Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Cerca nel sito

Il Sondaggione!!

Play 2022 e Il Salone del Libro hanno avuto altissime adesioni, la stagione delle fiere sembra essere ripartita alla grande. Ritenete che il momento critico sia passato e che il trend dei librogame sarà di nuovo in forte crescita da adesso in poi?

Assolutamente si, i numeri lo dimostrano, i librogame hanno ripreso in pieno l'ascesa - 17.5%
Ci sarà ancora qualche strascico legato al costo dei materiali, ma il trend è comunque positivo - 19.7%
L'emergenza pandemica è finita, ma la situazione internazionale è complessa e il futuro sarà condizionato da continui alti e bassi - 15.3%
La pandemia tornerà in autunno e con la guerra in Ucraina il settore è destinato a un nuovo stop da cui ripartiranno solo in pochi, i meglio organizzati - 16.1%
È solo un fuoco di paglia. I problemi sono troppi, il settore è destinato a implodere e tornare aglli anni pre-Rinascimento - 15.3%
Ci sono eccessive variabili per lanciarsi in previsioni di qualsiasi tipo - 16.1%

Voti totali: 137

Corto 19 - De cuius

Re: Corto 19 - De cuius

Per quanto il Corto sia scritto in modo pressoché perfetto e ben caratterizzato, trovo che abbia vari aspetti discutibili.
L’elefante nella stanza è l’evidente intento personale della protagonista: questa parteggia apertamente per la nipote della cliente, questione che non la dovrebbe riguardare affatto, e riuscire a introdurla nel testamento significa aver svolto al meglio il lavoro. Ma non credo sia questo il compito del notaio; e questa, che io colgo come una discrepanza, per me mina alla base la validità dell’opera, per quanto ben realizzata. Non siamo il giudice e non è nostro compito fare “giustizia”, soprattutto non in base a criteri di simpatia personale.

Altro elemento che non mi convince è che gli indizi sono scritti in evidente grassetto, poi il lettore è chiamato a un check di attenzione come se fossero stati buttati in mezzo a dialoghi pieni di corsivi senza nulla a contraddistinguerli. Sembri voler confondermi e cogliermi in castagna, ma poi mi dai l’aiutino.

L’attinenza al tema mi pare ambigua, ma su questo aspetto non sono mai stato fiscale durante questo concorso e non ho motivo di esserlo con l’ultimo racconto.

Dal punto di vista stilistico e narrativo, come dicevo, quasi impeccabile, ma poco coinvolgente per me. L’incongruenza (percepita) di cui ho parlato in apertura mi rende la notaia non molto più simpatica della Pandolfini.

Voto: 6.5

EGO
Barone del Sole
ranks
useravatar
Offline
2114 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Corto 19 - De cuius

powerbob ha scritto:


Voglio inoltre difendere l'autore del corto, sostenendo che a mio avviso il tema è perfettamente centrato. Non è tanto il testamento a fungere da eredità del passato secondo me, quanto quello che accade dopo la morte della signora Pandolfini. Gli eventi legati alla nipote cambiano proprio sulla base dell'esito del nostro colloquio.

In seguito a questa osservazione ho riletto meglio gli epiloghi: due dei quattro recitano "qualche tempo dopo", quindi un poco di attinenza c'è. Ancora non sufficiente secondo me, perché il tema è "scelte lontane nel tempo". Alzo comunque in virtù di ciò il mio voto di mezzo punto.

Votiamo In Enciclopedia!
Copiate i messaggi prima di inviarli -pericolo slog/perdita dati!-

sancio
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1250 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Corto 19 - De cuius

19ma è ultima fatica del 2022
E si può dire che si chiude con il botto
Veramente un bel corto originale nel tema e ben scritto
Peccato la scarsa attinenza al tema per la quale decurto 1 punto
Voto finale 7.5

DC One

mark phoenix 79
SIGN DEI TOTOAUTORI 2018/2020
Arcimaestro
ranks
useravatar
Offline
639 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Corto 19 - De cuius

Inizio da quello che mi ha convinto: il racconto prende bene, almeno a me ha dato un’ottima immedesimazione, mi è stata subito antipatica la signora Pandolfini, e anche solo per il fatto che il corto ha suscitato in me un’emozione significa che ha fatto centro.
La storia, sebbene non sia proprio il massimo da trattare in una storia a bivi, funziona, è realistica e ben scritta. Complimenti anche per come è stata resa la signora a livello di dialoghi: sembra davvero di ascoltare una persona anziana poco acculturata.
Quello che non mi ha convinto sono le meccaniche. Di per sé l’idea del numero ristretto di domande che si possono fare è ottima a livello ludico, ma non è contestualizzata. Cioè, perché un notaio dovrebbe poter far solo un numero predefinito di domande? Leggere il paragrafo 18 fa spostare l’idea dal notaio al quiz televisivo, ripeto a livello ludico la cosa funziona benissimo, ma è irrealistica nel contesto in cui ci ha fatto calare l’autore/autrice.
Anche il fatto che la signora sia così semplice (e si capisce da come parla) mi fa pensare più ad una persona che ripeta le cose più volte per farle capire, non ad una signora che dice le cose mezza volta e poi ti dà dell’incompetente se non l’hai capita…
Insomma, una sfida ludica interessante in una storia ben scritta, peccato per il fatto che il modo in cui è raccontata non è molto coerente con la situazione. Un’ulteriore nota negativa è l’assenza di link ipertestuali.
Nonostante questo, il voto è 8.

"Lo sai come dev'esse lo sguardo del carabiniere? Pronto, acuto e profondo".

Adriano
Amministratore
useravatar
Offline
5301 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Corto 19 - De cuius

Stop al televoto!

FinalFabbiX
Signore del Totoautori 2016
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1379 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Corto 19 - De cuius

sancio ha scritto:

Vedo fioccare voti altissimi a corti che non hanno rispettato il tema imposto, non voglio fare polemica ma vi immaginate se alla fine vincerà il concorso un corto che ha ignorato appieno il tema?

E invece ti assicuro che, dati alla mano, la situazione è molto rosea.
Considera che:

1) in altri anni, questo corto sarebbe stato ammesso tranquillamente. Per me la declinazione del tema è accettabile e credo che lo sarebbe stata anche per fabrizio. Inoltre, da sempre, quando c'è un dubbio, si tende ad ammettere piuttosto che rilasciare per "paura" di escludere un autore ingiustamente.

2) a meno di stravolgimenti dell'ultima settimana, questo corto difficilmente entrerà nel podio. E il motivo per cui non entrerà nel podio è che è stato affossato da i voti di chi non lo ritiene a tema.

Questa nuova modalità, pertanto, sta funzionando molto bene e anzi, è uno degli aspetti che manterrei nei prossimi anni.

FinalFabbiX
Signore del Totoautori 2016
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1379 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Corto 19 - De cuius

l'ho trovato simpaticissimo: il modo in cui l'autore/autrice è riuscito a rendere la caricatura della signorina Pandolfini è fantastico ed azzeccatissimo al punto che in più di un'occasione mi ha fatto venire in mente sia mia nonna che sua sorella zitella

per quanto riguarda la meccanica l'ho trovata un po' troppo complicata ma ho apprezzato la trovata di scrivere in grassetto le parole chiave di modo che, prima di sapere che più tardi sarebbero servite, il lettore fosse comunque portato a farci attenzione

per quanto riguarda l'attinenza al bando secondo me ci siamo

Mando voto in privato a FinalFabbix perchè sono fuori tempo massimo

Budellaro
Iniziato
ranks
useravatar
Offline
95 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Corto 19 - De cuius


Provo a rispondere a un po' delle questioni che sono emerse nelle recensioni.
Puoi pubblicarle tu così resto nell'anonimato?
Grazie in anticipo.

1. Perché solo cinque/un numero predefinito di domande?

Pensavo fosse ovvio. Una consulenza non può durare in eterno: c'è un tempo limite, sia per chi fa la consulenza che per chi la riceve. Per questo non si ha il tempo per analizzare tutto e bisogna scegliere su cosa soffermarsi e su cosa no.

2. Perché il grassetto?

A qualcuno è piaciuto ad altri no: ovviamente l'ho messo per aiutarvi a ricordare, se no mi avreste penalizzato il corto per quello. XD

3. Perché non si possono prendere appunti?

Come avete giustamente intuito, è stata una forzatura dettata dal bando. Anche se nella mia testa la soluzione poteva essere giustificata altrimenti, ma qui ho sbagliato a non esplicitarlo: la notaia non prende appunti perché è alla sua prima consulenza, dunque non è preparata. Ma siate onesti: potendo prendere appunti, chi di voi avrebbe segnato tra le note i cinquemila euro di stipendio e i cento euro delle sigarette? wink

4. Travisamento del tema/lasciato fuorviare dalla parola "eredità".

Credo onestamente di non aver travisato. La mia idea era che le scelte del passato che influenzassero il futuro fossero quelle della notaia. Siccome però melius est abundare quam deficere, perché non fare anche una stratificazione del tema e aggiungere eredità materiale ed eredità morale? Ai lettori l'ardua sentenza... E indubbiamente ardua sentenza fu. sad

5. Dove sono le scelte del passato e come influenzano il futuro?

L'idea era che le domande della notaia, poste in un certo ordine e modo, portassero la sua cliente a cambiare idea sul testamento. I futuri sono gli epiloghi dove si vede cosa fanno i nipoti. Grazie ai vostri commenti però ho capito che dovevo lavorarci meglio perché non è molto chiaro. Mea culpa, mea culpa, mea maxima culpa.
N.b. la storia dei quindici anni che dovevano passare non la sapevo. hmm

6. La notaia patteggia per la nipote.

Sì, il sottotesto femminista era voluto. Sia perché volevo raccontare una storia ben precisa, sia perché dare la possibilità al lettore di scegliere per chi patteggiare richiedeva spazio. Che non avevo.

7. Similarità tra il primo e l'ultimo corto in gara: il primo e l'ultimo corto in gara hanno una protagonista donna.

Come anche i corti 6, 12, 16 e 17. wink

8. La sillabazione sbagliata.

Sì, il motivo è esattamente quello che ha intuito GGigassi.

9. Cos'ha fatto di tanto orrendo il fratello della signorina Pandolfini?

Assolutamente niente. Ma davvero pensavate che la signorina Pandolfini fosse un personaggio attendibile? XD

10. La battuta sulla legittima.

Sapere che succede realmente mi sconcerta un poco. Ho sbagliato sicuramente a non spiegare al lettore cos'è la legittima. Tento di chiarire (notai e avvocati veri mi correggano): è una specie di quota di eredità a cui hanno diritto coniugi e i figli del de cuius, ai quali va comunque qualcosa a prescindere dal testamento. Per esempio, un genitore non può lasciare tutto a un figlio ed escludere l'altro, perché in questo caso si applica la legittima. Questo però non vale nel caso della signorina Pandolfini, che non avendo figli può fare testamento a chi vuole ed estromettere i fratelli dalla successione.

11. Non è sempre chiaro quando alzare un dito.

Avete ragione, anche qui faccio mea culpa.

12. Qui cito testualmente: "prosa ordinaria affetta da parole moderne come notaia (o sindaca), che non digerisco".

L'obiettivo di questo corto era appunto far abituare chi legge a queste parole, che sono italiane. Tendiamo a usare il maschile anche quando il referente è una donna solo perché si tratta di ruoli che siamo abituati da sempre a sentire al maschile. Non intendo discutere in alcun modo sulla questione dei nomi femminili di professione, vorrei solo fare abituare più persone possibile all'utilizzo di questi termini al femminile. Perché è giusto che entrino nell'uso.

14. Instant death in meno.
Hai ragione e l'idea di aggiungere dita al posto delle ID mi piace.

Risponderò al resto una volta che potrò palesarmi. Intanto grazie a tutti!


FinalFabbiX
Signore del Totoautori 2016
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1379 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Corto 19 - De cuius

FinalFabbiX ha scritto:


Provo a rispondere a un po' delle questioni che sono emerse nelle recensioni.
12. Qui cito testualmente: "prosa ordinaria affetta da parole moderne come notaia (o sindaca), che non digerisco".

L'obiettivo di questo corto era appunto far abituare chi legge a queste parole, che sono italiane. Tendiamo a usare il maschile anche quando il referente è una donna solo perché si tratta di ruoli che siamo abituati da sempre a sentire al maschile. Non intendo discutere in alcun modo sulla questione dei nomi femminili di professione, vorrei solo fare abituare più persone possibile all'utilizzo di questi termini al femminile. Perché è giusto che entrino nell'uso.

Anzitutto complimenti per esserti messo in gioco e grazie per la risposta.
Mi premeva sottolineare che con "ordinaria" intendo sufficiente, non eccelle ma nemmeno è da criticare. Lo dovevo precisare nel commento al voto.
Ciò per cui ribatto però e perché vorrei obiettare sul giusto o meno che questi termini entrino nell'uso comune, non lo decidiamo né io né tu. A me non piacciono. Ma se proprio così sarà, esigo di poter usare tale variazione anche sulle donne architetto!

Votiamo In Enciclopedia!
Copiate i messaggi prima di inviarli -pericolo slog/perdita dati!-

sancio
Cavaliere del Sole
ranks
useravatar
Offline
1250 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Re: Corto 19 - De cuius

sancio ha scritto:

Ma se proprio così sarà esigo di poter usare tale variazione anche sulle donne architetto!

ahahahah
l'umorismo da bar, quello che amo

Budellaro
Iniziato
ranks
useravatar
Offline
95 Messaggi
Info utenti nei messaggi
Administrator has disabled public posting

Info Forum

Statistiche Forum:
 
Totale Discussioni:
5509
Totale Sondaggi:
100
Totale Messaggi:
149633
Messaggi di questa settimana:
8
Info Utenti:
 
Totale Utenti:
8404
Ultimo Utente Registrato:
tyrael2k