Home Forum General Librogame e dintorni I Corti di LGL 2017 11° racconto: Firenze (canzone triste)
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Play 2022 e Il Salone del Libro hanno avuto altissime adesioni, la stagione delle fiere sembra essere ripartita alla grande. Ritenete che il momento critico sia passato e che il trend dei librogame sarà di nuovo in forte crescita da adesso in poi?

Assolutamente si, i numeri lo dimostrano, i librogame hanno ripreso in pieno l'ascesa - 17.5%
Ci sarà ancora qualche strascico legato al costo dei materiali, ma il trend è comunque positivo - 19.7%
L'emergenza pandemica è finita, ma la situazione internazionale è complessa e il futuro sarà condizionato da continui alti e bassi - 15.3%
La pandemia tornerà in autunno e con la guerra in Ucraina il settore è destinato a un nuovo stop da cui ripartiranno solo in pochi, i meglio organizzati - 16.1%
È solo un fuoco di paglia. I problemi sono troppi, il settore è destinato a implodere e tornare aglli anni pre-Rinascimento - 15.3%
Ci sono eccessive variabili per lanciarsi in previsioni di qualsiasi tipo - 16.1%

Voti totali: 137

11° racconto: Firenze (canzone triste)

Re: 11° racconto: Firenze (canzone triste)

Rygar ha scritto:

Edit di Seven legion: Pero' hai votato o no? Se si, lo devi scrivere qui.

Ho votato. Nel commento spiegavo i motivi del mio voto.

Edit di Seven Legion: ok, ma dovresti scrivere la a chi hai mandato il voto. (Serve ai giudici a capire se han conteggiato tutti o si son persi qualcuno.)

"Se non volete sentir ragioni, sentirete il filo delle nostre spade!"

Rygar
Tetro Lettore / Grim Reader
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1989 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Quota selezione Incolla nome Rispondi Rispondi Quota Quota Split Split

Re: 11° racconto: Firenze (canzone triste)

scusate per il commento breve e per la mia assenza, in questo momento non ho internet e il mio cellulare è del dopoguerra .

Il corto è veramente affascinante, poetico e alcuni parti sono veramente belle che ho riletto con piacere , ma secondo me mal si adagia con i paletti del concorso per quanto si tratta di protagonista e ambientazione o almeno io non riesco a coglierli.

rimane però un bel corto particolare, non il migliore ma di certo curioso, voto mandato a miss Aloona

Il poeta costruisce castelli in aria;
il matto li abita;
lo psicologo incassa l'affitto.

kagliostro
Specchioriflesso
Arcimaestro
ranks
useravatar
Offline
676 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Quota selezione Incolla nome Rispondi Rispondi Quota Quota Split Split

Re: 11° racconto: Firenze (canzone triste)

Fratelli, ecco i nostri (suoi? Miei? Loro?) giudizi su Firenze (canzone triste)

babacampione ha scritto:


Questo Corto è sorprendente per il linguaggio usato che, ad una prima lettura, mi è sembrato troppo criptico. Il Corto assume infatti la sua piena dimensione solamente nel paragrafo finale migliore (il 38,a memoria) che risolve le tante perplessità riscontrate durante le numerose letture che sono state necessarie per arrivarvi. E' un Corto quindi che tratta in maniera decisamente originale e anche scanzonata un tema drammatico, riuscendo, a mio avviso, a colpire nel segno. Mi è quindi piaciuto immedesimarmi in questo nano-robot e rileggermi tutti i paragrafi per riprovare più e più volte la strada per il successo e quelle per il fallimento. Quindi, per la parte narrativa, il Corto si merita un volto molto alto, che però devo abbassare perchéil gioco si esaurisce comunque in pochi minuti. Un Corto divertente, quindi, e che ha saputo osare, ma nulla di più. Non c'è un regolamento da valutare, non ci sono comprimari degni di nota, lo stesso protagonista ètutto sommato anonimo. L'autore forse si compiacerà del fatto che il protagonista mi ha ricordato La Creatura del Male per via del fatto che riacquista la consapevolezza di se stesso durante tutto lo svolgimento del racconto. Ma le due opere sono, ovviamente, imparagonabili. Con qualche paragrafo in più il protagonista avrebbe potuto acquistare quello spessore che lo avrebbe reso memorabile.

Hyeronimus ha scritto:


Recensire questo corto è per me l'impresa più difficile della mia vita dopo l'aver accettato il fatto che c'è chi ha creduto che Ruby fosse la nipote di Mubarak.
Questo è un corto ovviamente atipico, e ovviamente mi piace. Qui siamo davanti a un genio, o forse a una mente contorta, o forse a uno che deve cambiare pusher, ma a ogni modo questo è un corto di forte impatto, che sicuramente verrà ricordato. Mi è davvero difficile commentare i singoli passaggi, e dare una definizione generale a questo corto, o inserirlo in un genere narrativo. Siamo davanti a qualcosa di assolutamente nuovo e originale, qualcosa di onirico e allo stesso tempo filosofico, la cui sostanza non viene rovinata dalle varie citazioni.
Nonostante sia atipico riesce comunque a mantenere una struttura da librogioco classico, con tanto di finali diversi.
Congratulazioni all'autore, il mio votone è stato inviato a me stesso in quanto sono un giudice.

Aloona ha scritto:


L'idea merita sicuramente una lode speciale; l'eccesso di terminologia filosofica, invece, non mi convince sempre e ovunque, risultando in alcuni passaggi più un esercizio estetico che una necessità concettuale, finendo alle lunghe per stuccare un poco; nel complesso è comunque uno stile ben realizzato, ricercato ed efficace, che sa il fatto suo. Il sistema a bivi non mi dispiace: risulta quantomeno adatto ad un soggetto simile, lasciando che l'attenzione del lettore sia interamente concentrata sullo sviluppo narrativo e il raggiungimento dell'obiettivo finale. Purtroppo, non si può dimenticare una certa scontatezza nel percorso stesso: bastano un paio di bivi per capire come la chiave sia il conformismo, il gruppo, l'unione e via dicendo fino alla giusta fine, senza pericolo di avere sorprese. A complicare un pizzico la cosa ci si mettono giusto le ultime scelte (cuore, testa, anima, ecc.), ma con un po' di logica è facilissimo ingranare giusto. Insomma, dal punto di vista ludico è un racconto bello, ma che non balla troppo bene. Pur supponendo che l'interesse dell'autore fosse principalmente nel messaggio, non dimentichiamo  di avere sempre a che fare un librogame, qualche emozione in più anche nella longevità sarebbe stata ben accetta.
Ciò appurato, complimenti all'autore per l'audacia, la bella pensata e la cura che rendono il tutto gradevole e a tratti commovente, anche se il titolo resta un mistero che spero vorrà rivelarci.

A head full of dreams

Aloona
1° Direttrice della Gazzetta
Moderatore
useravatar
Offline
7666 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Quota selezione Incolla nome Rispondi Rispondi Quota Quota Split Split

Re: 11° racconto: Firenze (canzone triste)

C'è pochissimo da dire su questo Corto, che mi è venuto in mente una notte prima di addormentarmi (come Apocalisse!) e ho buttato giù in due ore nette - più il tempo per creare i link e mischiare i paragrafi (due palle) e quello per trovare la citazione originale che volevo mettere da una canzone di Bob Dylan (ricordavo "the curse it is cast" ma non il resto), e non mi decidevo a finire il Corto finché non l'avessi trovata, ma mi dimenticavo sempre di cercarla.

Il titolo nasce da una cosa che ho letto (o sentito) in merito alla canzone omonima di Ivan Graziani, non necessariamente vera: sembrerebbe che in origine volesse essere una parodia delle canzoni melense e sdolcinate e invece finì per essere ricordata come un esempio del genere!
Nella mia logica discutibile, era un invito a non prendere troppo sul serio questo Corto. Invito che però non è stato minimamente colto, e siete riusciti a trovarci dei significati meravigliosi che non avevo nessuna intenzione di mettere! Grazie mille!

GGigassi
Barone del Sole
ranks
useravatar
Offline
2561 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Quota selezione Incolla nome Rispondi Rispondi Quota Quota Split Split

Re: 11° racconto: Firenze (canzone triste)

Questa volta mi hai trollato alla grande. Speravo di leggere un bel commento piccato alla mia recensione del tipo "gnegnegne ma che ne sai, non capisci l'arte, l'ermetismo, la prestigiribirizzazione" e invece te ne esci così, a testa alta, con un corto che porca miseria non fosse stato per quel paragrafo 38 buttato lì alla schifìo sarebbe stato una gran prova d'autore, belin io in due ore una pagina scrivo se va bene e questo ci fa un corto intero e pure bello gli viene, mannaggia a te.

Zakimos
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1676 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Quota selezione Incolla nome Rispondi Rispondi Quota Quota Split Split

Re: 11° racconto: Firenze (canzone triste)

Sorprendente il corto (e sorprendente il numero di corti che hai scritto!), ma "elementi barionici" e "schiuma quantistica" buttati lì a caso mi hanno gettato nello sconforto...

Boole
Maestro Ramas
ranks
useravatar
Offline
194 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Quota selezione Incolla nome Rispondi Rispondi Quota Quota Split Split

Rispondi

Scrivi un messaggio e invia
Dimensione  [+] [-]
 Caratteri
captcha
Opzioni

Info Forum

Statistiche Forum:
 
Totale Discussioni:
5510
Totale Sondaggi:
100
Totale Messaggi:
149638
Totale Messaggi Oggi:
2
Info Utenti:
 
Totale Utenti:
8411
Ultimo Utente Registrato:
Spoletu