sulla spinta di un altro corto-omaggio musicale che volevo fare, a uno dei dischi italiani più belli mai registrati: "L'uomo che viaggiava nel vento - e altri racconti di brezze e correnti” di Murubutu.
Questo però ero certo che sarebbe stato TROPPO di nicchia e assolutamente sconosciuto, per cui ho evitato e sublimato tutto qui.

Zakimos
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1594 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Info Forum

Statistiche Forum:
 
Totale Discussioni:
5378
Totale Sondaggi:
100
Totale Messaggi:
148171
Totale Messaggi Oggi:
1
Info Utenti:
 
Totale Utenti:
7832
Ultimo Utente Registrato:
morsac